Motivi per cui un barcamp a Parma diventa una cosa figosa.

  1. Siamo al centro congressi, tra un processo Parmalat e l’altro. Quindi è possibile anche realizzare un festival fotografico con dei cartelloni in cui i bloggerz possono farsi fotografare con scritto sotto: "Qui c’era seduto Tanzi".
  2. La sottoscritta si sta sbattendo e si sta facendo venire ansie: quindi sarà una cosa che riuscirà benissimo. L’unica cosa: magari tenetemi un medico in sala, ché non so se reggerò.
  3. Fuori c’è L’Auditorium, fatto da Renzo Piano. E per i fumatori bloggerz è bellissimo, pensate che bello, uscire a fumare in questo parco e in caso di pioggia fumare lì coperti.
  4. In caso di conti in sospeso tra bloggerz ci sono delle vasche-peschiere ove potete lottare.
  5. Sì, il parco vicino è episodio del pestaggio vigilesco.
  6. C’è il parcheggio, ampio, e c’è il bus che vi ci porta direttamente dalla stazione. Ma in caso siamo anche a un km dalla stazione, per i salutisti.
  7. Vicino c’è il Barilla Center: lì potete scaricare la famiglia non bloggosa. E siamo ai bordi del centro storico: anche lì possiamo fare qualcosa per mogli, figli e gente che s’annoia a stare lì mentre noi decidiamo le nostre sorti.
  8. Perché ci sono io.

0 thoughts on “Motivi per cui un barcamp a Parma diventa una cosa figosa.”

Rispondi