Lo stesso imbarazzo di quando i tuoi parlano della tua cacchettasanta.

Facciamo un passo indietro.

Fiorello ha questo nuovo show, che è molto premiato dagli ascolti. Dici, bene per lui. Una novità, pensi. Poi capita l’unico lunedì scevro da concerti (durante la sua prima puntata sei al Tunnel di Milano a sculettare i The Rapture, questo lunedì sei a fare cori da stadio da Natalegallagher) e ti dici: ok, è l’ennesima cosa su cui tutti devono farsi un’opinione. Levamose sto dente. E te ne esci con poche constatazioni mentre vedi che tutti, specialmente il vippame italico residente su twitter lo glorifica.

La prima è che ormai Fiorello non ti fa ridere manco per il cavolo. E io sono una che si riascoltava i podcast di VivaRadioDue imparandosi le battute a memoria con le lagrime agli occhi dalle risa. La seconda è: come fa Edwige Fenech ad essere ancora così topa a sessantatré anni. La terza è: madò, ma Chris Martin poteva cantare in playback invece di ululare con le adenoidi su Paradise?

Queste sono state tutte le mie constatazioni su ilpiùgrandespettacolodopoilweekend. Da lì ho girato su Horatio Caine di CSI.

I fatti che ora vado ad esporvi sono alcuni, riassumibili in: a) un giornalista musicale che viene considerato di un certo livello fa la bimbetta su twitter dicendo una cosa per sentito dire (abbiamo la sua parola) b) il paese reale si scandalizza perché non viene accettato un armani al posto de ‘no straccio c) il vippismo è tutto un michettamento che per carità a pensarla con la propria testa

[E ultimo ma non meno importante: Mylo Xyloto dei Coldplay ha risolto i miei problemi di irregolarità intestinale!]

Via al racconto dei fatti.

Partiamo da qui: un innocentissimo post sul blog del tour dei Coldplay tenuto dalla band, chiamato “roadie” (e già non “Blog di un roadie dei Coldplay che ha “recensito” il loro “marchettone”“) (poi roadie è facchino stocazzo, permettetemi. I roadie, per chi segue la musica non quella patinata e commerciale, sono quelle figure che permettono che uno show on the road venga messo in piedi tutte le sere. Bastava wikipedia. Anzi, bel nome per un blog)  dove si dicevano cose molto scontate, del tipo siamo andati in Italia, sballottati dal giorno prima che eravamo già in salcazzonia, ci hanno detto una volta lì che andavamo in televisione ma pensavamo fosse una roba come sulla tv crucca e invece no, the lulz amisci. Una cosa normalissima, vi dico, per cui io quando ho dieci minuti al telefono con un musico mi accerto di dirgli in 15 secondi chi sono e per chi scrivo, che mi sembra una bella cosa, così per professionalità anche se magari glielo ha detto il manager o l’ufficio stampa, ma facendo entrambi i mestieri so che per stanchezza qualcosa può sfuggire…

‘rriviamo alla domenica movimentata su twitter vipposo (sì, c’è anche Fiorello, su twitter. Mamma, manchi solo tu che almeno mi scrivi lì @Frannina la butto la pasta? Corta o spaghetti?) un giornalista di spicco sulla scena musicale italica se ne esce con questa cosa: “innanzitutto ‘NGIORNO everybody. Letto ora Blog di un roadie dei Coldplay che ha “recensito” il loro “marchettone” (segue) da @sarofiorello. Credo che un essere pensante più bestia di questo – che di mestiere può solo fare il roadie (cioè il facchino) – (segue) sia arduo trovarne. Non ha capito una mazza del dove si trovava, cosa ci faceva, perché era lì ma, pensate, ha trovato bizzarro (segue) che noi italiani si potessero ospitare i Coldplay in una venie così ridondante ecc. Il problema è solo uno: succede se dai perle ai porci!”

Anzitutto: bello insultare i facchini, eh. Il settantapercento della gente che scrive ora in Italia è braccia rubate all’agricoltura, ma non è che noi lo si voglia far notare perché magari amici non hanno posti di lavoro che invece hanno altri. Magari si è ignoranti anche con una penna in mano se non si capisce che sia nello scritto non c’era nulla di offensivo ma una sottile ironia anche verso se stessi e della vita frenetica (oh, l’ho colta solo io? vedo troppi inglesi) che si fa in promozione o se un giornalista musicale non sappia cosa sia un roadie o soprattutto se si è su twitter e non si sappia condensare in 140 caratteri. Io non giudico per queste cose. Giammai.

