Some better days (quegli degli I am Kloot, mica parlo di me)

Mi fa impressione embeddare un video di Vevo, ma ecco, oggi stavo su twitter e leggevo i twit di Guy Garvey, e linkava proprio questo video giacché è tra i produttori del nuovo bellissimo lavoro dei manciuniani I am Kloot, che si chiama Let it all in.

Un album che piace tantissimo anche al tizio del corriere espresso che me l’ha ciulato poco prima di Natale, visto che il cd fisico era andato perduto. Quindi ecco, non è la mia solita disinteressata marchetta a un disco Pias, ma davvero mi piace tutto il loro catalogo. Davvero.

Prodotto da Guy Garvey e Craig Potter (negli Elbow), il nuovo album  segue l’acclamato “Sky at Night”, nominato al Mercury Prize nel 2010, e consolida la forza e l’eleganza compositiva del frontman John Bramwell.  Con ‘LET IT ALL IN’ gli I AM KLOOT realizzano un nuovo album di delicate,  evocative, incantevoli  canzoni pop.

Come il poeta Simon Armitage riassume perfettamente: “C’è qualcosa di familiare e immediato nel suono che producono, tanto che anche una nuova canzone può trovare un posto nella memoria, anche prima che abbiano finito di suonarla, come se l’avessimo ascoltata per anni. “

 Qui un breve clip sul brano “Bullets” :

Youtube: http://www.youtube.com/watch?v=FjGYURcissM

E qui il remix di “These Days are Mine” della leggenda techno Dave Clarke  

Soundcloud link:

https://soundcloud.com/piasrecordingsmusic/i-am-kloot-these-days-are-mine/s-9Urmk

Youtube link: http://youtu.be/bhBhybOkYuI


2 thoughts on “Some better days (quegli degli I am Kloot, mica parlo di me)”

Rispondi