Su Spotify sono le cantanti donne a motivare i runner a correre di più

  • Le artiste femminili dominano le playlist dedicate al running su Spotify, dalle hit di Queen Bey fino ai brani più classici di Missy Elliot e delle TLC
  • La ricerca di Spotify mostra che, secondo più del 60% dei runner, la musica aiuta a correre più a lungo e più velocemente
  • Gli utenti di Spotify Running hanno corso più di 55 milioni di km negli ultimi sette mesi, pari a 1.386 volte il giro del mondo

7 gennaio 2015 – Oggi è il giorno in cui ci si allena di più durante l’anno* e, per celebrare questa giornata, Spotify rivela le canzoni per correre più ascoltate del 2015. “Run the World (Girls)” di Beyoncé guida il gruppo, seguita da vicino da “Chandelier” di Sia e “Uptown Funk” di Mark Ronson. Sette delle dieci canzoni nelle prime posizioni sono di artiste femminili, dalle cantanti in testa alle classifiche di oggi a Missy Elliott e le TLC.

In Italia prevalgono brani molto ritmati come il remix di “Younger” di Seinabo Sey che si piazza in testa alla classifica, seguito da “Freak” di Urban Cone e da “NEW DORP. NEW YORK” di Ezra Koening e SBTRKT.

Le 10 canzoni dedicate al running nel mondo:

  1. Beyoncé – “Run the World (Girls)”
  2. Sia – “Chandelier”
  3. Mark Ronson – “Uptown Funk”
  4. Wiz Khalifa – “See You Again” (feat. Charlie Puth)
  5. Beyoncé – “7/11”
  6. Kelly Clarkson – “Heartbeat Song”
  7. Missy Elliott – “Work It”
  8. TLC – “No Scrubs”
  9. Rihanna – “Bitch Better Have My Money”
  10. Calvin Harris – “Feel So Close”

Le 10 canzoni dedicate al running in Italia:

  1. Seinabo Sey – Younger – Kygo Remix
  2. Urban Cone – Freak
  3. Ezra Koenig, SBTRKT – NEW DORP. NEW YORK
  4. Cathedrals – OOO AAA
  5. Lykke Li – No Rest For The Wicked – Robin Schulz Remix Edit
  6. Kimbra – 90s Music
  7. Röyksopp and Robyn – Do It Again
  8. London Grammar – Hey Now – Bonobo Remix
  9. Grimes – Oblivion
  10. Disclosure – Latch

Se il proposito per il nuovo anno è rimettersi in forma, la musica può essere la chiave per rispettare l’obiettivo. Una nuova ricerca commissionata da Spotify** rivela che, secondo più del 60% dei runner, la musica aiuta a correre più a lungo e più velocemente – più di un compagno di allenamento, un allenatore, il bel tempo o le attrezzature all’avanguardia.

Secondo lo studio, oltre tre quarti dei runner confida nella musica per il proprio allenamento, di questi, l’88% crede che la musica sia importante o vitale per la corsa. Di seguito le principali altre evidenze:

  • La musica aiuta i runner a non pensare alla fatica (47%) e a mantenere un passo costante (39%)
  • Quasi la metà dei runner (45%) riporta che una buona colonna sonora è il modo migliore per evitare il problema “corsa lenta”
  • La musica viene indicata come lo strumento di allenamento top per le gare di qualsiasi durata – da una corsa di 5 km alla maratona

Nonostante l’importanza della musica per chi corre, i momenti di difficoltà continuano a esistere per i runner che cercano la colonna sonora perfetta: tra i fastidi più citati ci sono la musica che si ferma nel mezzo della corsa (38%), il tempo di una canzone troppo veloce o troppo lento (36%), una playlist noiosa (30%).

Un modo per “curare” questi disturbi comuni è Spotify Running – basta iniziare a correre e il sensore della app calcolerà il ritmo, proponendo un mix no stop di tracce che si abbinano al tempo di corsa e ai gusti musicali dell’utente. A partire dal lancio dello scorso maggio, gli utenti di Spotify Running hanno ascoltato più di 5 milioni di ore di musica e corso oltre 55 milioni di km – pari a 1.386 volte il giro del mondo.

Non bisogna dimenticare che la sezione Originals di Spotify Running contiene brani di Tiêsto, Ellie Goulding e Oliver Heldens. Queste tracce esclusive sono state create apposta per il Running e possono essere modificate per adattarsi al tempo dell’utente – lo strumento perfetto per le tutte le velocità.

  • Secondo gli streaming delle playlist di allenamento su Spotify
  • ** Il sondaggio ha riguardato più di 1.500 runner negli Stati Uniti e nel Regno Unito a Dicembre 2015.

 


Rispondi