Volere è potere, noi voliamo e potiamo.

Arrivare a sentire alle 4 di mattina, con il cranio appoggiato sul legno della finestra e sentire gli augelletti cinguettare perché attendono il levar del sole… se ci arrivi alle 4 di mattina non in quel modo, ma dopo che hai coglionato i ciechi (cfr non aver chiuso occhio) tutta la notte non perché sei stata male ma peggio è la cosa che auguro a sei-sette persone per migliorare la loro vita.

Così, come dice quella donna gajarda che è la madre della mia migliore amica, così se te rode almeno pensi a grattartelo.

Il mio fisico è qualcosa di strano. Pensate: con le febbri dell’ultima settimana son cresciuta di un centimetro. Se ne è accorta mia mamma.
[secondo l’anatomia classica a 24 anni non si cresce più, ma si rinsaldano le giunture, diciamo, al massimo]

Durante ‘sta settimana son stata (giustamente, per chi sa) un cencio. Eppure se mi programmi a stare in piedi (vedi dagli Elii, vedi a Berlino) glielafo. Son cose.
La forza dell’incoscienza, eccheccazzi.

P.s. Ah, per la gente che ancora rosica consiglio nuovi svaghi. Pensa, potresti fare come i miei vicini che staccano ai dirimpettai la corrente, così sfogheresti tutta la tua rabbia repressa. Son cose, signori miei. Citando filosofitardotrinacriensi: "il vostro rosicamento, il mio godimento".

0 thoughts on “Volere è potere, noi voliamo e potiamo.”

  1. Condivido la riflessione in pieno e non perchè di parte. Chi non è persona amica stia alla larga e sia coerente fino in fondo, cercandosi altri svaghi costruttivi, che non siano quelli di controllare in modo ossessivo ciò che fanno gli altri.

    Graziella 2204

Leave a Reply