Mimesi.

Da cinque minuti [cinque, forse quindici, cinque è un numero in divenire, un simbolo, un artefatto letterario] mi sono accorta che io e la mia collega s’era vicine in ferie. Ma era una notizia meno importante della visione del mio stipendio di giugno.

Sky, che mi sorprende sempre:
"Buongiorno, Fiorini?"
"Dipende"
"Sono Lucia e volevo proporre una nuova proposta di Sk…"
"Non guardo la tv, sono asociale, la mia tv è impolverata, non seguo la tv da quando mi è calata la vista, sono nomade e non sto mai a casa a vedere la tv."
"Ma neppure un telegiornale?"
"Solo Emilio Fede…"
"Ah…"
"E occasionalmente Studio Aperto, perché quel Lucignolo lì mi da i trend…"
"Capisco."
"Io mica tanto. Signorina, la prego, non posso trattarla male. Ovvero, oggi mi gira bene… ma domani che ne sarà? Magari mi gireranno le palle e la manderò affanculo, mi chiamate tutte le settimane, non sento la vostra mancanza… se mi si prende la voglia di abbonarmi a Sky me la fate passare…"
"Ehm, la cancello dalla nostra lista, scusi…"
"Bene." CLICK

0 thoughts on “Mimesi.”

  1. mia madre è insuperabile.

    Io ci metto del mio fingendomi minorenne e sgrammaticata, ma lei… ahhhhhh lei…!

    Comincia a riempire l’utente malcapitato della compagnia di telefoni/vido/arredamento/patentieuropee/quantaltro di tutta una serie di storie terribili, su quanto sia tremendo dover fare la/il centralinista e dover ascoltare un milioni di voci che si inventano scuse e poi finalmente trovare qualcuno disposto a… ecc ecc…

    insomma, sfinisce il telefonante in non poche non semplici e non chiare battute! ^__^ e io li’ a rotolarmi sul pavimento in preda al riso, con in fondo, nel cuor, un po’ di compassione per i malcapitati di cui sopra!

    baci e abbraci,

    Giuggiola

    ps in piccolo in basso: ma sei stata in Africa davvero e.. non racconti nulla?!? nahhhhh ma è un peccato!!

  2. Fran: quando IO rispondevo così, i miei mi riempivano di insulti. Una volta ho detto “aspetti un attimo” a quella dei tappeti (perchè io ho la telefonata mensile dei tappeti, a casa dei miei) e ho dato il telefono a mia madre. La quale era piuttosto incazzosa per via del lavoro: ha risposto malissimo.

    E adesso a casa mia va di moda insultare non il telefonista – ché abbiamo rispetto per il lavoro altrui, ci mancherebbe – ma l’azienda e le promozioni fasulle.

    Io mi riservo di trattare male quelli che chiamano ogni due giorni, però. Nel mio caso la Wind. Ah, la Wind.

    [Anna]

  3. Io sono riuscito a liberarmi di quelli di “sky” quando ho lasciato decantare all’operatore le meravigliose doti dei loro abbonamenti allo sport e ai film e poi gli ho detto che sembrava tutto molto interessante, ma che essendo un non vedente…

    Il tizio si è profuso in scuse e da quel giorno non mi hanno più chiamato…

    Lo so, può sembrare un po’ crudele, ma ha funzionato… :-)

    E’ un po’ come aprire la porta ai “testimoni di geova” completamente nudi, quando si presenta la coppia composta da una signora di mezza età e una ragazza…

    Oppure a quelli che offrono la connessione adsl, dire di averla già, proprio con loro (ti chiama tele2? Tu gli dici che hai la connessione con tele2, ti chiamano per venderti alice? E tu gli dici che hai già la connessione, ti chiedono con chi e tu rispondi: “ho alice!”).

    Ci rimangono male, ma di solito funziona, perché chi ti sta chiamando non è davvero la compagnia telefonica e quindi non può controllare subito.

    I più smaliziati ti possono chiedere “da quanto tempo” e allora la risposta deve essere rigorosamente “una settimana”.

    In questo modo ti sentirai dire “ah, allora è per questo” e sarai cancellata dall’elenco.

    Almeno fino alla prossima promozione… :-)

  4. mc: posso copiartele? Genialissimo.

    Fran: e in effetti non vedo l’ora di tornare a Milano nel MIO nido e sfanculare tutti – diconsi tutti – gli operatori che mi chiamano di DOMENICA MATTINA. Uno accumula stress durante i sei giorni feriali, arriva la domenica e taaaaac, ecco un operatore Wind da investire d’odio. Ah, quant’è bella la vita :D

    [Anna]

  5. Anna, certo che puoi usarle.

    E per quanto riguarda le donne e i testimoni di geova, siccome aprire la porta completamente nude può sembrare una tattica meno efficace, un’altra è lasciare la porta chiusa e gridare: “IO sono geova! Quanto abbiamo fatto oggi?”

  6. Vi devo far parlare con mia madre che da anni prega o urla di cancellarla dall’elenco di tutti coloro che le telefonano, chissà perché sempre alle 4 di pomeriggio quando ha appena carpito il sonno del pisolino.

Rispondi