Into greed.

Scusate, ma non ce la faccio. Sto leggendo da un paio di giorni la sfilza degli awards di NME e ogni volta che vedo "uomo più sexy" Matthew Bellamy mi viene da ridere.
Non so, son cose e son gusti, però boh.

Cari amisci, stasera credo riprenda Radiosglaps. Spero perlomeno, ché non ho provato l’attrezzatura e tutto il resto, però stasera, credo, alle 21:30 e per due ore ci sentiamo, carissimi. Basta seguire le info qui a lato a sinistra, su Radionation.

Dunque, prima di riprendere una serie di post che ci porteranno sulla via di Verona illuminati che neppure Paolo sulla via di Damasco posso solo anticiparvi una cosa.
Quella che non capisco perché venne suonata come canzone all’interno dell’ultimo tour è Forced in.
Forced in non sarebbe prettamente strumentale, come molte altre ha una parte di strofe distorte che vanno a confondersi tra le distorsioni della chitarra. Non so, non lascia né toglie molto, però mi rode che sia considerata una traccia vera e propria da suonare al posto di qualcosa di meglio, ecco.


0 thoughts on “Into greed.”

  1. Il nome però sembrerebbe proprio adatto. “Nessuno la vuole? Non ci sta? E noi ce la facciamo stare lo stesso, e se la cuccano, tiè!”

    (l’emmepittrè rumoroso qui non mi alletta, poi magari è meglio, eh…)

  2. Ad Assago non e’ stata poi cosi’ male…

    faceva atmosfera: gli schermi attorno al batterista che proiettavano una fiamma al rallentatore, e Matt e Chris raccolti li’ vicino…un trip!

    Che poi abbiano messo quella e lasciato fuori una “Citizen erased” o una “Showbiz”

    o chessoio…quello e’ un altro paio di maniche!!!

    Sere

  3. ogni volta che leggo delle distorsioni musicali di quelli là, chessò, mi viene una distorsione. ecco.

    (non te la prendere, di musica capisco ‘na mazza, educarmi è tempo perso)

  4. sei una grande te senti i muse!!!!! io sono andata all’ultimo concerto a roma!! bè volevo solo dirti ke sei una grande!!!! -ale-

  5. Beh, in effetti,”Forced in” sembra più uno scherzo, un divertissment, quindi non da proporre, chessò, in un live, quanto poi al premio di uomo più sexy dell’anno conferito dagli NME Awards al frontman dei Muse anch’io ho qualche riserva: basso, rachitico, cosce storte,muscolatura da lanciatore di coriandoli, faccia scavata e smunta,dentatura da roditore e perennemente spettinato come lo scopino del cesso, come può mai Mr Bellamy, suscitare negli individui del gentil sesso pensieri sconci??? (e perchè questo è sotteso nel riconoscimento in questione)……proprio vero che gl’inglesi non capiscono un cazzo di niente, a parte di musica.

Rispondi