Scent of the pine you know how I feel

Matthew, te lo dico io come mi sento con l’odore del pino. Temo (o non ricordo bene) che io sia allergica, ecco. Non è che quindi mi sentirei così bene.
Qualcuno doveva scriverlo, ‘sto post. Cioè, prima o poi dovevamo arrivarci, a parlare delle cover fatte dai Muse. C’è solo un caso reciproco, ossia la cover di Time is running out dei The Feeling. Ma non divaghiamo, capitolo cover fatte dai Muse: queste.
Le principali note coverizzate dai Muse sono state fatte live. Tipo i riff di Heartbreaker dei led Zeppelin (suonata spesso prima di B&H, la prima volta mi pare proprio a Glastonbury), quello di Burning Bridges degli Status Quo, quello di I want to break free dei Queen suonato prima di KoC al Rolling Stones di Milano, o quello di Maggie’s Farm di Dylan.
Poi ci sono le canzoni quelle registrate, più o meno. Nel senso che non proprio tutte stanno su un album, ma vabbè.

Partiamo da Dracula Mountain, suonata a Earls’Court nel 2004. Non esaltantissima, diciamola, anche perché i Lightning Bolt nell’originale ebbero altro mordente. Ma si sa, dal vivo si giuoca e si ischerza.

Poi vabbè, la scorsa settimana c’era fuori un cd con NME. Ora questa settimana ci sono le foto del concerto di Wembley, fighissime (oddio, tranne il leader dei MCR che mi sta lì, tutto emoboy, tutto nero con la mano alla fasc… ehm). Però dicevo, oltre ad esserci alcune tracce che adoro anche io, vediamo se capite quali, c’è la cover di una canzone che ora ci ritroviamo in tutte le setlist degli ultimi lavori: Man of Mystery, cover degli Shadows, inviata poi via mail (sic) al giornale dopo che è stata registrata durante il tour e mixata via laptop. Ah, se volete NME mette a disposizione anche Motp registrata live.

E adesso semplice, si passa alle 4 canzoni bene o male inserite tra b-sides e album. Prima, considerando l’amore che si nutre verso il Moz, metto Please, Please, Please, Let Me Get What I Want, mai suonata live dai Muse e inserita tra le b-side di un singolo doppio come Feeling Good/Hyper Music.

Anche House of Rising sun venne introdotta in una compilation per NME. E ‘sta canzone, nel repertorio popolare ammerrigano, l’han coverizzata cani e porci. Pensate, anche Blair la sa suonare, è la prima che ha imparato. Son cose eh. Nella versione dei Muse viene però amputato e riadattato il testo (oserei un argh di purismo ma vabbè, è una cover)

Para-para-paaaarapappà… TREEEENINO! Chi, e dico chi, intrappolato negli odiosi trenini capodanno-villaggiovacanze non l’ha ballata. O chi non se la ricorda nei film anni 80. Sempre nel secondo singolo doppio di marca Muse che uscì con Hullabaloo, ossia Dead Star/in your world, era presente Can’t take my eyes off you. Codesta canzone venne suonata live alla BBC nel programma re:covered, con Dom e Chris che fecero i coretti. La novità sta in Dom, che è lievemente stonato peggio dei colori (coff) che usa per vestirsi (ma io queste persone che si vestono con colori sgargianti le trovo tanto intelligenti, acute, ammodino e irresistibilmente fighe, un po’ incomprese anche)

E in un crescendo rossiniano arriviamo a ciò che avevamo celatamente accennato nel titolo. Forse la canzone coverizzata dei Muse che conoscono porci e cani, ché la troviamo anche nelle playlist dei concerti recenti. Eh, signora mia. Alla mamma del Matt garbava tanto Feeling Good cantata da quella gran voce di Nina Simone. E venne inserita in OOS. Venne poi usata per la pubblicità del Nescafé, senza chiedere i dovuti permessi, sicché i Muse fecero causa e poi diedero i soldi alla Oxafam. Poi ci fu una volta in cui venne suonata a Radio3 TVE e Matt iniziò dopo il secondo verso a dire "Fuckin’ Fuckin’ Fuckin’ little Fuckin’ yeah". Lievemente allegrotto diciamo, ecco.

11 thoughts on “Scent of the pine you know how I feel”

  1. celo tutte ;)

    a parte man of mystery..è in versione studio?

    (PS. mode fastidioso on: credo il titolo sia “can’t take my eyes off you”…anche se c’è chi lo scrive con un ulteriore of, tra off e you)

  2. “[…] Ora questa settimana ci sono le foto del concerto di Wembley […]”

    Secondommè il link sotto “foto” dovrebbe essere un altro, che quello è lo stesso che sta sotto a “cd” :O

    (ci volevo annà’ per ricordarmi chi diavolo sono i MCR, annò, forse i My Chemical Romance…)

  3. Le foto dei live tenuti dai Muse al Wembley rimesso a nuovo mi fanno solo pensare ad una cosa:

    I PROSSIMI CONCERTI IN ITALIA A S.SIRO,ALL’OLIMPICO E AL DELLE ALPI,NEI TEMPLI DEI GRANDI DELLA MUSICA, altro che quei vecchioni degli Stones e quella palla della Pausini!!

    P.S.: Marilyn,ovvero la povera signora Bellamy, aveva ottimi gusti musicali.

Rispondi