Shitloads.

Principalmente qui sopra ho deciso di non parlare più di alcuni argomenti. Non è autocensurarsi, è proteggersi. Me ne accorgo dalle chiavi di ricerca che poi arrivano quissù (dai, su, siate onesti e chiedete le cose direttamente. O se non potete più chiedermele direttamente perché avete deciso di litigare con me posso dirvi che l'omeprazolo per il mal di stomaco è mutuabile)

La parola nel titolo, e un po' i titoli vanno alla grande, qui dentro. A volte potreste leggere solo quello. Mediamente credo che molti di voi lo facciano.
Ho passato un lungo periodo di frustrazione per come è l'Italia. Questo mi portava a volte a momenti da Stanis La Rochelle, dove mi incazzavo perché tutto all'estero veniva/viene fatto meglio e io all'estero ho molte meno difficoltà nel vivere/far le cose.
Ma non ho un cazzo di voglia di emigrare, come invece ce l'hanno molti coetanei e quindi un po' mi son girata a pensare la mia solita fissa che il sistema va combattuto dall'interno, un po' ho pensando che siccome siamo a zuppetta nella mediocrità anche se non mi sbatto tanto qui rischio di essere un genio. Certo, quando non ci sono i paraculati a sbarrarmi la strada.

Cani, code morse.

Ora ho questo periodo dove le cose son così tante che mi sento schiacciare la spina dorsale dal peso delle cose che ho cercato. Ed essendo sempre una persona che ha avuto il fisico rovinato da una malattia, il mio corpo non ce la fa a reggere quel che voglio fare e quello che alla fine sto riuscendo a coltivare.

Non sapete che rabbia.

A volte vorrei tanto che fosse possibile fare come in Futurama e avere solo le nostre teste lì in vaschetta.

[e ora tutti a cercare su google "franfiorini malattia", su]


0 thoughts on “Shitloads.”

Rispondi