Consigli per chi parte per le ferie.

Un utile vademecum per chi deve partire o si appresta a farlo. Chi è già partito da un pezzo può fingere il suono della locomotiva e urlare "ciuuuuciuuuuufff".
 
Avete degli animali domestici? Portateli appresso. Se volete proprio abbandonare un cane fatelo da me, che li adoro. Altrimenti vi faccio volentieri una colonscopia a scopo esplorativo.
 
Avete delle piante? O portatele dalla zia pina. Altrimenti ingegnatevi lasciando le chiavi della vostra casa all’amica che è già tornata dalle ferie, oppure se non avete nessuno o meglio non volete obblighi con nessuno usate dei rimedi alla Luca Sardella: prendete la bottiglia da un litro e mezzo, infondetela nel terriccio e lasciate la scorta d’acqua alla begonia. Fffatt… no, quello era un altro.
 
Volete non farvi ciulare il ciulabile dai ladri? Orpo. Qui è difficile. Allora, di norma consigliano di lasciare la luce accesa in casa, ma dopo la bolletta compensa col danno dei ladri. Per non parlare del lasciare la tv o radio accese. Il ladro non è pirla, se fa appostamenti e scopre che voi ascoltate errediesse dalle 7 alle 5 di mattina vi sgama. Per non parlare del vicino che al ritorno vi scassa tutto il lavoro del vostro dentista perchè a ferragosto non ha potuto dormire causa "Giggi D’Alessio live in Frattamaggiore" dalle 3 alle 7. E non avrebbe torto. Quindi che fare? Accendere un cero alla Madonna e cominciare a dire in giro a destra e a manca (ad esempio) che l’unica cosa costosa che avete in casa è il divano Ikea modello Vreta in pelle color avorio (nonchè i libri di medicina, ma magari tacetelo quello… quattro tomi superano il valore del divano, ma sssst, non ricordatevelo), perchè la vostra televisione è costata 79 euro e il pc ha sette anni e sogna il Tibet.  Non siate così magnanimi da lasciare i soldi pronti per il ladro, si offenderebbe quasi suvvia. Ah, la posta non ritiratela mai tutto l’anno, così non noteranno la differenza.
 
I bagagli: razionalmente non portate via mezza casa. Lo spazzolino, il dentrificio, lo smalto, la muta da sub, il piumino, il magliore, lo scafandro, le babbucce, i bermuda… oh, vabbè del cambiamento climatico ma secondo me non state facendo una buona valigia. Ricordate la limitazione del peso in aereo, se scazzate il kilaggio potete pur sempre vestirvi come l’omino michelin, ma dopo dovete convincere la polizia ai controlli che non siete un kamikaze multistrato ma solo un utonto qualsiasi.
Oppure alla Briatore portatevi appresso la carta di credito e basta. Oppure metà vestiti e il triplo dei soldi.
 
Avete messo apposto l’auto? Sappiate che la polizia stradale (in collaborazione con anas e aiscat) fermerà proprio voi, specie se possedete una Multipla. Non si sa bene il perchè, ma è uno studio certificato. Controllate il bollo, l’assicurazione, il giubbetto catarifrangente e non guidate con quelle cazzo di infradito che vi si incastrano tra i pedali.
 
Che abbigliamento portare? Sì, è il crollario ai  bagagli. Siate funzionali: vanno di moda le cose orrende quindi puntate su quelle, ossia pantalone bracalone e canottiera per lui, top stringitette e pantalone alla pescatora girofica o microminigonna per lei. Anzi, partite in costume e sticazzi, via.
 
I medicinali. Portarsi una piccola scorta: aspirina, autan, foille o pomata simile per le scottature, pomata per le punture di insetti (quando vi asssaliranno sciami di insetti se ne riparla), antistaminico, antidiarroico e lassativo. Servono tutti eh, specie se avete dei bimbi. Fateci caso.
 
Come lasciare la casa: ricordate di sbrinare il frigo per poi non ritrovarlo in versione polo con tanto di pinguini e con un biologo che gira un film in casa vostra. Biologo che potrebbe entrare anche arrampicandosi (e qui è un crollario della sezione ladri) alla grondaia, quindi sprangate serrande e tapparelle. Magari non staccate la corrente perchè sennò quando avete fatto buio in casa son dolori… ah le tubature, chiudetele a meno che abbiate la gondola in garage.
 
Buon viaggio, tante belle cose. Non pensate che poi in vacanza si litiga e ci si ingrassa. Giù Giù, c’è di peggio… come non aver prenotato o prenotare e accorgersi che il Grand Hotel du Mar è in realtà una scatoletta Riomare.
 
[AHAHA, studioaperto, ti ho fregato. Ragazzi, se non vedete aggiornamenti frequenti sappiate che inizia il mese in cui la connessione sarà poco probabile. Ce la farete senza me?]

0 thoughts on “Consigli per chi parte per le ferie.”

  1. a proposito del punto cinque, delle auto, a uno magari capita di averci qualcosa di scaduto; capita che se ne ricorda improvvisamente davanti a una paletta rossa. tipo un bollino blu in decomposizione sul parabrezza. allora sono problemi. ad esempio, mi sono sempre chiesto perchè i carabinieri non hanno il fischietto come tutti gli altri. ai posti di blocco, intendo. nel senso che loro hanno il mitra. il punto è che nelle estività fioriscono i posti di blocco e insomma se tu snobbi i vigili e non ti fermi, quelli ti fischiano un po’, al massimo ti tirano dietro il fischietto. coi carabinieri non sai cosa aspettarti.

  2. con casa mia non dovrei avere problemi… gli “animaletti” del Lord (vedi blog linkato sul mio…) non hanno bisogno di cure particolari e potrebbero cavarsela tranquillamente da soli per un paio di settimane… chi non se la caverebbe è un possibile ladro alle prese con: Sir Archibald, con il Bellissimo Jean Claude…. o ancora meglio con Jabba O’Paloma (che avete da ridere…. mica li scelgo io i nomi delle bestie di mio fratello…!?!?!)

    buone vacanze!!!

  3. Gli animali nominati nel commento precedente sono nell’ordine:

    un Granchio Terrestre (nel senso che sta prevalentemente sulla terraferma, non che non proviene da marte..)…

    Granchio Tricolor,

    Rospo Brasiliano….

  4. hai dimenticato il cubetto di ghiaccio nella tazzina, in freezer! Io ce lo lascio sempre, quando parto… così al ritorno controllo: se è ancora cubico, ok… se è cilindricamente spalmato sulla tazzina, qualcosa non è andato… il resto è andato tutto a male!

  5. ah io il rimdio contro i ladri ce l’ho e l’ho pure brevettato!

    2 o 3 settimane prima di partire non metto più in ordine.

    Ladcio regnare il caos primordiale ovunque. Il ladro scassa la porta, apre guarda e pensa “qua i ladri ci son già stati” e s’arrovella tutta la notte a pensare come cavolo abbia fatto il suo predecessore ad entrare con porte intatte e finestre chiuse.

    ;)

    Buone vacanze!! :D

  6. ci manchi torna presto eh… stiamo degenerando ormai senza di te… e poi hai NOTIZIE da dare… (l’unica cosa triste e che non potrai piu far diagnosi in chat….)

Rispondi