Aarhus 2017: Domani la cerimonia d’inaugurazione alla presenza della Regina

Aarhus Capitale Europea della Cultura del 2017

Domani la cerimonia d’inaugurazione alla presenza della Regina

 

Sabato 21 gennaio  al via la cerimonia d’inaugurazione di Aarhus, Capitale Europea della Cultura e Regione Europa per la Gastronomia 2017. Madrina d’eccezione dell’evento  Sua Maestà la Regina Margherita che, seguita da più di 80 bambini, sfilerà contornata da luci meravigliose al Concert Hall di Aarhus.

 

“Diamo inizio a quest’anno come Capitale Europea della Cultura con una bellissima serata evocativa, ricca di voci che cantano del calore di migliaia di persone unite in una parata di con magnifiche lanterne. Sarà una serata epica, un evento unico in un’atmosfera magica, scintillante, divertente ed emozionante”  dichiara  Rebecca Matthews, amministratore delegato di Aarhus 2017.

La cerimonia , ideata dal visionario artista britannico Nigel Jamieson, vedrà la partecipazione di

Eivörs, artista faroese che con la sua voce potente e risonante sarà la colonna sonora della serata accompagnata da oltre mille coristi in un concerto alla torre del Municipio. Subito dopo  le strade della città si trasformeranno in un mare fluttuante luci, musica e colori con una parata  di lanterne a forma di barca, decorate con disegni e messaggi di augurio per il futuro. L’evento proseguirà al porto di Aarhus dove barche decorate con iscrizioni delle tradizionali pietre runiche danesi proietteranno un gioco di luci e di suoni.

Aarhus è pronta per un anno straordinario all’insegna di arte, cultura e alta gastronomia. Più di 400  gli eventi previsti ad sotto motto ‘Let’s Rethink’.  

 

Ripensare Arte & Cultura

Aarhus 2017 si propone di essere un crocevia di cultura globale e di offrire un eclettico programma di eventi ispirati alla creatività Scandinava e internazionale. “Aarhus 2017 è un tour de force creativo, con iniziative, commissioni speciali, premiere, eventi e festival. Il programma include moltissimi eventi e offre tante esperienze diverse, piccole e grandi. La qualità e la varietà del calendario prevede qualcosa per tutti, cittadini di Aarhus, Danesi e visitatori. Abbiamo creato un programma molto ricco combinando il contributo di esperti internazionali con il punto di vista locale” – ha dichiarato Rebecca Matthews, Amministratore delegato di Aarhus 2017.

 

Tra gli eventi in programma di sapore decisamente danese, la rivisitazione della leggenda vichinga “Il Serpente Rosso”, la performance sul tetto del Moesgaard Museum del Royal Danish Theatre o ancora la trilogia (Open Hearts, Brothers e After the Wedding ) della regista premio Oscar Susanne Bier trasposta in opera teatrale con danza e musica.

 

Olafur Eliasson, celebre artista Dano-Islandese, ideatore dell’installazione ‘Your rainbow panorama’  che domina il tetto dell’ARoS art museum, curerà la scenografia di “The Tree of Code” interpretazione del coreografo Wayne McGregor dell’omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer, in un balletto eseguito dal Paris Opera Ballet, musiche di Jamie xx.

 

Tra le altre performance internazionali  quelle dell’artista in Residence, l’inglese Anohni, che ha promesso un vibrante intreccio visivo e sonoro; la meravigliosa performance “Distant Figure” creata in collaborazione con una delle leggende del teatro contemporaneo, il regista statunitense Robert Wilson, e due artisti di fama mondiale, la coreografa Lucinda Childs e il compositore Philip Glass; l’attrice australiana Cate Blanchett sará l’interprete magistrale del collage di testi di “MANIFESTO”, il progetto rivoluzionario dell’artista Tedesco Julian Rosefeldt.

 

In partnership con Capitale Europea della Cultura Aarhus, ARoS Aarhus Art Museum darà il suo personale contributo ad Aarhus 2017 con un nuovo ambizioso progetto artistico internazionale chiamato THE GARDEN – End of Times, Beginning of Times. Esteso su più di 4km lungo il litorale di Aarhus, il progetto sarà diviso in tre parti: Il Passato – all’ARoS Aarhus Art Museum; Il Presente – nel centro città di Aarhus; e il Futuro. Esplorando il cambiamento nella relazione tra uomo e natura degli ultimi 400 anni, si comprende come le diverse visioni del mondo (religiosa, politica, ideologica o scientifica) si sono materializzate nella natura plasmata dall’uomo e nell’arte.

