Medievalismo Parmigiano.

 In codesta splendida cornice, Palazzo J.Sanvitale, sede della banca monte Parma, oggi è stato presentato un simpatico piccolo tomo molto utile e che si legge scorrevolmente.
 
Monte Parma Editore ha pubblicato a beneficio di tutti coloro i quali pascoleranno nel territorio parmense in occasione del giubileo della diocesi per i novecento anni della Cattedrale di Parma il volume a cura di Roberto Greci, "Il Governo del vescovo. Chiesa, città, territorio del medioevo parmense."
 
Piccolo, di lettura veloce e chiara, adatto anche a chi la storia e la storia dell’arte non le trova accessibili il volume, che indaga sui secoli con meno testimonianze, è anche corredato da una utile cartografia che guiderà il turista alternativo alla scoperta e riscoperta delle meraviglie medioevali.
La presentazione è stata molto chiara ed esplicativa. Sono intervenuti il presidente della provincia Bernazzoli, il vicario del Vescovo, il presidente di banca Monte Parma Guareschi, lo stesso Greci, docente universitario e -mi si permetta- miglior scrittore che oratore (leggeva anche con scarsa enfasi, quasi da rassegna stampa, un’abile e chiara presentazione del volumetto) e in ultimo il docente di Storia medioevale all’università di Firenze, Jean Claude Vigueur. Abilissimo, piacevolissimo e frizzante nella sua panoramica medioevale.
 
Alla fine devo dire anche che Palazzo Sanvitale è molto bello. Non avevo trovato documentazione fotografica in giro.
All’arrivo dell’invito mi chiesi anche per 5-6 minuti dove stracazzo si trovasse, poi ho realizzato che ci sarò passata avanti un centinaio di volte a piedi (pensa te…)
Davvero notevole, potete trovare altre foto oltre a quella del soffitto del salone delle feste (con un dipinto che rappresenta, mi pare, un’allegoria dell’Aurora) come ad esempio quella dello scalone.
Naturamente le trovate sul flickr, che mi è ancora troppo vuoto di foto rispetto a quanto vorrei infarcirlo. [ho la sindrome del turista gggiapponese…]
 
 
[A lato: la foto del volumetto, datomi in omaggio. In copertina uno dei leoni stilofori del protiro della Cattedrale di Parma… se volete traduco eh… Sotto al quale si notano i tasti del portatile. Eh, dove lo poggiavo? Ah, credo mi abbiano ripreso un po’ tutti i fotografi e cineoperatori. Colpa del maglione verde prato colorato coi pennarelli ad alcool, ad alcool… che strano…]

0 thoughts on “Medievalismo Parmigiano.”

Rispondi