Tanto divertimento coi giochi su Play.org

Read More

Okay cosa c’è di meglio dei videogiochi? Quando esistono videogiochi gratis – ed è quello che si ha su plays.org. C’è un intero catalogo di giochi gratuiti con cui puoi divertirti. Infatti, ci sono più di 100 giochi sul sito.Sono sempre stato molto appassionata di videogiochi. Da quando mio zio ha ricevuto un Atari quando ero bambino, sono rimasto affascinato. Gioco a giochi per PC, giochi per console e ora anche giochi per cellulari. I videogiochi sono una fonte di divertimento, eccitazione e conforto per me. Siamo stati chiusi per più di un anno a causa della pandemia, e molti di noi si sentono come se stessimo languendo. Gli studi hanno dimostrato che giocare ai videogiochi può aiutarci ad affrontare la depressione. Si è anche scoperto che il gioco ai videogiochi è correlato positivamente al benessere. Trovo che questi sono particolarmente veri per me, dato che videogiochi non devono nemmeno essere complicati. Mentre mi piacciono i giochi di ruolo impegnativi, sono anche in grado di trovare piacere in giochi più casual come i puzzle, gli oggetti nascosti, gli sparatutto, ecc. C’è un gioco per ogni umore e stato d’animo. A volte vogliamo immergerci in un mondo totalmente diverso e fuggire per un po’. Ma ci sono anche momenti in cui vogliamo solo fare cose semplici e dirette come sparare agli alieni o compitare parole.

Il primo gioco che ho provato è stato Hero Rescue, un semplice gioco di puzzle con i birilli. Lo scopo del gioco è quello di vincere tesori e non essere uccisi in ogni fase. Si accumulano monete ogni volta che si finisce una fase. C’è un’opzione per giocare come un’app sul tuo telefono e si adatta perfettamente allo schermo del mio telefono. Attualmente sono arrivato alla fase 12. Sorprendentemente, il sito web ricorda dove ho lasciato ogni volta che gioco con lo stesso gadget, così non perdo i miei progressi. Il prossimo gioco che ho provato è stato un gioco connect 3 basato sulla logica chiamato Merge Fish. È più difficile di quanto sembri, lol! Sono riuscito a far evolvere il mio pesce solo fino alla sua quinta forma finora. Ho optato per giocare a schermo intero sul mio portatile.

Ho provato i giochi di play.org su computer, tablet e cellulare. Tutto funziona bene! Non posso credere che siano tutti gratuiti, lo adoro!

Ecco cosa distingue play.org dagli altri siti di giochi:

  1. Non c’è niente da scaricare. Nessuna app o alcun tipo di software. Si gioca tutto dal tuo browser.
    Non ci sono annunci. Odio davvero quando una pubblicità appare improvvisamente a metà gioco. Mi distrae e rovina lo slancio.
    Ci sono più di 100 videogiochi gratuiti con cui puoi divertirti.
    Ci sono così tante categorie diverse che ci sarà sicuramente qualcosa per tutti.
    È possibile fare richieste di giochi tramite un modulo di feedback, dato che aggiungono sempre nuovi giochi al loro roster.
    Da quando non posso andare da nessuna parte se non al lavoro e in posti essenziali come banche e supermercati, ho passato più tempo a giocare ai videogiochi. Mi manca molto viaggiare e per ora posso visitare altri luoghi solo virtualmente. I videogiochi mi aiutano a far fronte a quello che succede intorno a me e mi aiutano a rimanere sano di mente. Se hai bisogno di distrarti, anche solo per un po’, ti consiglio di visitare plays.org e di giocare a un gioco o due. O forse anche tre o più. Potete anche mostrare il sito ai vostri figli per tenerli occupati se avete bisogno di una pausa

Nel 2021, ventuno novità turistiche invitano a programmare un viaggio in Repubblica Ceca

Read More

In attesa che la situazione si normalizzi, si viaggia con la fantasia e si gioca con i numeri: nel ventunesimo anno del nuovo secolo, la Cechia annuncia altrettante nuove attrazioni da mettere in agenda.

