Tante care cose.

Sono molto stanca.

Ora tento di trovare un po’ di energie. Stasera mi divago, domani ho una giornata di pre-organizzazione tremenda, tra art attack e pacchi da recuperare in giro. Domattina passa pure il corriere con le magliette, ché stamani è passato presto e non c’ero. Ieri un’intervista al telefono, di mezz’ora. Oggi un’altra intervista. Bene eh, ché dovendo parlare due giorni prendere un po’ di scioltezza è un bene. Ma ho due occhiaie da segaiolo.

Mi hanno chiesto ieri se ne posso rifare un altro di Barcamp. Non so, dipende. Sono un po’ scazzata ora come ora. Tutto da sola, tutta la responsabilità e gli scazzi organizzativi non so se mi viene voglia di riprendermela. Forse se avessi la parte economica assicurata senza pensare "oddio, devo ancora pagare la sala", potrei farci un pensierino. Non so, davvero non lo so. Sono un’idealista e una che non molla. Però checcazzi, cioè, c’è autolesionismo ma dopo un po’ ci si scassa il cazzo: anche perché non avete idea di quanta gente ha detto no, ha sclerato come se gli avessi ammazzato i genitori o ha fatto la sòla.

Ho mandato esattamente 119 email in giro per cercare gli sponsor. A queste email sono arrivate 40 risposte, la maggior parte negative, alcune interessate all’inizio che poi non si son fatti più vivi. Ho perso il tempo delle ore impiegate. Ho perso il conto delle incazzature e della gente che mi ha trattato come una deficiente…

Molti mi hanno detto, aggiungendo una faccina sorridente o meno, chi me l’avesse fatto fare. Non lo so, è che io la maggior parte delle volte mi ci butto nelle cose e poi tento di finalizzarle.

Quando in questi giorni mi arrivano dei grazie dalle persone via email, io, anche se faccio finta di nulla, mi sento come se non avessi buttato via due mesi (già, perché oltre tutto dovreste sapere che tutto è stato fatto a tempo record) ma fatto qualcosa di buono. Che per ora serve solo per il karma.


0 thoughts on “Tante care cose.”

  1. 1 – Resisti

    2 – Complimenti per quanto fatto fin’ora.

    3 – Se dopo il barcamp vorrai “ricaricarti” ti consiglio di andare alla Pietra di Bismantova un monolite unico nel suo genere sull’appennino reggiano. Una specie di Ayers rock europeo.

    Aloha – StefsTM

Rispondi