Della concezione del tempo e anche dei Numi che se ci si mettono son stronzi.

Oggi, in via del tutto teorica, o anzi teoretica, era una delle giornate di svacco che uno poteva concedersi. E invece anche no.

Tipo che mi hanno svegliato che ero ancora in fase rem ed era una chiamata di lavoro, per un lavoro che non faccio più da otto anni, in una zona che non frequento più. Il problema che oltre a rispondere impastata e catarrosa (ossia come è la mia voce tutti i giorni prima di mezzogiorno: ché lei è peggio dell'intestino che invece tende a svegliarsi alle 17, tipo come se fosse tea time) non ricordavo chi fossi, quando avessi fatto quel mestiere, perché questa si tiene ancora il mio numero di cellulare e quale fosse il numero di cellulare di mia mamma da passarle. Sono stati momenti molto difficili, ma quanto pare non le ho dato uno dei numeri che ricordo a memoria ma che in quel momento sarebbe stato sbajato.

Poi il vicino si è messo a fare le pulizie, cantando hit come "qui comando io, questa è casa mia". Ed è lo stesso che di notte russa così tanto che se mi sveglio e lo sento prendo paura. Ed è lo stesso che ulula al figlio.

Poi sempre in quella casa c'era il bimbo vicino che sembrava che avesse come tata o Annamariafranzoni o Padre Amorth. E allora ho acceso il pc per vedere le email, ché sto aspettando delle cose e invece arrivano tutte altre, perché sul cellulare gmail mi va lentissima porcatroiabestiavacca (eloso che a caval donato da Sony Ericsson non si guarda in bocca, ma gmail su android fa cagarissimo) e si è detto poi spippolando sui socialnetwork, ma sì, commentiamo 'sto cazzo di matrimonio reale (qui una prova, ma le adsl gnafacevano e gracchiavamo) con Madama Losini, molto attenta al trucco e ai dettagli fashion.
E perle del tipo che io che esco fuori che dicendo che vestirsi di rosso a 'sto matrimonio, visto che era il colore predominante maschile, magari non era una scelta furba. E mi è sembrato un commento più furbo del commentatore medio [voilà, come mi riciclo: dai commenti alle dirette elettorali ai matrimoni reali]

Ora, non so perché, ma mi sembra tardissssssimo.


2 thoughts on “Della concezione del tempo e anche dei Numi che se ci si mettono son stronzi.”

Rispondi