Siamo tutti un po' drummers.

Ok, la Ventura ha collezionato un’altra figura di merda e i Muse hanno fatto lo scherzone, migliorandosi rispetto a quando avevano fatto il playback a caso a Top of the pops. Non è che sia una novità, entrambe.

Analizziamo: la Ventura sebbene si senta esperta di musica non sapeva chi fosse Jeff Buckley, ricordate? Quindi ci meravigliamo che non conosca i Muse o faccia battutine sul peso di Beth Ditto? Dovremmo? Direi di no. Il problema è che anche gli autori sono delle capre o che gli autori stessi hanno le palle piene di lei e si son vendicati. Non so, ma poco me ne frega. Diciamo che la nostra tv di stato fa cagare, e questo era un abile paradigma della cosa.

E i Muse?
Beh, noi fan(s) al di fuori del paesereale sappiamo benone che il più propenso alle interviste è Dom. Che gli stanno sulle balle i leader totalitari (siamo passati però dal brucerai all’inferno per i tuoi peccati a Bush a Berlusconi suca su twitpic) e le esibizioni in playback. Quindi? Quindi nonostante il queenesmo, il depechismo, le fisse lì e là di complotti i ragazzotti si vogliono ancora divertire, vivaddio.

Per chi non sa ancora tutto quel che è successo il video è qui, ed è riassumibile in si erano scambiati il posto, la Ventura non sapeva nulla, e ha fatto la peggiore intervista della sua carriera (che già contiene parecchi punti bassi, nelle interviste) risultando però stavolta non lei la gigiona (!) della situazione ma la cariatide sbeffeggiata.

[e sì, io me l’ero perduta perché ero a Fiumicino. Grazie wh1pl4sh]


0 thoughts on “Siamo tutti un po' drummers.”

  1. mi sa di citazione…

    già i Nirvana avevano preso in giro “Top of the Pops” nel ’91 suonando “Smells Like Teen Spirits” a ruoli invertiti… e non solo…

  2. Ma che burloni!!!!Io ero a casa a gustarmi tutta la scena con grande spasso, con mia madre e la mia sorellona maggiore a guardarmi perplessa e a fissare perplesse il televisore,e soltanto quando ho spiegato loro che le persone che si stavano esibendo in playback si erano in realtà scambiate di posto, allora hanno abbozzato un risolino a denti stretti .

    P.S. : la simpatica “trovata” comunque prova quanto dicevo qualche commento fa sul livello di notorietà pressochè scarso del terzetto inglese in Italia. Al posto dei componenti originari avrebbero potuto esserci pure tre extraterrestri e le cariatidi in studio e a casa non avrebbero notato la differenza..

Rispondi