Apre a Parma lo Studio/Museo Carlo Mattioli.

Al piano terreno del secentesco Palazzo Smeraldi nel cuore di Parma, tutto è rimasto com’era quel 12 luglio 1994. I tubetti aperti, gli olii appena stemperati, la giacca di lino bianca intrisa di mille colori appoggiata accanto al cavalletto, la sigaretta ridotta a mozzicone e i fogli appena abbozzati.
Carlo Mattioli, nato a Modena nel 1911, si allontanava per sempre nella sua Parma.
L’’Archivio Carlo Mattioli che dalla scomparsa del Maestro ne cura e promuove l’opera con numerose mostre e pubblicazioni, ha voluto conservare tutto com’era e dov’era, per rispetto ad un grande protagonista dell’arte europea del Novecento.
Ora, a vent’anni dalla scomparsa, quelle grandi stanze vibranti di memorie, un vero e proprio santuario dell’arte e della creatività artistica, ritrovano il soffio vitale che le impregnava durante il lavoro del Maestro. Da queste stanze sono passati molti dei gradi intellettuali di un secolo della nostra cultura, scrittori, poeti, registi, fotografi, giornalisti, storici e critici dell’arte, attratti dal carisma del solitario artista di Parma.
“Sono andato a trovare Carlo Mattioli a Parma”, racconta Enzo Biagi. “Ho visto il suo studio raccolto e antico, oltre il cortile del palazzo, con le antiche pietre annerite dal tempo e dalle nebbie. Non lo conoscevo e davanti a lui ho ritrovato una sensazione dell’adolescenza, quando per la prima volta, al Caffè della Borsa, in Bologna, vidi Morandi. Il profumo della pulizia, del rigore morale e, nella figura alta e severa, qualcosa di monacale.”
“Mattioli mi guida nell’appartamento che gli fa da studio a Parma, stanze fresche, soffitti alti…uno studio che pare sul punto di mutarsi in pinacoteca tanti sono i dipinti recenti e meno che hanno trovato una collocazione lungo le pareti. Il solo soggetto “irregolare” è la giacca da lavoro dell’artista, un’imbrattata casualità, quasi un riflesso della tavolozza”, ricorda il poeta Vittorio Sereni.
La forte personalità di Mattioli, la sua storia, i suoi vasti interessi culturali, le sue passioni affiorano immergendosi nei luoghi che lo hanno visto creare e che oggi tornano a vivere.

Dalla scomparsa dell’’artista l’’Archivio ha organizzato importanti mostre al museo della cattedrale di Barcellona in Lussemburgo (1998), alla Tour Fromage di Aosta (2000), alla Galleria Nazionale di Parma nel 2004, al Braccio di Carlo Magno in Vaticano e al Museo Morandi di Bologna per celebrare il centenario della nascita dell’artista (2011), al Musma di Matera nel 2013 solo per citarne alcune. L’’Archivio ha inoltre provveduto a catalogare non solo le opere ma anche il prezioso materiale documentario conservato nello studio, senza disperdere nulla, semmai acquisendo dal mercato opere che venivano ritenute indispensabili per documentare il percorso artistico di Mattioli.
Le migliaia di carte e di documenti, i libri, disegni e gli olii sono stati fotografati e studiati, per essere poi rimessi nell’’ordine che il Maestro aveva scelto. A costituire uno degli archivi più completi tra quelli di grandi artisti del nostro Novecento.

A partire dal 20 marzo 2015 queste grandi sale saranno aperte per la prima volta al pubblico, su prenotazione, per due giorni a settimana, non “musealizzate” ma conservate nello spirito e nell’’aspetto originario.
Gli spazi dove il Maestro lavorava diventeranno anzi luogo di racconto, incontro e confronto aperto a tutte le arti con la realizzazione di esposizioni ed eventi culturali in genere che guardino complessivamente alla cultura del Novecento, artistica, letteraria e musicale che l’Artista, pur sfuggente ad ogni tentativo di inquadramento in una precisa appartenenza alle avanguardie del suo tempo, ha profondamente conosciuto, abbracciato o rifiutato.
E’ infatti in fase di costituzione la Fondazione Carlo Mattioli con il fine di tutelare, valorizzare e promuovere l’opera del Maestro. La Fondazione porterà a compimento l’opera di catalogazione e archiviazione la pubblicazione del catalogo generale dei dipinti, delle opere su carta e delle sculture, promuoverà l’attività di ricerca sul pittore nonché edizioni, mostre temporanee e convegni.
Organo consultivo della Fondazione sarà il Comitato Scientifico che si fregia di importanti nomi della cultura italiana. Il Comitato collaborerà con il Consiglio d’amministrazione nella redazione delle linee generali della Fondazione e delle attività annuali dello Studio Museo Carlo Mattioli.
Contestualmente all’apertura della Studio Museo, la Fondazione intende pubblicare un’importante, esaustiva monografia che andrà a comporre anche il catalogo dei dipinti di Mattioli, insieme ad una antologia critica di approfondimento, affidandone la cura allo storico dell’arte Luca Massimo Barbero.

info: Archivio Carlo Mattioli tel. 0521231076-230366, info@carlomattioli.it, archiviocarlomattioli@gmail.com
Sito internet www.carlomattioli.it


Rispondi