Ma è lunedì?

Per come son messa devo informarvi che tutto ieri sera ho cercato di ricordarmi di ricordare che fosse lunedì, ma non me lo ricordavo. Quindi abbiamo girato per cercare un ristorante io e un mio amico e poi a casaccio siamo entrati in uno che mi sa che solo quattro anni fa gli ci portai dei volantini. Ma boh, che ne so.
Comunque per via Cavour parlava Vignali, e dopo quando ritornavamo in casa io e questo mio amico che potrei anche linkare, ma visto che le cose misteriose attirano di più non lo faccio, ho notato che fuori la sede del comitato elettorale pro Vignali, quello che avevamo bypassato in cerca di ristoranti aperti senza tante persone accalcate, sotto la pioggia e sotto questo strato di ombrelli tali che dovetti chiudere il mio, per passare, di ombrello, lì in via Cavour c’erano poi verso le 21:45 i sacchi neri pieni di cartoni per la pizza.

Non ci ho tempo.
Nel senso, non capisco più, sto in codesta dimensione transeunte che non capisco manco io. Ma boh, sono tra il rincoglionito e lo stato che solo la bustina di disinfettante per l’intestino sa darmi.
Vi dirò, mi sa che dormo eh. In caso domani rispondo ai commen

0 thoughts on “Ma è lunedì?”

  1. Jet-lag da ponte…Yum,adoro quella meravigliosa sensazione di rincoglionimento che ti fa sentire sperduta nel continuum spazio-temporale…

    Chissà se quello che ho scritto ha un senso o è solo un altro delirio dei miei…Mi sa che è la seconda che ho scritto!

  2. Pure io questo week-end sono stata più rintronata che mai, forse per l’esplosiva coincidenza del ponte del due giugno e della festa del patrono che ha bloccato tutto l’asse Gaeta-Formia (eh già, i due comuni lo festeggiano contemporaneamente) e questo mio rimbambimento ha toccato l’apice con il concerto di Paolo Meneguzzi nella piazza principale del paese…..uhm….

Rispondi