Di necessità virtù. Il comparto turistico ceco ha saputo trasformare l’attuale crisi pandemica mondiale in un’occasione e ha approfittato dello stop ai viaggi per portare a termine progetti in sospeso, completare opere in cantiere, accelerare i lunghi restauri, rivitalizzare le strutture, inaugurare musei e mettere a punto nuovi eventi culturali, a partire dalle mostre.
⦁ Riapertura del Museo della Boemia settentrionale, a Liberec

Fondato nel Nord del Paese nel 1873 come museo di arti e mestieri, è il più antico nel suo genere in Cechia. Dopo tre anni di ristrutturazione, al momento è aperto solo virtualmente, ma non appena possibile le sue sale ammodernate accoglieranno il pubblico con una nuovissima esposizione dedicata alle arti e ai mestieri nei vari periodi storici, dall’antichità al Medioevo, dal Rinascimento al Barocco, fino a oggi. Al piano terra, per la prima volta sarà visitabile il deposito museale.
2. Zecca reale di Kutna Hora, la Banca centrale del Medioevo

Una delle perle del centro storico della cittadina boema sotto tutela Unesco è la quattrocentesca “Corte Italiana”, dove aveva sede la Zecca reale e veniva coniata la moneta in argento di Praga (groschen). Ora un’esposizione speciale, realizzata con tecnologie moderne e supporti digitali, rievoca le atmosfere medievali e racconta la storia di quella che potremmo definire la Banca centrale ceca dell’epoca. Tre i settori, dedicati rispettivamente alla storia dell’edificio, al processo di coniazione delle monete e ai Groschen praghesi.
3. Il castello di Strakonice e i Cavalieri di Malta

La ristrutturazione del castello di Strakonice, in Boemia meridionale, volge ormai al termine. Contemporaneamente fervono i preparativi per la nuova esposizione dedicata all’Ordine dei Cavalieri di Malta. A castello potranno essere ammirate anche la più grande collezione di cornamuse dell’Europa centrale, motociclette e armi storiche, un’esposizione sull’arte tessile e una sulla produzione del marchio motociclistico ČZ. Uno spazio sarà presto dedicato anche alla tradizione del teatro delle marionette.
4. Il “nuovo” castello di Helfstyn

Anche il castello di Helfstyn in Moravia si è rifatto il trucco… Dopo un lungo e impegnativo restauro, che l’ha strappato a due secoli di decadenza, il maniero è come nuovo e doppiamente panoramico: oltre alla bellissima vista sulla valle, regala uno scorcio unico sul cielo, grazie al tetto di vetro installato al posto di quello originario, crollato da tempo. Il castello custodisce opere artistiche di mastri fabbri, manufatti archeologici e sculture in pietra.
5. Rocce di Adrspach, d’ora in poi solo su prenotazione

Da aprile, le gite improvvisate nella città rupestre di Adrspach, singolare fenomeno naturale che attrae turisti in Boemia settentrionale fin dall’XVIII secolo, non saranno più possibili. E questo è un bene, per tutti: per il fragile equilibrio di questo straordinario sito e per i visitatori, che potranno goderne la bellezza senza assembramenti. La prenotazione potrà presto essere effettuata online, sul sito ufficiale di Adrspach.

6. Un nuovo museo di auto Skoda, a Mrac

Tradotto, si chiama Il Mondo delle Skoda (Svet Skodovek). Situato tra Mrac e Cercany, nella regione intorno al fiume Sazava, non lontano da Praga, è la più vasta collezione privata di veicoli sportivi Skoda del mondo. A partire da questa primavera, sfoggia prototipi di veicoli da gara e commerciali del famoso marchio ceco. Nei locali del museo c’è persino una vecchia aula di scuola guida, con tanto di attrezzatura per le simulazioni e strumenti d’epoca. Interessante e curiosa anche la sezione dedicata alla storia dei segnali stradali in Cecoslovacchia.

