Ecco il solito Lelo Tiani 24k che costa ma che anche arreda.

(si ringrazia il pupazzo Petofi per l’attività di modello)

Spesso nel mio blog vedete che parlo di Lelo: perché? E’ molto semplice: se si è nerd si amano le cose tecnologiche. E se si è donne e si tiene un minimo a se stesse si va oltre alle considerazioni bigotte e si tiene alla propria sessualità si cercano oggetti adatti.

Questo post lo voglio dedicare alle coppie curiose che vogliono sperimentare ma che gli viene da ridere pensando a 50 sfumature di grigio. Le nostre pressioni culturali italiane fanno sì che ogni volta che si pronunci Sex Toys venga visto tutto come squallido e peccaminoso (oddio, infatti io ricordo una riunione condominiale dove si urlava che nel palazzo vicino c’era un MANIACO che faceva trovare dei dildo -e non venivano chiamati così, quando li descrissero come “falli di gomma” io dissi “ah, dei dildo quindi” e mi guardarono malissimo- sullo zerbino di una condomina e delle copertine di dvd porno in giro. Sì, beh dissi anche “perché comprare dvd ancora nel 2014 quando c’è Pornhub” e allora lì definitivamente mi guardarono come se avessi avuto delle antenne verdi), in verità non è così.

Però andiamo di ex cursus storico: magari avete visto il film Hysteria. Se non lo avete fatto recuperatelo perché molto LOL: si parlava di questo medico d’Era Vittoriana occupato con il curare questi sintomi riconducibili all’isteria perché magari i mariti non davano le giuste attenzioni alle mogli in modo meccanico sul lettino da ginecologo. E quando, ecco, per problemi di usura professionale non ce la faceva più entrò in gioco l’invenzione di una macchina… che poi diventò virale.

IMG_4634

I prodotti Lelo sono considerati ‘ultra premium’. Non sono sicura il Tiani sa cosa sia però, nella gamma dei giocattoli sessuali. Ma è un ‘oggetto di piacere’ che fa parte della gamma SenseMotion. Come potete vedere, quando la batteria non vi funzionerà più sarà abile come fermacarte tanto da avere un simpatico design che inizialmente vi farà fare l’attività di coppia che unisce di più: ridere a crepapelle perché non si capisce come vada usato.

Io ho avuto proprio il modo di testare Lelo tiani 24k.

Quindi, in parole povere: tre dei loro giocattoli – Lyla (un uovo inseribile), Oden (un combo anello ) e la Tiani (un vibratore coppie) – tutti rispondono ad un telecomando senza fili a forma di disco, che vibra. Come si sposta il telecomando in mano ha un corrispondente modello di vibrazione che può essere sentito sia dal telecomando e  nell’ ‘oggetto di piacere’.


Inclinando il telecomando avanti e indietro la vibrazione del giocattolo stesso rallenta o aumenta. In pratica la versione adulta del telecomandino Wii camera da letto-friendly (occhio magari a non confonderli).

Come funziona Lelo Tiani 24k
Così, il Tiani, è un giocattolo per coppie che si suppone essere indossato durante il rapporto.

Si deve far scivolare il braccio più piccolo nella vagina e il braccio più spesso si trova tra le vostre labbra in modo che trilli contro il tuo clitoride. Il vostro partner inserisce poi il suo pene sotto il braccio interno, mentre uno di voi manipola il telecomando del sensore. Oppure si potrebbe inserire e lasciarlo in mentre si cammina o giocare con te stesso, mentre il tuo socio controlla il telecomando. O due ragazze potevano scendere le stesse impostazioni Vibe utilizzando il telecomando.

O nessuna delle precedenti, come si vede nella foto di pupazzo Petofi.

Comunque non è intuitivo: la prima volta preso in meno riuscivo a malapena a capire come mettere in funzione o metterlo a riposo riposo per non parlare di scegliere un’opzione che potesse permettermi di giocare.

Si riescono comunque a cambiare le tre funzioni premendo il tasto centrale del pad del telecomando.

• SenseMotion 1 – L’inclinazione o l’angolo che il controllo si svolge in tre set l’intensità. Muoversi su questo asse può prendere dal potere il 10% quando viene tenuta orizzontale, fino al 100% quando viene tenuto in posizione verticale.

• SenseMotion 2 – si suppone Ogni movimento su questa impostazione per essere tradotto in vibrazioni e impulsi.

• Premere il pulsante centrale per la terza volta e regolare tra le diverse impostazioni di Vibe “normali” utilizzando il tasti + e -.

Ci sono delle cose positive e negative. Positive è sicuramente il senso di lusso che il prodotto da e la sensazione al tatto. Il fatto poi di usare il telecomando per controllare il proprio partner inizia ad essere un gioco che va al di là della semplice stimolazione, e quindi risulta altamente erotico.
Negative beh, ricordate la cosa delle tacche e il segnale che si faceva sin dall’epoca degli eTACS cercando di tenere la mano in alto per prendere il segnale? Beh, anche qui a volte con il telecomando dovete fare una cosa del genere. La vibrazione a volte se voi siete in cucina e il vostro uomo in garage è molto debole (anche se si sente ronzio) e a meno che non si faccia dei simpatici gesti simili a quelli dell’albume montato a neve le cose non escono fuori benissimo.
Poi c’è il fatto che è semplicemente per alcuni può essere troppo piccolo. Il braccio inseribile è troppo stretto per essere facilmente tenuto in posizione da un pene, non porta l’atmosfera e non ha colpito alcun tipo di g-spot perché spesso va a scivolare di lato. Ma questo deriva dalle condizioni anatomiche diverse che tutti noi abbiamo lì sotto: quindi non vi resta che provare. E riprovare. E provare ancora ché sisamai.

Volete correre a comprarlo? Ma in tutta sicurezza in un pacchetto anonimo che viene recapitato a casa? C’è lo store di Lelo.


Rispondi