Sei volte in undici mesi, manco ai tempi d'oro dei Muse, o Kasabian.

Vi confermo che è vero. Poi ieri ho unito le due cose: non pensavo di fare doppiettona Kasabian, ma Durex mi ha invitata per il loro LoveSummerTour: sono infatti presenti con il loro stand nei festival italici a proporre i loro prodotti a prezzi davvero popolari (approfittatene, che con quel che costano…) e mi ha fatto godere dell’esperienza di mezzo concerto dei Kasabian semiseduta su un palchetto.
Kasabian, live at Ippodromo Milano
Inutile dire che mai binomio è così azzeccato: mentre io mi perdo tipo tredicenne alla prima cotta per Sergio (che se a me cantasse anche solo le ninnananne come al piccolo Ennio, ANCHE IN PODCAST, andrebbe benone) la totalità delle mie amiche vede trasudare sesso da tutti i pori di Tom Meighan. Non che lui, sebbene padre di famiglia come ha tenuto a ricordarci a Ferrara, si tenga molto distante da avviluppamenti con i (le) fan. Quindi ecco: che concerto può essere migliore per essere ospiti di un brand che non vuole fermarsi al presidio medico chirurgico ma spiegare e far capire a tutti che il sesso va anche preso con le dovute cautele ma giocandoci su? Ecco!

[sperando sia la prima di molte: io mi son divertita. Ai Muse dobbiamo portare la eco di queste cose ai ragazzi, verovero?]


Rispondi