7. Invito a corte, al castello di Vimperk

Rimesso a nuovo, il castello di Vimperk, ai piedi della catena montuosa della Selva Boema, in Boemia meridionale, da maggio tornerà finalmente a sfoggiare i suoi fastosi interni, decorati tra l’altro da rari arazzi fiamminghi del XVII secolo. Il restauro ha inoltre restituito all’antico splendore un pregevole soffitto secentesco con assito.
8. Palazzo Clam–Gallas di Praga sta tornando
Nel cuore della Città Vecchia, il magnifico Palazzo barocco Clam-Gallas è in fase di restauro. Il suo elegante e sfarzoso aspetto barocco si deve al costruttore Tomas Haffenecker e al progetto dell’architetto di corte viennese Johann Bernard Fischer di Erlach, che hanno messo il proprio talento a servizio del conte Jan Vaclav Gallas. Il restauro dello storico monumento prevede anche la realizzazione al suo interno di un ristorante, un’enoteca e vari spazi espositivi e culturali.
9. Il pubblico torna alla cattedrale di San Bartolomeo, a Pilsen

Tra le attrazioni più visitate in Boemia occidentale, la cattedrale di Pilsen intitolata a San Bartolomeo sta per spalancare di nuovo i suoi portali ai turisti, che potranno tornare tra l’altro a salire in cima alla torre più alta della Repubblica Ceca. La riapertura di questo gioiello gotico dopo il restauro è prevista a giugno. Tra le novità, un’esposizione ospitata nei locali del solaio (dalla magnifica capriata) sopra la cattedrale, dedicata alla storia del duomo e delle campane.
10. Il castello di Telc riapre (parzialmente) i battenti

Anche il castello di Telc, non lontano dal confine con l’Austria, è da tempo oggetto di un ambizioso progetto di ristrutturazione a lungo termine. I lavori tuttavia hanno subito un’accelerata e il prossimo maggio il monumento dovrebbe essere parzialmente riaperto. Ai visitatori sarà accessibile in particolare la nuova esposizione, allestita in 15 stanze del castello, che presenterà la storia locale e permetterà di ammirare la cappella di Tutti i Santi.
11. Torna a vivere il mulino a vento di Kancibork, a Trebic

Da questa primavera, in Moravia è di nuovo aperto al pubblico un monumento tecnico rurale davvero interessante. Completamente restaurato dopo anni di abbandono, l’ottocentesco mulino a vento di Kancibork ricorda nello stile i “cugini” olandesi. Fu costruito per servire lo stabilimento conciario dei fratelli Budischow: qui si macinava infatti la corteccia di abete rosso e pino per ottenere la concia, utilizzata per pulire le pelli prima di lavorarle. Non a caso, al piano terra è stata allestita un’esposizione sull’artigianato locale, la conciatura appunto e la produzione di scarpe. Al primo piano si visita invece l’appartamento di emergenza, messo a disposizione tra il 1929 e il 1977 di chi necessitava di un riparo.
12. Il Museo della ceramica, a Bechyne

Non solo pregiato cristallo in Boemia, ma anche fini maioliche artistiche. A quest’arte antica e delicata Bechyne, nel Sud della regione, dedica ora il Museo internazionale della ceramica, allestito nell’ex “Casa dei servizi”. A partire da settembre, sarà aperto tutto l’anno con una piccola esposizione permanente e sempre nuove mostre temporanee di arte, dalla pittura al design, dalla scultura alla grafica.
13. Ultimi ritocchi al santuario di San Giovanni Nepomuceno, sul monte Zelena hora

