“È tempo di Natale”: un saluto di Natale dalla Norvegia

Entra nello spirito natalizio con questo video di Michael Bolton e Matoma alle Lofoten

L’artista norvegese Matoma e Michael Bolton hanno scelto le Lofoten come location per il video della loro canzone natalizia “It’s Christmas time”. Molti norvegesi hanno già vissuto la speciale atmosfera natalizia delle Lofoten e ora tocca a Michael Bolton e Matoma.

Nel video ufficiale potete vedere i due artisti cantare e suonare sul monte Justatinden alle Lofoten, con le bellissime montagne e fiordi sullo sfondo.

La storia dietro le riprese

Come sono saliti sulla montagna il piano, Bolton e Matoma? È una storia che contiene elicotteri, schermi verdi, studi a LA e studi alle Lofoten.

Prima di tutto, chi c’era effettivamente sulla montagna?

“Matoma e il pianoforte erano a Justadtinden con una troupe cinematografica guidata da noi e supportata dal Collettivo cinematografico delle Lofoten”, racconta Martin Litwicki di Scream Media.

Come hai alzato il piano?

“L’abbiamo volata con un elicottero. Abbiamo contattato Destination Lofoten e dopo esserci consultati con loro e il comune abbiamo scelto questa spettacolare montagna”.

Nel video, Michael Bolton si vede anche sulla cima della montagna. Com’è andata?

“Michael Bolton non ha potuto venire alle Lofoten a causa delle attuali restrizioni di viaggio, ma con l’aiuto del green screen e degli studi di Lofoten e LA abbiamo ottenuto questo fantastico risultato”.

Come hai vissuto le Lofoten?

“Le Lofoten sono fantastiche e l’idea per questo video è nata 2 anni fa. Stavamo aspettando il progetto giusto. Le Lofoten sono una destinazione da sogno e non c’è altro posto dove avrei portato Matoma e Michael Bolton”, dice Martin.

Koselig! Tradizioni natalizie norvegesi

Il Natale in Norvegia è tutto incentrato sul kos . Kos è il tipo di felicità istantanea che ottieni quando ti senti al sicuro, al caldo e bene insieme. Kos è un tipico lusso norvegese di semplicità, dove le piccole gioie ti fanno sentire benissimo. E il kos è una sensazione tipica durante le vacanze. Koselig è uno degli aggettivi più usati dai norvegesi, anche durante le vacanze.

Il Natale in Norvegia è solitamente una vera festa di luci, preparazioni e tradizioni che durano un’intera stagione. La neve bianca e le decorazioni si aggiungono alla magia, anche in questo particolare anno.

In Norvegia, i festeggiamenti e i preparativi per le festività natalizie iniziano presto, di solito l’ultimo fine settimana di novembre, con la cottura dei biscotti natalizi, almeno sette tipi diversi. Poi la prima domenica di Avvento si accendono gli alberi di Natale nelle città, paesi e villaggi. Da fine novembre a dicembre di solito è anche la stagione dei mercatini di Natale dove i contadini vendono i loro prodotti locali, gli artisti vendono i loro prodotti artigianali, e puoi anche acquistare le tipiche caramelle norvegesi, torte e altri cibi, anche provare il primo “gløgg” dell’anno. Gløgg è la variante norvegese del vin brulè con mandorle, uvetta e cannella.

“Jul”, che è la parola norvegese per Natale, in realtà precede il cristianesimo, e anche se non sappiamo molto su come celebravano i vecchi pagani, sappiamo che erano soliti sacrificare animali e bere birra. La vigilia di Natale (24 dicembre) la maggior parte dei norvegesi si riunisce per il tradizionale pasto “Julaften” e per l’apertura dei regali di Natale e si spera che “Julenissen” (Babbo Natale) faccia una visita.

Cibo natalizio

I norvegesi prendono sul serio il loro cibo natalizio e si limitano a pochi piatti comuni.

Ribbe : pancetta di maiale arrosto, solitamente servita con crauti e patate lesse, salsiccia di Natale, polpette e salsa.

Pinnekjøtt : costolette di agnello salate, essiccate e talvolta affumicate, servite con patate lesse, cavoletti di Bruxelles e purea di rutabaga.

Lutefisk : Stoccafisso che è stato adagiato in acqua e liscivia (un modo per conservare il pesce ai vecchi tempi), poi cotto al forno.

Merluzzo: in alcune parti della Norvegia è anche tradizione servire il merluzzo cotto insieme a salsa al burro, carote e patate.

Riskrem : Per dessert è molto comune servire il porridge di riso con crema fredda. Nel porridge è nascosta una mandorla, e la persona che la prende, riceve un maiale di marzapane.

Aquavi t: Insieme con vino e birra, molti norvegesi servono anche acquavite – uno spirito basato patate aromatizzato con erbe come semi di cumino, anice, aneto, finocchio e coriandolo.

Altre tradizioni

Fjøsnissen
A differenza del più comune “nisse” (Babbo Natale), fjøsnissen – l’elfo del granaio è un personaggio più malizioso e leggermente sinistro che era importante quando la Norvegia era ancora una comunità agricola. Se trattato bene, avrebbe contribuito a garantire che la fattoria prosperasse, se infelice avrebbe potuto esercitare le forme più brutali di vendetta, come colpire il bestiame morto. Questo è il motivo per cui ogni Natale gli agricoltori portavano il porridge di riso e la birra fatta in casa nella stalla, una tradizione che continua nelle fattorie norvegesi fino ad oggi.

Chiesa
Anche se la Norvegia è un paese relativamente laico, è tradizione per i norvegesi andare in chiesa nel pomeriggio della vigilia di Natale, prima della cena e dei regali. Molti lo fanno per entrare nella giusta atmosfera natalizia e per ricordare perché si celebra la festa.

God jul! Buone vacanze!

La Norvegia è il posto giusto per vivere la magica aurora boreale e il sole di mezzanotte sopra il Circolo Polare Artico; visitare i fiordi famosi in tutto il mondo circondati da montagne e ghiacciai spettacolari; e in mezzo a uno scenario mozzafiato, goditi il ​​cibo e la cultura gourmet nelle città di Oslo, Trondheim, Stavanger, Bergen e Tromsø.

Per i migliori consigli sulla Norvegia, fare clic su www.visitnorway.com


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.