Come era la storia della canzone della Tatangelo?

Un mesetto fa Domiziano mi aveva parlato di un certo progetto, che ora pare uscito fuori molto bene. Io, come spesso ho fatto negli ultimi mesi (in pratica, non è per SNOBYSMO, ma ho accettato solo il giuochino del primo aprile se ben ci penso), ho rifiutato adducendo la solita scusanonscusa mia, ossia quella che mi manca tempo.

Invero mi manca l’ispirazione, ho anche un umore bassissimo che lavoro e università non aiutano. Sto vegetalizzando. Va proprio malemale, ho apatia, ansia, crisi di pianto, non ci sto molto col capo e non ho una gran voglia di vedere gente. Mi sta un po’ cedendo di schianto il sistema nervoso. In pratica mi pare ci sia solo una cosa che vada benino e non ne parlo per scaramanzia (sapete come è). Ah, sì, non è la salute.

Dicevo, il progettino di sopra è bello. Ma sorge un problema. Di codesto post ironico io, sigarette escluse, mi riconosco perfettamente nel decalogo maschile.
Anche perché in casa al mare io (e mia mamma), o anche in casa qui o altrove se ora ci penso, io sono più simile a questo profilo. Potrei stare ore a parlare della differenza tra coppale e impregnante, e quali usare sul legno a seconda della destinazione d’uso. Il sole se e quando lo prendo è perché scartravetro il legno, perché smonto le stecche del cancello e le rimetto al vivo col frullino o perché passo il quarzo alla facciata.
Gabriella Bianchi*, non so chi tu sia ma ti voglio quasi del bene per quel post (anche se, diciamolo… Bianchi e Neri…. mmm, molto ironico eh… pare satira, quasi)

[in compenso anche io però mi tingo i capelli, anche se i miei amici maschi non lo capiscono, e ho una cura maniacale delle unghie. Però ecco, il bricolage mi rilassa quanto una seduta di massaggi. Che ci volete fare, noi donne etrusche abbiamo più palle di altre. Guardate anche quest’altra, per conferma.]

*Visto che Gianluca Neri non ci riesce, possiamo far organizzare a Gabriella Bianchi la blogfest? Giustappunto leggevo che c’è la blogfesttransalpina in codesti giorni…

0 thoughts on “Come era la storia della canzone della Tatangelo?”

  1. vedi fran, tu fai bricolage, io mi diverto a imbiancare le pareti (anche di vari colori, ma incolorare non si dice) e spostare mobili per dimostrare che ho discrete (s)palle. son cose.

  2. Eh, non per nulla poi te per contrappasso stai con uno che è figa imperiale (invece chi sta leggendo questo commento e sorriderà so che si dedica alla cucina, ecco, non ti sto dando della figa imperiale come al tk, coff, mi sto inserendo in un cul de sac)

  3. mannaggia…anche io mi ritrovo nella descrizione del “post ironico”…solo un piccolo dettaglio ODIO cucinare, ma quando lo faccio sembra che in cucina sia esplosa una bomba.

    Caduta di posacenere e bottiglia d’acqua sono appuntamenti quotidiani!

    …d’altra parte il mio migliore amico dice che sono un uomo imprigionato nel corpo di una donna

  4. facciamo la blogfest delle donne con i blogger fighi a fare gli spogliarelli, tipo 8 marzo.

    comunque.

    Mi dica, Fiorini, lei il mordente me lo sa dare? Ho tipo 48 correnti che l’aspettano, nel caso.

  5. greenwich: [ossignore, gli spogliarelli] molto bene direi, se vossia paga anche una cifra (simbolica) io vengo ad operare da lei. Si accettano volentieri anche vettovaglie della nostra zona, ché ci ho nostalgia.

    sogliadibronzo: eh, posso capire.

  6. Per quel che mi riguarda, la mia situazione è intermedia tra i due post citati: sebbene da un pò di mesi a questa parte mi ritrovi(bleah!!), causa disoccupazione forzata, a vestire i panni della “casalinga disperata” (però non mi fanno ,fortunatamente, avvicinare ai fornelli, mi considerano tutt’ora un “pericolo pubblico”), mi sento, nel mio intimo, un animo da manovale tale che ogni tanto prego invano mio padre di portami con sè nella bottega dove assembla zanzariere e profili di alluminio; sarà pure poco “femminile” però mi divertirei più così che col grembiule ai fianchi……

    E non venitemi a dire che le palle ce le avete solo voi dell’Etruria, che la scorza ruvida viene anche a noi laziali confinanti la Campania, allenate da anni ed anni di fiancheggiamenti con i peggiori soggetti della cintura Napoli -Caserta!

  7. non c’ho capito molto a dire il vero, ma credo sia dovuto all’insieme di ustione da forno a legna sulla mano (mi son fatto la pizza) e il litro di birra di quella pesante che mi sono scolato degustando il mio prodotto.

    Che poi, ho capito male io o i tuoi hanno un albergo? In che zona? Non è che necessitano di un cuoco per l’estate?

    Nel fortuito caso che questo famigerato albergo non esistesse, la spiegazione è all’inizio e comunque questo messaggio si autodistruggerà fra 5 secondi.

    Passo e chiudo.

  8. Fra: eh, si estenderà a tutto il centroitalia (che lo dico, semo li mejo)

    tommaso: mio padre ha un hotel, ma io e lui abbiamo pessimi rapporti. Altrimenti ti avrei segnalato più che volentieri.

  9. Ti offro vitto, alloggio, ti pago il viaggio e ti di faccio un offerta spontanea di 100€ per giornata…

    … mi passeresti l’impregnante traspirante nel tetto in legno della mansarda :-D

    Ciao…Va che scherzo, manco ce l’ho la mansarda… ;-)

Rispondi