E’ dal 2018 che i restauratori lavorano con certosina maestria al celebre capolavoro barocco, al confine tra Boemia e Moravia. Intitolato a San Giovanni Nepomuceno, meta di pellegrinaggio e patrimonio dell’umanità targato Unesco, il santuario è si luogo di culto, ma anche meraviglia architettonica dai forti simbolismi. A firma dell’archistar dell’epoca Santini, di origine italiana, domina il Zelena hora con il suo originale impianto a stella a 5 punte. I lavori dovrebbero essere completati entro la fine dell’anno.
14. I camion Tatra in mostra a Koprivnice

A giugno aprirà i battenti il nuovo Museo dei camion Tatra a Koprivnice, nel lembo orientale della Repubblica Ceca, nella regione Moravia-Slesia. Sarà ospitato nel capannone di un’ex fonderia, ai margini dei locali della fabbrica Tatra. La casa automobilistica di Koprivnice per il nuovo allestimento ha messo a disposizione settanta veicoli d’epoca, compreso il primo ad aver partecipato al Rally Dakar. La mostra sarà incentrata sui camion, ma ospiterà anche il famoso treno storico Slovenska strela (letteralmente, proiettile slovacco), restaurato e pronto per occasionali corse nostalgiche.

15. La torre panoramica di Cvilin a Krnov si rimette a nuovo

Ancora un po’ di pazienza e la prossima estate si potranno di nuovo calcare i gradini che conducono in cima alla torre panoramica di Cvilin, sui monti Jeseniky, in Moravia settentrionale. Con i suoi 28 metri d’altezza, fu costruita tra il 1902 e il 1903 su progetto dell’architetto Ernst Latzel, per iniziativa dell’Associazione dei monti moravo-slesiani e con l’importante sostegno finanziario del principe Giovanni II di Liechtenstein.
16. Nel giardino del re, a Pernstejn

Il castello di Pernstejn, in Moravia, è un vero e proprio gioiello, tra i monumenti cechi meglio conservati e più famosi. Una delle sue gemme più preziose, lo splendido giardino sotto le mura, è però ancora poco nota. E’ il momento di rimediare: fresco di restauro, sta finalmente per aprire al pubblico e ostentare l’aspetto originario del XIX secolo, quando era tra i quindici giardini più importanti di Moravia e Slesia. Nella parte originariamente coltivabile, sarà allestita un’esposizione con opere restaurate di arte da giardino. Sulla terrazza sorgerà una nuova caffetteria panoramica all’aperto.
17. La rinascita della chiesa di legno di Guty

Non sono semplici falegnami, ma veri e propri artisti del legno quelli che sono riusciti a completare la replica fedele della chiesa cinquecentesca di Třinec-Guty, in Moravia settentrionale, distrutta nel 2017 da un devastante incendio doloso. Completata la ricostruzione della struttura, manca ora solo di creare gli ultimi arredi, copia di quelli originali. Giusto in tempo per l’inaugurazione prevista il 23 maggio.
18. Assalto alla fortezza!

Inespugnabili ma non indistruttibili, anche le fortezze hanno bisogno di cure. Testimonianze di tempi bui e monito contro la guerra in tempo di pace, le architetture militari sono un patrimonio di cui la Cechia è ricca. Entro il prossimo autunno sarà nuovamente visitabile la fortezza di Dobrosov, nella provincia di Nachod, in Boemia nordorientale, al confine con la Polonia. La sua costruzione fu avviata nel settembre 1937, nell’ambito di un complesso di fortificazioni contro l’invasione delle truppe di Hitler. Tuttavia, la fortezza non fu ultimata prima della conclusione dell’accordo di Monaco per l’annessione alla Germania delle regioni di confine della Cecoslovacchia, nel settembre del 1938. Gli escursionisti apprezzeranno in particolare il nuovo centro visitatori, attrezzato con sala conferenze, zona ristoro e servizi igienici.