 

Oltre la sua città storica con edifici ed esposizioni che vanno da metà XIV secolo fino agli anni ´70, il Den Gamle By proporrà un viaggio nel tempo con l’apertura di un nuovo museo sperimentale ad Aprile 2017 nel quadro di del Aarhus Tells, permettendo ai visitatori di vedere Aarhus all’epoca  Vichinga, la città mercantile del Medioevo, l’industrializzazione fino agli anni ’60.

 

Aarhus: Regione Europea della Gastronomia 2017

 

Ripensare la Cucina

Aarhus è anche  Regione Europea della Gastronomia 2017 e prevede più di 100 eventi culinari legati al tema ‘Rethinking Good Food’. Con eccezionali ingredienti freschi, nuovi ristoranti, bar e mercati, la regione continua a raccogliere consenso internazionale per i suoi Ristoranti stellati e per l’annuale Aarhus Food Festival, diventato il più grande festival di cucina nordica. Durante le celebrazioni del 2017, la città riunirà chef, produttori, e leader mondiali del pensiero sostenibile per ospitare un programma di eventi e attività che rendono omaggio alla cucina gourmet e agli ingredienti locali e fanno riflettere su ‘Rethinking Good Food’ verso una cultura culinaria sostenibile.

 

“Il mio lavoro vuole mettere in evidenza la gastronomia Danese e promuovere Aarhus e la Danimarca a livello internazionale. Rethink ci permette di pensare fuori dagli schemi. La nostra regione è piuttosto unica perché ci regala ingredienti freschi direttamente dalle nostre foreste, le nostre baie e I nostri campi. Voglio creare qualcosa di completamente nuovo. Dobbiamo continuare a sviluppare la nostra gastronomia e migliorare i nostri standard. Desidero creare qualcosa che vada oltre i nostri confini.” dichiara Wassim Hallal, proprietario del ristorante stellato Frederikshøj e Ambasciatore della Regione Europea della Gastronomia.

 

Il  programma, di  eventi e workshop stimola una riflessione sui prodotti che mettiamo sulle nostre tavole, affronta il rapporto degli studenti con la cultura culinaria scolastica, incoraggia il dialogo con gli chef su come gestire una cucina più sostenibile.

 

Principali eventi gastronomici:

Il Touring Beach Chefs – una collaborazione tra chef locali e Il Museo di Storia Naturale di Aarhus : gli chef raccoglieranno sulle spiagge di Aarhus alghe, gamberi, cozze e erbe marine e utilizzeranno questi prodotti per preparare un banchetto direttamente  in spiaggia.

Arla con la tavola di 500 metri chiederà ai bambini dagli 8 ai 14 anni di ripensare ai loro pranzi al sacco.

The Catastrophic Meal, un’avventura gastronomica che guarda al futuro e coinvolge scienziati, creativi e chef per creare un menu del futuro. People’s Feast, una cena comunale in cui 500 persone potranno assaggiare diversi menù provenienti da tutto il mondo con lo stesso obiettivo del Catastrophic Meal.

 

Festival

Il Food Festival di Aarhus appuntamento di riferimento della gastronomia nordica, prevedrà nell’edizione 2017 anche Il Wild Food Festival, che vuole stimolare il contatto dell’uomo con la natura e l’Aarhus Harvest Celebration vedrà più 1.000 ospiti riuniti intorno ad una lunga tavola per gustare i frutti del raccolto.

 

Mercati

L’Aarhus Central Food Market ha recentemente aperto nell’edificio industriale ‘Aarhus Hallen’. Questo mercato coperto, offre i migliori ingredienti di stagione di tutta la regione insieme ai negozi specializzati. E’ inoltre possibile  di cenare nei diversi ristoranti all’interno del mercato  tra questi GRØD, Havnens Fiskehus e BangKoch. L’Aarhus Street Food un must per poter fare una scorpacciata di prelibatezze provenienti dalle cucine di tutto il mondo. A Maggio da non  perdere il Kødbyens Mad & Marked.

 

Cenare

Tra gli eventi: ‘The bottom of your refrigerator – a “random” meal, ‘Dinner from Nature’s treasury, ‘What you need to taste before you die’.

