Anf, pant.

Ho così tanto da fare, esami, lavoro, organizzazione, che la sera quando vado a letto non riesco neppure a dormire. Mi sembra di perder tempo.
Solo che oggi stavo per svenire. E te dici, guarda, ok, almeno ti riposi. Un cazzo, ho perso quasi 3 anni a fare l’ammalata, mesi a fare l’invertebrato a letto e ora che mi viene solo da svenire perché è davvero troppo per me e quello che rimane il mio fisico col cazzo che mi fermo. E’ la mia testa che ora ce la fa, perché le piacciono le cose come girano, perché non si arrende, ora, per grossi periodi. Quindi porca vacca, anche in barella mi muovo questi giorni, ma mi muovo.

Sto andando in palestra e pensavo ci fosse qualcosa di nuovo da raccontare. Dovrò essere invece monotematica: la musica, giusiferreri a parte, è bella. La gente si fa i cazzi sua. Gli istruttori sono dei simpatici schiavisti. Cioè, cazzo, l’unico avvenimento pregno è stato lamentarsi che le stampelle quelle senza gancio ma col chiodo son scomode. Che tristezza estrema, mi toccherà pure prenderla seriamente.

E in tutto questo gli auricolari mi hanno abbandonato.
Domattina prima incontro una grande donna a colazione e poi mi trascino da un potenziale finanziatore. Incrociate tutto, anche i maroni, plis.


0 thoughts on “Anf, pant.”

  1. Io invece ho un attrezzo tipo panca per addominali, comprato ai grandi magazzini, assemblato tipo bricolage e sistemato in cucina. E non è costato neanche tanto (solo 39 euro suppergiù). Come dire, palestra fai da te…..:0

Rispondi