19. Le nuove cripte e le cantine nelle catacombe di Klatovy

Dalle viscere della terra, nuove sorprese. Le catacombe di Klatovy, in Boemia occidentale, stanno per inaugurare alcune novità. Tanto per cominciare, entro l’estate il percorso di visita sarà ampliato alle cantine, fin qui inutilizzate. Non appena sarà concluso il restauro, il tour comprenderà anche le cripte. I visitatori potranno ammirare nuovi reperti e altre spoglie umane fin qui mai esposti.
20. La residenza Pernstejn, al castello di Pardubice

Il restauro del castello di Pardubice, nell’omonimo centro in Boemia orientale, è ormai giunto al traguardo. Per celebrarlo, si sta allestendo proprio ora la mostra speciale “Pernstejnska rezidence – nejstarsí renesance v Cechach” (La residenza Pernstejn – esempio del Rinascimento più antico in Boemia), che va ad aggiungersi all’esposizione di archeologia, alla presentazione della storia della città e alla panoramica sulla produzione del cristallo. La mostra sui Pernstejn sarà animata dai ritratti parlanti dei membri della nobile casata, che prenderanno vita al passaggio dei visitatori.
21. Novità tra i Monti dei Giganti: lo Chalet di Pietro e i bivacchi di emergenza

Quest’anno ad attendere gli escursionisti sui Monti dei Giganti, le vette ceche più alte, a Nord del Paese, ci sarà un nuovissimo edificio. Si tratta dello storico rifugio Petrova bouda (Chalet di Pietro), il cui restyling è durato diversi anni. In parte servirà ad attività ricreative aziendali, ma sarà aperto anche al pubblico, soprattutto per quanto riguarda gli alloggi. Tra gli stessi crinali esordiscono anche singolari e accoglienti bivacchi, dove rifugiarsi in caso di emergenza. Progettati e allestiti dagli studenti di architettura del Politecnico di Praga, i 6 monolocali di design sono dislocati lungo le principali traiettorie escursionistiche.

Trasferirsi in periodo post covid? E’ pensabile.

Read More

Il COVID-19 ha influenzato il mercato immobiliare, nulla da dire. Anche se non si è visto uno svuotamento completo anche il Sole24ore ha detto che anziché stare nelle quattro mura nella grigia periferia ma a due salti dalla metro non vediamo l’ora di avere più spazio, almeno un balcone, più aria, o una vita più a misura d’uomo specie per i nostri figli o giustamente per farci calare lo stress.

E ora che dopo un anno di covid i prezzi sul vecchio iniziano a scendere, e se si ha una famiglia magari vi sta venendo voglia di cambiare ma prima di farvi una idea: un modo molto semplice per calcolare cosa vi si puo prospettare su quota mutui questo sito inglese può aiutarvi a farvi una idea sulle rate dei mutui.

L’emergenza Covd-19 ha creato nel 2020 un rallentamento delle operazioni e un calo delle transazioni, tali che l’annata chiusa ha segnato, secondo i dati citati nello studio, un calo a 510 mila compravendite (-19,5%), malgrado la leggera ripresa nel terzo trimestre, in sincrono con la riapertura delle attività, e un quarto trimestre nel complesso positivo.

I picchi di risalita e di ribasso “si prolungheranno attraverso il 2021 a causa delle nuove chiusure a livello nazionale, che porteranno ad una nuova discesa con picco a marzo-aprile 2021 – riporta la ricerca – Questa crisi mostra un classico andamento a W, piuttosto che a U”. Un andamento tipico delle crisi dovute a fattori esterni, e più somigliante alla caduta del mattone del 1993 che non alla crisi “lenta” e profonda del 2008 (durata infatti un decennio).

Quanto i denti della sega saranno aguzzi e numerosi dipenderà da due fattori: “il rimbalzo dell’economia e l’efficacia della campagna di vaccini”. E in ogni caso, dopo il calo delle quotazioni del 2% visto l’anno scorso, nel 2021 si finirà peggio, con un -3,8%, ribasso in attenuazione l’anno successivo (-1,2% è la stima) e solo nel 2023 si rivedrà un frazionale rialzo.

Anche Immobiliare.it ha pubblicato uno studio a tal proposito. Insomma, il momento sarebbe buono, ma solo in alcune zone.

