Perché io lo so che durante le olimpiadi fate gli sportivi da divano e volete la merenda dei campioni.

Visto che lo so che sebbene i tg dicano di prendere roba leggera noi tutti amiamo la sugna vi suggerisco ‘na frittatina da alternare a quella di cipolle + birra per rutto libero durante il periodo olimpico, mentre ve ne state in mutande in poltrona.

La frittata alla Santelli o uova alla Santelli (in ungherese Santelli-rántotta) è un piatto della cucina ungherese a base di uova. Prende il nome da Italo Santelli, sciabolatore italiano nonché allenatore della nazionale magiara, che fondò una scuola di scherma a Budapest.
Si tratta di una ricca frittata, con molti ingredienti, ma facile da preparare.
Vediamo insieme come si fa.
Ingredienti:
– gr. 300 di salsiccia di Debrecen,
– gr. 120 di pomodori freschi,
– gr. 240 di peperoni verdi,
– gr. 120 di lardo affumicato,
– gr 40 di strutto,
– 12 uova,
– sale,pepe macinato,
– gr.120 di formaggio.
Esecuzione:
Togliete la pelle delle salsicce, pelate i pomodori, togliete i semi dei peperoni e tagliate tutto quanto a fette. Rosolate in poco strutto il lardo tagliato a cubetti, a cui avrete tolto la cotenna, fate saltare in questo grasso la salsiccia, versatevi i peperoni e, quando questi cominciano ad ammorbidire, i pomodori. Nel frattempo sbattete le uova e aggiungete al resto degli ingredienti. Fate cuocere la frittata. Al momento di servire, cospargete con formaggio grattugiato.


2 thoughts on “Perché io lo so che durante le olimpiadi fate gli sportivi da divano e volete la merenda dei campioni.”

Rispondi