Beh, a me ad esempio la cosa che soprende è che usa le k.

«Amore, ti ho mandato un pensiero da Licia. Spero tu kapisca questa volta».
«Amore perdonami, ho visto solo ora la tua chiamata. Ultimamente ho problemi con la linea telefonica. Se posso fare qualcosa. Un bacio grande».
«Mi sei mancato tanto, spero che tu mi possa richiamare presto. Ti amo ancora, sai, Lady X».)
«Silvio vergognati! Mi hai fatto ammalare, paga i conti dello psicologo».
«Spero ke krepi kon le tue troie».
 

[Tommasi Sara, c.a. 2011]
Quindi in Bocconi ti insegnano a scrivere sms con le k. Fortuna che io universiteggio altrove.


0 thoughts on “Beh, a me ad esempio la cosa che soprende è che usa le k.”

  1. Io universiteggio lì e – che te lo dico a fare – spero la smetta di spenderne il nome per coprire le proprie vergogne!

  2. Guarda, non era un attacco diretto contro la Bocconi. E' più un attacco, o meglio una battaglia mia personale contro 'ste persone che sbandierano lauree come alibi. Dalle veline fino alle ancelle di Berlusconi ora…

  3. Rigagnolo è offeso perchè non ha potuto creare un messaggio ad hoc con i propri commenti. Ecco. P.S. Rigagnolo si chiede altresì se la parola di controllo "menga" sia stata messa apposta o sia semplicemente un caso. 

  4. Io non ho universiteggiato alla Bocconi, ma lo stesso quelle come Sara Tommasi in questi giorni mi fanno vergognare sia  di essere donna che  di aver preso una laurea…….

Rispondi