Secondo i ricercatori Milano e le maggiori città italiane devono ispirarsi alle metropoli mondiali per attrarre i capitali internazionali in corso di smistamento: ma anche in questo caso si devono interpretare al meglio “i cambiamenti della percezione dei luoghi e delle esigenze abitative e di lavoro”. Secondo l’analisi, “i grandi capitali immobiliari punteranno sulla riqualifica di ampi spazi, per ottenere abitazioni e uffici moderni ed ecologici che possano soddisfare le nuove tendenze”. Un esempio riguarda la trasformazione di grattacieli e grandi edifici milanesi “da uso ufficio a misto (residenziale-ufficio-ricettivo)”. Una sfida nella sfida per le città italiane, che sono l’avanguardia del settore.

Lelo lancia Enigma: il miglior amico di ogni donna

Read More

La sessualità resta un mistero ancora capace di affascinarci. Un mondo di piacere tanto
vasto e ricco di infinte possibilità, dove tutto è possibile poiché è lì che l’essere umano sperimenta se stesso e la sua attitudine a relazionarsi con il proprio corpo e con l’altro, indipendentemente dalle identità e dall’orientamento sessuale. Lo sa bene LELO che con ENIGMA™ propone un nuovo viaggio alla scoperta di un piacere sconosciuto, capace di regalare orgasmi incredibilmente intensi, grazie ad una tecnologia ad onde sonore che risuonano in profondità, stimolando al tempo stesso il clitoride, per un piacere quasi mistico, che non finisce mai!

Alla scoperta di piaceri sconosciuti
LELO riscrive così la narrativa del piacere, mettendo in discussione la rigidità di una certa cultura secondo cui il sesso è materia peccaminosa, sbagliata, o peggio ancora fonte di vergogna. LELO racconta la sessualità in maniera innovativa, raffinata e inclusiva, in grado di portare ad un livello di consapevolezza sessuale più alto, superando gli stereotipi di genere, i tabù e ogni sfruttamento del corpo. Trasportandoci quindi verso un inedito approccio olistico e naturale alla sessualità, alla salute e al piacere. Continue reading “Lelo lancia Enigma: il miglior amico di ogni donna”

Destinazioni sostenibili: più verdi, più pulite e più autentiche

Read More

In Norvegia sempre più comunità e destinazioni si fanno carico di rendere il turismo sostenibile e di mantenere l’impronta dei visitatori il più bassa possibile. Lavorano duramente per ricevere l’etichetta come destinazione sostenibile , che è uno schema di etichettatura nazionale per le destinazioni di viaggio . È uno strumento per lo sviluppo sostenibile delle imprese e delle destinazioni per preservare e sostenere l’ambiente, la comunità locale, il patrimonio culturale e l’economia .

L’etichetta non significa che una destinazione sia sostenibile al 100% in tutte le aree, ma che si trova in un processo a lungo termine e mira a diventare sempre migliore. Le destinazioni vengono valutate ogni tre anni.

Se vuoi sostenere questo modo di turismo responsabile, questi luoghi certificati sono una buona scelta.

Vesterålen , il meraviglioso gruppo di isole confinanti con le isole Lofoten, è appena stato aggiunto all’elenco delle destinazioni certificate con il marchio di destinazione sostenibile. Congratulazioni!

17 maggio – Giornata nazionale norvegese

Read More

Nella Giornata costituzionale norvegese il paese è in fiamme. Le celebrazioni sono enormi e la festa è per tutti, soprattutto per i bambini . I norvegesi si congratulano a vicenda con ” Gratulere med dagen !” e “Heia til Norge!” Sventolando allegramente e con orgoglio le bandiere norvegesi, i bambini hanno il loro posto speciale nelle celebrazioni della Giornata Nazionale. Le sfilate a piedi, guidate da bande musicali, sono organizzate in quasi tutte le comunità del paese. Le strade sono poi ricoperte di rosso, bianco e blu.

