Domani al Teatro Argentina si assegna il Premio Virginia Reiter alla più apprezzata attrice teatrale italiana under 35

Domani sera il Teatro Argentina di Roma ospita il prestigioso appuntamento che da ventun anni omaggia la grande interprete modenese – vissuta tra fine Ottocento e Novecento e prima capocomica italiana – attraverso la premiazione della più apprezzata attrice italiana under 35 dell’ultima stagione teatrale. Nel corso della serata, a ingresso libero e gratuito, sarà inoltre assegnato il IV Premio Giuseppe Bertolucci alla migliore attrice europea tra le nuove generazioni e il Premio Virginia Reiter alla carriera a Paola Mannoni, grande interprete del nostro tempo. Il terzetto di finaliste è composto da Eugenia Costantini, Sara Putignano e Anahì Traversi. Padrini della serata sono per il Reiter Gabriele Falsetta, per il Bertolucci Lino Guanciale e Antonio Piovanelli, grande amico del regista, e per il Premio Virginia Reiter alla carriera Massimo De Francovich

Riconoscere e promuovere la migliore attrice under 35 del panorama teatrale italiano nella fase iniziale della sua carrierache si sia distinta nel corso della stagione: è questo lo scopo fondamentale che si prefigge il Premio Virginia Reiter, chedomani giovedì 27 ottobre giunge alla sua XII edizione.L’appuntamento, a ingresso libero e gratuito, sarà presso il Teatro Argentina di Roma a partire dalle ore 21.00, con la giuria di esperti presieduta da Sergio Zavoli e composta da Rodolfo Di Giammarco (la Repubblica), Gianfranco Capitta (il Manifesto), Maria Grazia Gregori (l’Unità) ed Ennio Chiodi, la direttrice artistica della manifestazione Laura Marinoni e ilPadrino del Premio, il giovane ma già apprezzato attore Gabriele Falsetta.

Grande attesa per il nome della vincitrice: a contendersi la palma saranno Eugenia Costantini, Sara Putignanoe Anahì Traversi.

La prima, figlia dell’attrice Laura Morante e del regista Daniele Costantini si forma col metodo Lecoq e tra i suoi lavori più importanti troviamo in televisione la serie tv Boris, al cinema le collaborazioni con Giovanni Veronesi, Citto Maselli, Ernst Gossner, Paolo Genovese, Edoardo Leo e i fratelli Taviani, e in teatro tre anni di tournée con Carlo Cecchi.

Sara Putignano si diploma alla Silvio D’Amico di Roma e si perfeziona con Nekrosius, Clough, Karpov, Baur e Placido. E’ stata diretta da Ronconi, Salveti, Petroli, Farau, Rifici, Lallo.

Mentre Anahì Traversisi forma alPiccolo Teatro di Milano; nel 2011 segue il corso biennale di perfezionamento del Teatro Laboratorio Toscana curato da Federico Tiezzi e dall’anno successivo prende parte a numerose produzioni teatrale. Nella stagione 2016-17 sarà protagonista nell’Elettra di Hugo von Hofmannsthal per la regia di Andrea Novicov.

Nel corso della serata avranno luogo anchele cerimonie di premiazione della quarta edizione del Premio Giuseppe Bertolucci – intitolato al regista che ha dato tanto impulso al Premio Reiter e ha ideato il Festival omonimo, e assegnato dai Padrini Lino Guanciale e Antonio Piovanelli, grande amico del regista, a un talento scelto tra le migliori attrici europee delle giovani generazioni – e del Premio Virginia Reiter alla carriera, il cui Padrinosarà Massimo De Francovich, alla grande interprete e doppiatrice italiana Paola Mannoni.

Nel corso della serata l’ex allieva dell’Accademia e della Scuola del Teatro di Roma Giulia Trippetta presenterà un suo pezzo.

Tra gli ospiti del Premio Virginia Reiter – che annovera oggi tra le sue vincitrici nomi di attrici italiane del calibro di Manuela Mandracchia, Francesca Ciocchetti, Anna della Rosa, Licia Lanera, Lucrezia Guidone, Maria Pilar Perez Aspa, Debora Zuin, Laura Pasetti, Federica Bonani e Caterina Simonelli – saranno presenti registe come Serena Sinigaglia, Costanza Quatriglio e Francesca Comencini, oltre a Caterina D’Amico – presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma-e gli allievi dell’Accademia d’Arte Drammatica S. D’Amico e Scuola del Teatro di Roma.

Nel solco tracciato dalle idee di Giuseppe Bertolucci il Premio Virginia Reiter vuole andare sempre più nella direzione del coinvolgimento e della ricerca di nuovi talenti, in un ideale passaggio di testimone tra generazioni di professionisti. Ed è proprio per questo che quest’anno l’iniziativa vanta la prestigiosa collaborazione degli ex allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, astri nascenti che hanno realizzato produzioni video a tema – dedicate alla figura di Virginia Reiter e del regista Giuseppe Bertolucci – in collaborazione anche con gli allievi dell’Accademia e della Scuola del Teatro di Roma.

 

La manifestazione è realizzata dall’Associazione di Promozione Sociale Virginia Reiter di Modena in collaborazione con il Teatro di Roma. Enti promotori e patrocinanti dell’iniziativa sono il Comune di Modena e la Regione Emilia Romagna, il Comune di Roma e la Regione Lazio, ERT, BPER Banca, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e Amici dei Teatri modenesi.

Quest’anno Santella gioielli di Sperlonga ha poi realizzato a cura della designer Daniela Izzi una spilla gioiello con cui verrà omaggiata la vincitrice del Premio Virginia Reiter, mentre il manifesto dell’edizione 2016 è stato realizzato dal giovane creativo dello IED Andrea Marchi.


Rispondi