Poi il giornalista dal canto suo dice: “Ultima appendice (cazzo non mi va giù) pare che in tutto questo Chris Martin si sia “VERAMENTE” incazzato per il famoso scambio (segue) …di giacca e ha detto a lsuo addetto stampa: 2cazzo, non mi hai avvertito che “il presentatore” mi avrebbe preso la giacca. Io tengo alle… …mie cose e “QUELLO” l’ha pure indossata!!!. #mavaiacagare!!!!”

Alché il PaeseReale dice:

  1. Ma stiamo scherzando? Dovrebbero essere onorati di essere ospitati in una tv italiana.
  2. sono ignoranti pazzeschi. Non importa quanto sei famoso, vai in Italia e nn sai manco dove e perché? Schifo.
  3. “crazed presenter” a chi??? a belli? state parlando di un mito nazionale!
  4. Infiniti ricordi di questi inglesi arroganti, es. un Macca a Liverpool anni fa. Troppo gentili (provinciali?) noi
  5. e tu volevi lasciargli la giacca di Armani x quello straccio comprato al negozio vintage di camden town?

E Fiorello sovracitato, che già aveva dato della rosicona alla Guzzanti per aver detto che il suo show è nulla di che, manda a cagare i Coldplay tramite videino. Dopo che li aveva pregati di twittare il suo nickname su twitter eh…

[poi, il fatto dell’addetto stampa, oh, io ho sentito girare spesso voci anche su altre persone, ma mica le vado a twittare. Ma poi, solo all’estero dicono a chi fa parte di una testata di non farla fuori dal vaso? Qui no?]

I punti ora sono due, in finale: a) non capisco perché quando io sono sotto richiesta di discrezione con le mie testate mi sto zitta, se questo è l’uso italico dei social dei giornalisti b) dove devo mandare il cv ai Coldplay per prendere il posto dell’addetto stampa che sarà fucilato sul posto?


0 thoughts on “Lo stesso imbarazzo di quando i tuoi parlano della tua cacchettasanta.”

    1. (graz :) )

      Giorgia, io ho l’idea che a volte quando un amico piscia controvento sia meglio non rispondere. E siccome il giornalista si è riferito anche a uno degli autori di Fiore e questi non ha risposto credo che quell’autore abbia lo stesso mio senso della vergogna. Lo stimo, anche se era così già da prima.

  1. Aggiungo una cosa importantisssssima:
    ho visto la scena incriminata.. e ora andrò di nuovo a cercarla su youtube per accertarmi di non scrivere vaccate, ma son piuttosto convinto che la giacca se la sia tolta di sua sponte Chris Martin per farla provare a Fiorello mentre quest’ultimo si toglieva la sua. Quindi ha poco senso la storia che si sia incazzato per lo scambio.

  2. Fiorello è sopravvalutato. A me faceva morire dal ridere ma questo nuovo spettacolo penso sia una delle cose + tristi mai viste.
    Ho cercato, giuro, di resistere piu’ di 10 minuti ma non ce l’ho fatta.
    Giuro che ho tentato…

  3. non l’ho visto, mi dedico ad altre amene letture…ma da questo post capisco che non ho capito un cavolo di come si usa twitter O_o io postavo cavolate come si FB tipo cosa sto facendo/pensando /imprecando…e invece noooooooooooo ha una sua utilità: questa cosa mica l’avevo pensata;: @Frannina la butto la pasta? Corta o spaghetti?…..O_o

  4. (scusami, per errore avevo postato il commento al posto sottostante… mi devo abituare alla nuova grafica)

    Aspetta dov’è il video di Fiorello che manda a cagare i Coldplay? Mi sono persa qualche pezzo.
    Comunque la mia opinione te l’ho detta su facebook: per la faccenda serietà sono d’accordo con te: si poteva fare molto meglio. Chris è stato adorabile, anche se avrebbe fatto meglio a non cantare affatto, ma Fiorello mi ha delusa. Per la giacca anche io mi ricordo che se l’è tolta Chris di sua spontanea volontà…

Rispondi