Sul web l’itinerario completo delle architetture di Scamozzi

Il Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio
presenta:
Scopri le architetture di Vincenzo Scamozzi

Da oggi dal vostro smartphone potete accedere gratuitamente al primo itinerario completo fra 25 capolavori dell’architetto Vincenzo Scamozzi nel Veneto e in Lombardia: palazzi pubblici e privati, chiese, cappelle, ville, teatri.
E’ sufficiente connettersi all’indirizzo:

Per ogni edificio sono disponibili agili descrizioni, in italiano e inglese, splendide fotografie d’autore, e tutto ciò che serve per raggiungerli: mappe interattive e informazioni sulla loro accessibilità.
Alcuni edifici sono strutturati per la visita di interni ed esterni. In altri l’intervento scamozziano si limita agli esterni, di alcuni ancora – soprattutto fra le residenze private – gli interni non sono accessibili se non su richiesta. Tutte queste diverse opzioni sono espresse con chiarezza sul sito, e comunque l’itinerario rende possibile godere uno degli elementi chiave della poetica di Scamozzi, vale a dire l’inserimento dell’edificio nel contesto e nel paesaggio. L’auspicio è l’aumento di interesse sul patrimonio scamozziano, generato da iniziative come questa, porti presto ad aumentare l’accessibilità agli edifici.
L’iniziativa vuole essere un omaggio al grande studioso Franco Barbieri (1922-2016), anima del Consiglio scientifico del Centro palladiano per oltre quarant’anni e fondatore del campo di studi sull’architettura di Vincenzo Scamozzi. Pur mantenendo un taglio divulgativo, questa guida digitale raccoglie gli esiti degli oltre sessant’anni di ricerca che il professor Barbieri ha dedicato a Scamozzi (la sua storica monografia sull’architetto vicentino risale al 1952) e va ad integrare le novità emerse nella mostra tuttora in corso Nella mente di Vincenzo Scamozzi. Un intellettuale architetto al tramonto del Rinascimento, l’ultimo progetto espositivo curato da Franco Barbieri per il Palladio Museum, insieme a Guido Beltramini (CISA Andrea Palladio), Katherine Isard (Università di Cambridge, UK) e Werner Oechslin (Politecnico di Zurigo).
I suggestivi ritratti in bianco e nero delle architetture sono frutto di una campagna fotografica di Václav Sedy, mentre i testi sono stati messi a punto da Guido Beltramini. Elisabetta Michelato e Simone Baldissini (CISA Andrea Palladio) hanno curato il database online.

Lista delle architetture consultabili
Vicenza e provincia: portale del giardino Valmarana, palazzo Trissino al Duomo, palazzo Trissino al Corso, palazzo Valmarana Salvi, Teatro Olimpico, chiesa di Santa Maria della Misericordia, villa Ferramosca a Barbano, oratorio di San Carlo Borromeo a Lisiera, villa Verlato a Villaverla, villa Pisani (la Rocca) a Lonigo, villa Priuli del Ferro a San Germano dei Berici, villa Dolfin Campolongo a san Germano dei Berici, villa Godi a Sarmego di Grumolo delle Abbadesse; Venezia e provincia: Procuratie Nuove, atrio della Zecca, Statuario della Repubblica, chiesa dei Tolentini, cappella ducale, palazzo Contarini agli Scrigni, villa Ferretti a Dolo; Padova e provincia: chiesa di San Gaetano, villa Molin alla Mandria, complesso di villa Duodo a Monselice, villa Priuli a Due Carrare; Mantova: Teatro Ducale a Sabbioneta.

Informazioni: press@palladiomuseum.org – t. +39 0444 323014 – f. 0444 322869
http://www.palladiomuseum.org – Twitter/Facebook/Instagram: PalladioMuseum


Rispondi