Oh, se andassi a lavorare per mtv bitumatemi.

Ieri già mi ero ben incasinata la giornata sentendo che Malika Ayane si è riprodotta con uno e ci vive assieme al loro figliolo in 45mq a Milano (come mai ti ha scioccato? mah, non so, uno si fa delle immagini e poi ci resta male. Del resto è un po’ come se una rockstar inglese si fidanzasse con una psicologa comasca… ah, è successo anche quello? Cielo)

Poi nel pomeriggio inoltrato, quello che viene dopo la seconda volta che ti fan vedere i Simpson per capirci, non so perché ma avevo bisogno di uno sfondo sonoro convincente ho provato a mettere mentre ero sul tappeto rullante la selezione su mtv. Solo che su mtv c’era lì la fastidiosa voce del nongiovane (oh, ciccio, sticazzi in accezione mecojoni, che è un apperò italianamente tradotto non si dice a Roma. Vergognati e torna nel tuo angoletto, nordico) a fare una specie di cosa sulle band più amate dai giovani.
E tu ti chiedi, perché sei rimasta lì? principalmente perché stavo correndo e non avevo voglia di cambiare, poi perché mi pare brutto non saperne di più di quelli che stanno sotto i vent’anni e i loro gusti. Quindi son rimasta lì, mi son sopportata un po’ di cose tipo queste band giovani tipo Lost e dARI che parlavano ma anche Syria e mi son vista due cose messe in croce sui Finley (che giganteggiavano in confronto ai simili di cui sopra) e poi Avril Lavigne (ehi! ma quella c’era anche alla mia epoca!) e poi i Tokio Hotel.
Quando però il nongiovane ha letto il nome del cd dei Tokiohotel mezzo in crucco e mezzo in italiano ho cambiato su rocktv.

Ci son dei limiti eh.


0 thoughts on “Oh, se andassi a lavorare per mtv bitumatemi.”

  1. Per quel che mi riguarda, ho smesso di guardare MTV e tutto il cucuzzaro degli artisti che piacciono ai ggiovani da almeno due anni, cioè da quando ho passato le trenta primavere, sebbene sappia chi sono i Finley,i dARI ed i

    Lost perchè pure la Rai ne parla in continuazione.

    P.S:mi sembra un pò pretestuoso definire psicologo chi ha soltanto preso una laurea (triennale?Se ho sbagliato correggetemi) in psicologia; è come se, definissi avvocato un semplice laureato in Giurisprudenza, o un dottore un laureato in medicina. Non è per fare la rompiballe, ma è giusto chiamare le cose per quelle che sono. O no?

  2. I Tokyohotel esistono ed hanno dei fans piuttosto aggressivi, guai a dir male dei loro beniamini,ti apostrofano in modo pesante!

    Riguardo le lauree, da quando esistono anche quelle brevi di tre anni, la situazione è questa, la mia laurea è di 4 anni con il vecchio ordinamento, ma non si può mischiare medicina la cui laurea da diritto ad esercitare la professione anche senza una specializzazione (vedi alcuni medici di famiglia).

    Graziella2204

Rispondi