Lui ha 4444 followers, dice. Su tumblr.

In tutto questo i giornalisti temono che i blogger gli ciulino il lavoro (old, ma sempre attuale), ma chi parla di musica ora deve temere anche che i musicisti -perlomeno quelli ritirati- si mettano a intervistare i gggiovani fregandoti il lavoro.

Michael Stipe, sul suo tumblr,  intervista Chris Crocker

[sì, ricordate bene, quello del tormentone video “Leave Britney alone”]

Da questa cosa si possono trarre delle domande:

  1. Se sei una internet celebrity (!) in Italia, che cantante può intervistarti?
  2. Secondo me anche la settimana prossima Michele rintervista Parfume Genius, diventando ciclico come me sui Muse. No?
  3. Quanto costa assoldare Michael Stipe come intervistatore via Skype? Potrebbe giovare a molti magazine…
  4. <pensiero da vedova dei/gli R.E.M.>
  5. Cioè, seriamente: e io ora cosa faccio, se lui intervista?

Ok, andiamo a zappare.


Rispondi