Voices.

[incredibile, se accendete la tv adesso su raitre trovate Montano in pedana… con la sciabola… oh, non è un doppiosenso.]
 
Ci sono voci tendenziose provenienti da Milano secondo le quali la Juventus avrebbe vinto uno scudetto sebbene ieri non abbia giocato alcuna partita.
Diciamolo, è stata una conquista dolorosa. Gente in poltrona a vedere il Palermo…. Oh, poi i festeggiamenti. Fare i torpedoni con se stessi e la dinamo della propria bici. Sì, son cose che fanno male.
E intanto, sebbene per la maggior parte dei tifosi Juventini (rompicazzi per definizione. "La Juve vince? Sì, ma quello Zambrotta lì se corresse meno… Del Piero è uno scroccaingaggi… quell’Ibrahimovic lì non sembra neppure un giocatore di calcio, Trezeguet si ammala apposta, Zalayeta lo metterei in cucina a fare la carbonara e Olivera secondo me porta sfiga.") sei mesi fa eravamo una squadra come una fiat croma dell’89 (ossia da rottamare) si è vinto.
Certo che si dovrebbe avere per gli anni prossimi una rosa un po’ più farcita e cambiare preparazione: non si spiega la caporetto a metà stagione con più gente in infermieria che sul campo e con altri, che prestati ad altre squadre, che erano rottami da noi (leggasi il sig. Tudor) riescono a fare tutte le restanti partite della stagione.
Comunque questo scudetto, uscito un po’ così, è sicuramente il contrappasso per quello che abbiamo vissuto il Cinque Maggio. Io sogno ancora un pomeriggio in quel modo… siamo viziati, sì.
 
Oggi, al telefono, ho detto che il Milan ha perso lo scudetto come in fin dei conti Basso poteva perdere il Giro.
Eccolo…
Basso prende una congestione [Diosanto, neanche i bambini piccoli… a dei ciclisti professionisti devi dire: «Amore della mamma, quando bevi l’acquetta scaldala prima in bocca, che sennò dopo hai la bua al pancino…». Cazzo, è come i calciatori che prendono l’influenza… ma vaccinarli dopo che li paghi millemila euro l’anno?] e quindi si pianta, limitando i danni.
Il compaesano di John, Caucchioli, in grande spolvero nella prima fuga dopo parecchio tempo. Ma la cosa meravigliosa è vedere quel Savoldelli, quel Falco di Clusone che tre anni fa fiondandosi nelle discese vinse il giro, salire in quel modo è stato uno spettacolo.
 
E nell’orgia sportiva del week-end figura anche uno dei più affascinanti GP della stagione, quello al principato di Monaco, e la cima Coppi di domani. Ah, dite che gioca la Juve?

0 thoughts on “Voices.”

Rispondi