Per una full immersion tra le specialità nordiche la gastronomia e ristorante SÅRT dove gli ingredienti locali bio sono lavorati secondo la tradizione del nord. Non si può lasciare Aarhus senza aver provato il  Gastromé uno dei ristoranti stellati della città.

Il bistrot del ristorante Pondus permette di provare la gastronomia nordica a prezzi contenuti.

Interessante la catena danese Landman e il wine e tapas bar Danese VinDanmark verso il porto.

 

Cultura del Caffé

I danesi hanno una vera passione per il caffè. Ve ne sono tantissimi ad Aarhus. Vicino Graven Street nel Quartiere Latino, da provare il caffè appena tostato della La Cabra Coffee Roasters o le miscele eccezionali di Altura Café accompagnate da una deliziosa torta del vicino forno Number 24. Altro café culto il  Great Coffee, nel nascosto ma ben conosciuto vicolo di Klostergade, con un barista pluripremiato che prepara il caffè su misura per ogni cliente!

 

Ripensare l’Architettura

Ripensare gli spazi pubblici e ricreare nuove aree ricreative è parte dei piani innovativi della città, e colonna portante delle celebrazioni sarà il completamento della rinnovata ex area portuale.

Collegato al cuore della città da una piccola passeggiata lungo il canale, questo nuovo spazio urbano rivela alcune delle più nuove e straordinarie architetture cittadine.  

Il DOKK1 ospita il centro civico e la principale biblioteca della città. Confinante con spazi all’aria aperta dedicati ai concerti e con l’ampio centro ricreativo ‘Harbour Square’, l’area si estende dalla nuova Navitas a forma di stella ad Aarhus Ø con il suo strabiliante edificio The Iceberg, un unico complesso edilizio angolare che riflette la naturale bellezza di un iceberg. Interessante  la vicina Haven Ø, un innovativo progetto di fattoria urbana.

 

Parte del piano di ripensamento dell’area residenziale, il Northern Pier con il Grundfos, un nuovo college a indirizzo tecnico con una residenza universitaria disegnata dallo studio Cebra. L’edificio, composto da strisce verticali che rimandano alla figura di un libro, usa diversi materiali e finestre che si aprono sia dall’interno sia dall’esterno per creare diversi spazi vivibili con specchi dal riflesso caleidoscopico. Un altro progetto innovativo, ancora in costruzione, è la ‘House of Generations’. L’apertura è prevista nel 2019, con lo scopo di unire case di riposo, centri di accoglienza disabili, asili e alloggi per studenti sotto lo stesso tetto, per eliminare il divario generazionale.

 

Ripensare gli Alloggi

Il visionario proprietario di due dei più famosi caffè di Aarhus, il Bogcafé e Vincaféen, Kenny Jess Brandt, sta lavorando alla riqualificazione  delle ex case dei missionari convertendole in un boutique hotel con un tocco della New York e di Parigi anni 20. L’apertura è prevista ad Aprile 2017 e prometterà di vivacizzare la città con serate a tema  ‘Salon’.  

Perfetto per tutte le tasche, il nuovo Wakeup Hotel offrirà servizi da 3 e 4 stelle al prezzo di un 2 stelle. Con stanze contenute, ma ben arredate, mobili disegnati dai migliori designer Danesi, l’hotel offrirà una vista mozzafiato su Aarhus direttamente dal suo tetto.

Con lo spostamento della biblioteca principale nella nuova location del Dokk1, la meravigliosa biblioteca della città vecchia a Mølleparken diventerà un ostello.

 

Ripensare i Trasporti a Aarhus

Per rendere più sostenibile  la rete di trasporti di Aarhus e dello Jutland orientale è stato allocato un importante investimento di 3,5 miliardi di corone danesi per l’ecologica Aarhus Light Rail. Lanciato come parte del programma Capitale Europea della Cultura, il sistema elettrico lungo 110 chilometri, che utilizza principalmente vecchi binari, ridurrà il consumo di energia in città, il rumore e l’inquinamento dell’aria. L’elettricità sarà generata da una fonte sostenibile – come l’energia eolica– con lo scopo di arrivare ad una totale neutralità del carbonio entro il 2030.

 

Un’altra iniziativa sostenibile che verrà lanciata nel 2017 è ‘The Culture Ring’, una pista ciclabile di 450km che collegherà una selezione di strade per esplorare le principali attrazioni della città, le distese di verde, I villaggi vicini, laghi e le coste che circondano Aarhus.


Rispondi