E se non avessi avuto un bagaglio compatto?

hdr

Ciao, sono Fran e quella è stata la mia borsa per i 4 giorni/3 notti in Francia a Clermont Ferrand.

Nella borsa c’era tutto quello che avevo detto in questo post, la mia attrezzatura fotografica, due mele (se mi fosse venuta fame) e una mezzolitro d’acqua, e quello che sporge fuori è il cavo del powerbank.
Il peso era di 12 kg, non proprio il massimo: ma trasportare una reflex e gli obbiettivi porta con se 4kg comodi, a cui puoi aggiungere meno di 1kg di netbook. Io quindi per lavoro parto già da un grosso deficit.

Il punto è: se non viaggiassi con un borsone a spalla ma con trolley o bagaglio imbarcato… in che situazioni bislacche mi troverei?

Questo era nulla:

  • Il treno ha sì tardato leggermente sulle tre ore previste normalmente: ma nel prenderlo una simpatica signora ha distrutto il tacco delle mie Nike sbriciolando la plastica. Ho cercato ovunque un negozio che vende nastro adesivo di quelli isolanti grigi (in inglese il duct tape. Non mi viene in italico idioma) ma niente. Chiesto al festival: niente (abituata ai festival crucchi dove invece abbonda). Chiesto in hotel: nulla. Alla fine ho staccato un adesivo che promozionava la colazione in hotel sul vetro del bagno e ho aggiustato alla McGyver la parte di plastica staccata (non avevo tempo/voglia/budget di comprarmi l’ennesimo paio di scarpe che non porto). Quindi ho imparato che forse dovrei portarmi del nastro isolante per le evenienze. Ma mi rode tantissimo.
  • Gli aeroporti francesi non sono il massimo dell’efficienza: controllate quattro o cinque volte i vostri gate, specie a Orly. Perché io ho scoperto che era diverso dal tabellone quando ho scannerizzato la carta di imbarco e mi ha detto “no, vai al gate 1”. Che poi non era indicato. Per risparmiare su due indicazioni ti fanno sentire un po’ deficiente.
  • I francesi hanno poi un problema maggiore del nostro con le wifi pubbliche
  • Ribadisco: nel caso che voi vogliate portarvi il vostro bagaglio a mano in cabina la borsa in questo modo è l’unico modo per non farvi odiare. Sembra piccola, ma non lo è! E su canadair e bombardier i vostri trolley vengono imbarcati (e riconsegnati all’uscita della scaletta, ma se siete di corsa…)

Per correre normalmente comunque indosso la tracolla a mo’ di zaino e corro: non vi auguro di avere l’aereo che ha ritardato 10 minuti, solo 5 per raggiungere il terminal opposto, chiedere il permesso ai controlli dei passaporti (sì, a Lione per andare in Francia controllano i passaporti. Così come alla frontiera austriaca hanno controllato a campione le persone in entrata: specie se hai targhe italiane) perché hai l’aereo che parte, arrivare al checkin all’ultimo minuto e poi arrivare sull’aereo che è un bombardier: non ha più spazio in stiva e quindi tu riesci a strizzare il tuo borsone nella cappelliera (più piccola degli airbus).

Fatelo con un trolley! :P

Se vi interessa, la borsa è questa. E’ davvero compatta (vedi il mio piede vicino: porto il 41).


Rispondi