Giaccone catarifrangente.

Oggi ho girato per autostrade, e solo che in pratica sulla A2, in austria, usano una sorta di antigelo fatto credo da guano e catrame. Non so bene cosa sia, ma credo sia una cosa chimica che si è attaccata al lavoro del mio pneumologo.

Quindi ecco, stavo lì e scendevo col mio giaccone quello azzurro catarifrangente e facevo tipo il meccanico ferraridapitstop e pulivo il parabrezza.
Solo che bisognava farlo ogni 40 km, ossia ad ogni cosogrill. Ma c’è stato un momento che lì, la placca attaccata al parabrezza non faceva vedere quindi un tubo e dunque sono scesa io con una salvietta di quelle che mi ha dato Air One in aereo.
Oh, ho pulito benissimo e abbiam tirato altri 50 chilometri, solo che se avessi avuto altri 3 cm di circonferenza culo era già bello e attaccato sul parabrezza del tir polacco che mi è passato accantoaccanto.

Poi dite i viaggi rilassanti eh.


0 thoughts on “Giaccone catarifrangente.”

Rispondi