Everybody sing a song… Dudek, Dudek.

 La polonia dei santi da esportazione. Scappa fuori uno che per secoli era una mezzasega, la sera della finale di Champions azzecca la partita della vita.
E così il portierone operaio, della squadra dalle maglie rosse, il polacco Dudek porta il Liverpool alla conquista della coppa dalle grandi orecchie.
 
Come con il Deportivo il Milan ha voluto vendicarci….
 
Dudek che para ballando la ballalaika (contro le case mutilate dalla faida…). Dida che si ricorda di essere un portiere brasiliano, il Milan che va a datteri per sei minuti…. Una partita monumentale di Gerrard.
 
Mi sembra un po’ come quando il Real era dei galacticos. A gennaio il Milan Lab era l’ottava meraviglia del mondo. Ora non si appellino alla sfortuna, alle pippe, ai balletti, alle fonti di giuoco non marcate, al calcio spettacolo, all’umidità relativa.
 
[Non mi rosicate nei commenti. Stef, su su, condoglianze…]
 
 
[Nella foto: un Dudek che vaga per il campo cercando la birra da mettere nel bicchierino che porta in mano…]

0 thoughts on “Everybody sing a song… Dudek, Dudek.”

  1. AAAAAAAARRRRRRRGGGGGGGGGHHHHHHHHHHHH!!!

    :'(

    Tu e il tuo palazzetto!!!!

    Accidentiaccidentaccioooooo….

    ieri sera affogando i dispiaceri in mezzo chilo di gelato al tartufo, asciugandomi le lacrime (ho pianto) con la magliettina nuova regalatami dal mio nipotino, ti ho pensata…

    ti ho pensata tanto…

    tu e il Palazzetto….

    sigh…. Ho pianto… e abbastanza…

    Ora sono quì a pensarti ancora… con il mezzo chilo di gelato al tartufo che sta facendo a botte con i miei villi intestinali… E sto malino… tanto malino… e il risultato è peggio di ieri sera…

    Non mi appellerò a nulla, anche perchè se si arriva ai rigori può succedere anche che il San Giuseppe umili anche la vostra Vecchia Signora… quindi pazienza.

    Nella vita ci sono davvero cose più importanti come per esempio adesso il mio mal di pancia che mi costinge a chiudere il commento e a correre proprio lì, dove ieri sera mi sono chiuso a riflettere.

    Un bacione…

    Ti voglio comunque bene…

    Al palazzetto un pochino meno.

    Stef :)

  2. E pensare che c’era la pure berlusconi!! Voglio dire… pensate che vi siete pagati un viaggio che non avete mai fatto.

    E l’avete pagato pure per nulla, visto che ha perso.

    mah…

  3. e sedermi sulle panchine dell’uni con il rosa della gazzetta che nelle mie mani goduriose si accende di reds… due anni a sopportare gli sfottò milanisti, e oggi la facoltà è deserta: dove posso trovare gli struzzi?

    valmont

Rispondi