Il problema coi cimiteri.

Prima di frequentare medicina ero molto più schifettosa. Poi fino dal terzo anno ho capito benissimo che se non abbiamo la peste bubbonica sia oggi che il colera domani è essenzialmente sì una questione igienica, ma anche di Culo™. Dove per Culo™ va a significarsi quella identità impregnante e dominante l’Universo a cui non si può non prescindere.

L’ho capito anche quando sei lì che vedi le autopsie ed insomma, sembra di essere alla Vuccirìa: ti pesano il fegato, ti squartano con le cesoie comprate all’Obi, ti ributtano dentro le cose a caso e ci mettono un po’ di segatura a rimpolparti e darti un tono per quando il becchino poi ti deve vestire per metterti in camera ardente, dove poi ti devono mettere tanti fiori attorno per far piangere i parenti e quelli che non ti avevano cagato fino al giorno prima MA adesso togliendoti dalle palle sei diventato tanto buono ed ecco sì… sei un po’ tra un quarto di bue e un manichino dismesso dalla fu Upim, via.

In questo caso la nostra essenza pantocratica che abbiamo chiamato Culo™ si va a manifestare in sala settica con te che non vomiti sebbene tu abbia saltato la colazione. Che è bellissimo: perché per non vomitare per l’odore di carne (del resto una delle sostanze che si sprigiona e arriva ai vostri osmofori, i cosi che vi fan sentire le puzze nel naso e che avvertono il cervello di ODDIO LA PUZZA, si chiama putrescina) andata un po’ a male noi tutti ci si mette il vicksvaporub sulle narici per non venire meno. Perché poi magari svieni e lì sul marmo ecco, ok che hai il necroforo a portata, però parebrutto.

Ah, e io sono allergica al vaporub.

Ma un attimo.

Questo voleva essere un post sul che bello però girare i cimiteri se non hai coinvolgimenti emozionali, ma mi sa che mi son persa.

Per il resto mi sembra bello che se voi non avete tipo 10000 euri per fare una bellissima statua da mettere al vostro sepolcro cimiteriale e quindi farvi ricordare per aver finanziato una forma d’arte che voi vi facciate cremare dopo aver donato gli organi. Perché donando gli organi il vostro corpo non viene spaccato come sul banco dell’ipercoop, ma addirittura drenato, ricucito e cose così. Io lo dico per voi eh. Essenzialmente il mio sogno è morire sublimando nell’anno 2095, mentre guardo una puntata di Voyager.


Rispondi