Vabbè, fasciatevi la testa.

Sali, scendi.Scrivo poco perché non mi va. Perché non ne ho voglia. Perché vedo così tante cose che faccio fatica a rielaborarle. Mi ci vuole tempo e invece ho un casino di imput ovunque e dovunque.
Voi state a fare i bilanci di fine anno e non capisco. Il calendario è una convenzione. Vi lamentate delle tradizioni e poi ci cascate.
Posso solo augurarvi di non avere i miei 2007 e 2008. E augurarvi a chi non mi vuol bene di passare quei due anni assieme condensati in uno.
Per il resto è così, la vita è a base di Culo. Bisogna saper cavalcare un’onda, stare ad aspettare un’onda, saperla prendere bene. Dipende da noi, in parte. Poi ci sono delle cose così grosse che non dipendono da noi.
Non fate i coglioni a spendere 500 euro per Capodanno, quindi.
Szia.


0 thoughts on “Vabbè, fasciatevi la testa.”

  1. Ad ogni tuo nuovo post cresce la mia stima per te! Per quello che dici/scrivi e per come lo dici/scrivi: senza tanti giri di parole, che la verità quella è.
    Poi, saranno circostanze cosmiche strane ma anche i miei 2007-2008 sono stati anni pessimi, e non li auguro nemmeno a chi mi vuol male…beh, a qualcuno si.
    Il mio augurio è di un anno sereno, che porti soddisfazioni, e che ovviamente sia colmo di concerti e buona musica! 
    E l’unico motivo per cui oggi mi schioderò di casa con questo schifo di tempo è andare ad un ccnerto in piazza, gratuito, anche se apprezzerò 1 su 2 di chi canterà! 
    Ali

  2. Patrizia Laquidara + i Lost, entrambi vicentini e infatti il tutto era in Piazza dei Signori a Vicenza. Ero curiosa di sentire la Laquidara, che aevva bure dei gran bravi musicisti al seguito…peccato i miei amici avessero paura di prender freddo e siamo arrivati tardi, in tempo solo per i Lost.
    Cmq, devo ammettere che è stato un bel modo per festeggiare, anche se non è proprio il mio genere di musica, sarà che sono iper-allergica a cenoni e similari! 

    Adesso son qui che controllo ogni giorno se gli Editors aggiungono sta benedetta data in Italia ad aprile…

    Ali

  3. eh…lo so, "i Lost ecco" direi che racchiude bene il mio pensiero. Peccato, perchè bastava andare li un’oretta prima per la Laquidara, sta gente che teme il freddo… Cmq alla fine io mi divertivo…non fregandomene nulla della musica mi impegnavo con le foto e mi è uscita la mia foto-concerto più apprezzata sul sito dove le metto…dei Lost!

    Non mi ricordo se poi ti avevo detto del biglietto inglese degli Editors: ho preso mentre ero a Londra il biglietto per il 24 marzo alla brixton academy, ce ne sono ancora ma solo posti a sedere, io ho un standing place solo perchè avanzava al mio amico. Ma lui, inglese, dice di non disperare che a volte poi ne rimettono in vendita, in caso ti interessasse. Le mie possibilità di andarci realmente sono molto poche, ma tant’è…ho perso troppe occasioni in passato e quel biglietto lo volevo!
    Appena si decidono a dire la benedetta data italiana ti avviso subito!
    Ali

Rispondi