L’Evoluon di Eindhoven riacquista la sua vecchia funzione e diventa un museo sul futuro del Pianeta

Architecture

Per la sua forma particolare, che ricorda un UFO, l’Evoluon è da sempre considerato un’icona della città di Eindhoven. Fu già museo della scienza e tecnologia e, dopo essere stato per lungo tempo un moderno centro per eventi e congressi, riprende la sua funzione originale diventando un museo sul futuro della terra.

“Sarà un museo “ottimista”, dice l’artista-tecnologo Koert van Mensvoort, che ha sviluppato il progetto: “Deve mostrare la connessione tra uomo, tecnologia e natura”. La forma dell’edificio è un’importante fonte di ispirazione. “Sarà una specie di astronave in cui impareremo ad essere un equipaggio migliore per la nave madre Terra”.

Van Mensvoort, fondatore di “Next Nature Network” si è fatto un nome negli anni con progetti sorprendenti come quello della carne coltivata artificialmente per risolvere il problema alimentare mondiale. Crede nel progresso dove la tecnologia ci aiuterà a risolvere i problemi della terra. “Nell’Evoluon esploreremo il futuro: Ci vuole poco sforzo per vedere che tutto va male; ce ne vuole di più per immaginare un futuro pieno di speranza, nel quale si vorrà vivere con piacere”.

Percorso nel museo

Il museo porterà il visitatore dal Big Bang all’Antropocene, l’era della comparsa dell’uomo, e oltre in uno spazio che comprenderà la sala sotto l’enorme cupola e le quattro gallerie. Il primo anello riguarda la nascita della terra, il secondo l’evoluzione della vita. Il terzo anello si concentra sul modo in cui la tecnologia sta trasformando la terra, mentre la prima e la quarta galleria mostrano ai visitatori come l’uomo può far fronte a tutti questi cambiamenti.

Si tratta di un progetto molto ambizioso che verrà realizzato in diverse tappe. Quest’anno si inizierà con un’installazione di realtà virtuale dove, indossando occhiali VR e un’imbracatura da alpinista, il visitatore viene sollevato e trasportato in immagini 3D, lontano nel futuro”. Dopo di che, il museo sarà sviluppato a tappe per poi completarsi definitivamente nel 2025. Il museo collaborerà con il museo della scienza e tecnologia di Amsterdam “Nemo”.

Storia

Nato come museo della scienza, l’originale edificio è stato fino ad oggi un moderno centro per eventi e congressi, che ospitava fino a 1500 persone con annesso ristorante. Gli architetti Louis Kalff e Leo de Bever avevano realizzato un progetto audace, dove la cupola di cemento del diametro di 77 metri era tenuta da 169 chilometri di cavo di tensione.

Venne costruito nel 1966 dalla Philips come museo della tecnologia: Era una vetrina per tutto ciò che Philips aveva da offrire. Negli anni 70 riscosse un notevole successo, attirando oltre 500.000 visitatori grazie alle sue mostre tecnologiche e stimolanti che già allora incoraggiavano l’interazione con il pubblico, dove i visitatori potevano fare i propri esperimenti, un concetto innovativo per l’epoca. Alla fine degli anni ’80 venne poi trasformato in un centro congressi.

Brainport

Evoluon si trova nella zona Brainport di Eindhoven, conosciuta come incubatore di tecnologie e innovazione. Qui sono infatti presenti una serie di aziende top e istituti di ricerca nel campo della tecnologia.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.