MUTINA BOICA: CONFERENZE E SPETTACOLI PER SCOPRIRE LA FONDAZIONE DELLA COLONIA DI MUTINA

Nell’ambito della nona edizione della rievocazione storica a cura di Crono Organizzazione Eventi viene approfondito in diversi appuntamenti l’anniversario della fondazione della colonia romana di Modena che, insieme a Parma e Reggio Emilia, venne istituita nel 183 a.C.: nel fine settimana due importanti incontri, in collaborazione con i Musei Civici, e quattro spettacolari ricostruzioni di battaglie animeranno la manifestazione, oltre al ricco programma in partenza già da giovedì 7

Mutina Boica, da giovedì 7 a domenica 10 settembre presso il Parco Ferrari e il Novi Ark – a ingresso gratuito – prevede un ricco programma di appuntamenti per approfondire l’anniversario della fondazione della colonia di Mutina, filo conduttore dell’edizione di quest’anno, ed è realizzata con il contributo del Comune di Modena e in partenariato con i Musei Civici.
Per riflettere sul tema dell’istituzione di Mutina in relazione alla politica di Roma e alla fondazione delle altre colonie romane transalpine Marc Mayer Olivétiene una lectio magistralis – in collaborazione con il Museo Civico Archeologico di Modena – dal titolo “La prima Mutina, porta di Roma o città di frontiera?”. Come di consueto nell’ambito della manifestazione i Musei Civici propongono infatti un incontro di approfondimento scientifico con un esperto di livello internazionale. Quest’anno è la volta di Marc Mayer Olivé, professore di Filologia Latina all’Università di Barcellona e Vicepresidente dell’Associazione Internazionale di Studi Classici (sabato, ore 17.00, Musei Civici, Sala dell’Archeologia). A seguire, al Novi Ark, si potrà assistere al tradizionale arrivo del corteo storico da Largo Porta Bologna e a una visita guidata attraverso i monumenti conservati nei Lapidari al piano terra di Palazzo dei Musei.
Domenica 10 sarà la volta della lectio magistralis di Giovanni Brizzi, ordinario dell’Università degli Studi di Bologna e profondo conoscitore delle vicende della Seconda Guerra Punica che, nell’appuntamento dal titolo “183 a. C. Annibale e Scipione, ultimo atto”, tratterà delle scomparse, a pochi mesi di distanza, di Annibale e Scipione l’Africano, entrambe avvenute nel 183 a. C., figure chiave di quella fase storica e utili a far comprendere il quadro politico nel quale si inserì la fondazione di Modena (domenica, ore 17.00, Parco Ferrari).
Anche quest’anno poi, al Parco Ferrari, saranno tanti gli spettacoli realizzati da oltre 400 reenactors celti, romani ed etruschi: a partire da Il mito delle origini: da Romolo e Remo alla fondazione di Mutina, uno spettacolo di ricostruzione storica, ideato da Fabio Ferretti, a cura di Crono Organizzazione Eventi (venerdì 8 e sabato 9, ore 22.00), che tra mito e archeologia ripercorre la fondazione di Roma, le vicende del progenitore Enea e della leggenda di Romolo e Remo.
Come si svolgevano i giochi gladiatori che celebravano la fondazione delle colonie? Lo spettacolo Ludus Mutinensis (sabato, ore 21.00) illustrerà aspetti dei giochi pubblici legati alla città di Mutina, con riferimenti a Marziale, Glauco e alla coppa della Scartazza. A interpretarlo Ars Dimicandi, un gruppo storico di fama internazionale che ha anche preso parte al cast dell’ultimo kolossal “Ben Hur’”, remake della celebre pellicola del 1959.
E, ancora, altri due grandi spettacoli di rievocazione storica: Mutina deducta est: La fondazione di Modena tra guerra e rito, battaglia campale a cura di Crono Organizzazione Eventi, in cui andranno in scena episodi legati alla nascita di Modena (domenica, ore 18.00) e Munera Gladiatoria, spettacolo gladiatorio a cura di Ars Dimicandi (domenica, ore 19.30).
La battaglia vedrà il coinvolgimento di oltre 200 rievocatori e sarà raccontata attraverso le voci degli attori Lara Guidetti, Marco Marzaioli, Riccardo Palmieri e Saverio Bari. La regia e la scrittura dei testi sono a cura di Fabio Ferretti per Crono Organizzazione Eventi.


Rispondi