Smoccichino, Lo.

Smoccichino: (colloq., sing, m) chiamasi così il fazzolettino usato intriso di muco e lisozima lasciato a disseccare o a macerare in diversi luoghi, per lo più pubblici e/o visibili da aInfluenzatindo.ltri quali ad esempio la parte sotto dei banchi scolastici, o le proprie tasche, o un tavolo.
 
Dei termini che il mio background linguistico presenta c’è anche questo sopra.
Ve lo volevo dire oggi, che ci ricordano che il Vicks Vaporub (amico di chiunque fa una autopsia) fa del male, specie se si è bimbi.
Io ricordo che non lo potevo mettere dacché piagava la mia delicata pelle come se mi spalmassero la pece, ma sono dettagli.
Insomma, cosa dirà la VIcks che dice che parte dalla soluzione e non dal problema?

[nella foto: l’influenza e il raffreddamento che colpiscono un membro di casa. Mai visto un Rodesindro così.]


0 thoughts on “Smoccichino, Lo.”

  1. Povero piccolino di casa, è influenzato! Tuttavia capisce che deve stare a letto al calduccio,qui sembra dire embè che c’è?

    Graziella2204

  2. Uhm, la storia che il Vicks Vaporub facesse male ai bambini girava già dai tempi in cui io e la mia sorellona 34enne eravamo alle elementari (infatti non lo usavamo mai, sebbene la pubblicità lo raccomandasse come un vero toccasana per le vie respiratorie intasate da tosse e raffreddore).

    Comunque, a proposito di medicinali altamente sconsigliati perchè pieni di sostanze tossiche, chi si ricorda del Baktrime, lo sciroppo antitosse dal sapore molto simile alla candeggina, dopo la cui assunzione era d’obbligo mangiare almeno due biscottini per restituire vita alle papille gustative???

    P.S. : della serie similitudine dei dialetti da nord a sud, da me fazzoletto si dice la muccher.

Rispondi