Probabilmente è la febbre.

Ma nuovamente, alla declamazione centroitalistica del :
"Chi vuoi chi ci va, fraccazzo da Velletri…"

Questa sera mi produssi in una risposta, acciocché la febbre è residente da circa 24 ore.
"Chissà come si appellano i confratelli del suddetto frate…"

[ovvìa, che poi all’sms paterno "notte molto caldo" risposi "già". Era serata, era.]

0 thoughts on “Probabilmente è la febbre.”

  1. Ari: nel viterbese essi tendono al raddoppio (ohilalà), vedasi cappannone.

    Spoiler:

    [visto che gente chiese chiavi di lettura della battuta (strano, è così pecoreccia) cerco di indirizzarvi] Se il frate si appella cazzo come si chiameranno i suoi confratelli (che ne so, pensate se ne son due…).

    (mamma mia, che tristezza)

  2. OFFTOPIC: ma sei mica tu quella che continua imperterito a invocare Mondo Marcio nei suoi brani? (vedi anche intro del brano “Valzer Transgenico” di Elio e le Storie Tese”)

Rispondi