Rosette (o michette) in vetroresina.

Io lo dicevo.
Anzi, chi vuole seriamente aprire una panetteria qui me lo dica. Io mi offro per svegliarmi alle 4 del mattino e fare il pane, che poi faccio anche come Fabio Volo e poi ci scrivo i post su me che panifico. Ci metto pure il nome per gli incentivi all’imprenditoria femminile.

Ora noi toscani sul cibo si è teste di cazzo.
[parlo io che da 15 giorni non mangio nulla, ho una gastrite della madonna, vomito che non mi va giù uno spillo e tanto che stamani un mio collega di università mi ha fatto: "eh, ma sei dimagrita"]
Dicevo, noi toscani si è molto pretenziosi sulla base della cucina.
E qui il pane fa davvero schifo. Benedettoilcielo, dico, pare polistirolo. Cosa che il giorno dopo che lo compri non è che è raffermo: puoi farci l’intifada.

Io sono per il pane quello toscano, quello che se lo metti nel canovaccio ti dura una settimana. Anche perché no, non ci ho voglia di fare spesa tutti i giorni. Poi coincidentalmente non ci ho neppure tempo. Però ecco, alla fine avessi tempo me lo farei anche in casa. Sì, potrei farlo una volta alla settimana e surgelarlo, ma insomma… sì, dovrei farmi il pane in casa.

Quando parlavo di queste cose mi prendevano per scema, qui, i locali. Poi ci aprono anche i quotidiani su una cosa del genere e quindi mi sa che avevo anche della ragione.
A Chianciano il pane costa un euro e ottanta al chilo, del pane che mi dicevo io, ossia quello che almeno per 4 giorni lo puoi mangiare. Qui sette-otto euro. Meno male che non sono abituata a mangiarlo, il pane. Sì, perché in hotel era contato per la clientela, e se non bastava eran strilli. Son cose.

0 thoughts on “Rosette (o michette) in vetroresina.”

  1. io vorrei tanto farmelo,il pane in casa. poi,link per link, vengo a scoprire che bisognerebbe farsi da soli anche il lievito (perchè se fai una cosa devi farla bene) e che farti il lievito significa aspettare che in qualche settimana,praticamente,cresca una muffa che tu stai accudendo con cura.

    A quel punto,ho rinunciato.

  2. Qui siamo dei barbari che facciamo il pane salato, eh, ma devo dire che quanto dici non è sbajato nemmeno per me… trovar pane buono non è facile :(

    (l’intifada xD)

  3. da piccolo dovevano farmelo inghiottire a forza, adesso sono un amante del pane. per dire: lo mangio anche con la pasta.

    esperienza diretta (avevo un caro amico panettiere): il pane si comincia a fare a mezzanotte, mica alle 4 del mattino.

    e poi, attenta a come ti esprimi: con una frase tipo “benedettoilcielo, dico, pare polistirolo” rischi la macumba di qualche vescovo un pochettino integralista

  4. anche la mia zietta fa il pane in casa… ma ci ha un sacco di tempo buco lei!

    io mi sto disabituando al pane per motivi di tempo. un giorno so che andrò avanti a crackers e schiacciatine varie…

  5. (devo rispondere più spesso, sennò non riesco uno per uno, sob)

    rs: il lievito madre lo puoi anche comprare per la prima volta dal fornaio (occhio, fornaio, non rivendita) e poi conservarne un pezzettino di impasto fatto ogni volta così da avere sempre il lievito.

    Ciccio: ehm, ho dei forti lasciapassare in ambito clericale :P

    (no come fabiovolo? uff… )

  6. Ma tipo che il pane arabo e’ una delle cose piu’ buone del mondo.

    Va addentato morbido, tutto infagottato di speck e brie e si potrebbe far finta di credere, per alcuni istanti, che si, la vita non e’ poi cosi’ malaccio.

  7. A Eboli fanno una cosa buonissima, che chiamano “pizza moscia”. detta così fa ridere, però non sai che buona: è tipo una ciambella, però un po’ schiacciata, larga tipo pagnottella da mezzo chilo, diciamo, morbida morbida tipo focaccia ma senza l’unto ella focaccia… mio padre ne taglia uno spicchio (uno spicchio della ciambella, facciamo tipo 1/6, massimo 1/5. 1/4 no, ché è troppo e poi mamma lo sgrida…), lo apre a metà e ci mette la mortazza dentro.

    Ma anche col prosciutto crudo ha il suo bel perché, ecco.

  8. se vuoi fare il pane ma non hai tempo ti suggerisco una macchina per il pane (30-40 euro e ti togli lo spavento)…io l’ho presa ed è fantastica! metti dentro gli ingredienti e la programmi…le fa tutto da sola (impasta e cuoce) e sforna all’ora che decidi tu!….

  9. sogliadibronzo: è da considerare.

    tommaso: non so come mai vi vien da dirlo a tutti voi nordici, ma il pane non salato è buonissimo, proprio perché senti il sapore buono della farina (che dovrebbe essere buona, se lo sali invece non si nota e quindi è pastrocchiato)

    alexios: quasi :)

  10. prova almeno una volta a fartelo da sola è divertente e non ci si impiega più di una mezz’ora. lo impasti la mattina o la sera prima e lo inforni quando torni o quando ti svegli. in più la casa ti si impregna di un odore buonissimo.

    se vuoi vendono la panetteria sotto casa mia

Rispondi