Ai norvegesi piace iniziare la giornata con un’accogliente e meravigliosa colazione con amici e vicini. Si vestono e indossano i loro colorati costumi tradizionali, chiamati “bunad” , che vengono indossati solo in occasioni speciali come matrimoni e cresime.

Altri “ingredienti” importanti per il 17 maggio sono il gelato , il gelato e il gelato… e gli hot dog ! Questi due vengono consumati in grandi quantità, il che fa pensare che queste “specialità” siano il vero motivo per festeggiare. 😉 In questo anno di pandemia, la grande festa può ovviamente non essere la stessa, ma una colazione speciale, un gelato e degli hot dog faranno sicuramente sentire meglio la perdita della grande festa.

Vuoi saperne di più sulla Giornata costituzionale norvegese ?

Rivelare il segreto probabilmente meglio custodito della Norvegia

Read More

Potresti non saperlo, ma la Norvegia meridionale non può più nasconderlo. Ogni anno Sørlandet, come questa regione viene chiamata in norvegese, è la destinazione estiva più popolare tra i norvegesi . Arrivano dalle montagne, dalle città, dalla regione dei fiordi e da lassù per assaporare e respirare la sensazione di “rivieria” qui.

Tipiche sono le spiagge sabbiose ei piccoli villaggi bianchi che seguono la costa – come perle su un filo. Da Risør a Flekkefjord troverai ristoranti sul molo con viste rilassanti di barche sull’acqua e bei negozietti per passeggiare.

Il faro di Lindesnes è un altro luogo magico, dove ti trovi all’estremità meridionale della Norvegia e dove potresti persino passare una notte. Sicuramente non dimenticherai mai la ninna nanna degli elementi. Lindesnes è anche certificata come destinazione sostenibile.

Rotterdam, Eurovision Song Contest dal 18 al 22 maggio

Read More

Rotterdam si prepara a ospitare la 65esima edizione dell’Eurovision Song Contest 2021, l’evento canoro più popolare in Europa, che si terrà la terza settimana di maggio presso l’Ahoy Arena di Rotterdam e vedrà coinvolti 39 Paesi. La prima semifinale è prevista per la serata del 18 maggio, la seconda il 20 e il gran finale sarà trasmesso sabato 22 maggio.

L’edizione 2021 sarà ricordata anche perché è una delle prime manifestazioni in tutto il mondo che può ospitare il pubblico, all’interno dell’Arena potranno infatti trovare posto 3500 spettatori per ciascuno show.

L’organizzazione dell’evento spetta al Paese del cantante che vince l’edizione precedente: quest’anno tocca ai Paesi Bassi, visto che nel 2019 l’olandese Duncan Laurence si aggiudicò la prima piazza, davanti all’italiano Mahmood. Nel 2020 l’Eurovision Song Contest non si è tenuto. Sarà appunto Duncan Laurence a dare inizio alla prima semifinale, il 18 maggio, con il brano “Feel Something”, pubblicata nel 2020 e scritta con il famoso dj olandese Armin van Buuren. Duncan tornerà sul palco anche per la serata finale, che si terrà sabato 22.

Durante il festival, Rotterdam ha invitato diversi artisti locali a presentare la città al mondo. Una città di persone, innovazione e spazio. Ognuno di loro interpreterà e vestirà la città, dal suo punto di vista artistico e dalla sua disciplina.

Ecco alcune iniziative e progetti che daranno visibilità internazionale a Rotterdam e coinvolgeranno fan di tutto il mondo.

Villaggio Eurovision

Le porte virtuali dell’Eurovision Village Online sono aperte ai visitatori di tutto il mondo dal 15 al 23 maggio. Questa piattaforma online è la prima versione virtuale al mondo dell’Eurovision Village in cui fan e spettatori si possono immergere nel mondo 3D dell’evento e seguire i concerti. https://www.eurovisionvillage.com/

 Semaforo ABBA

Appositamente per l’Eurovision Song Contest, la città ha installato dei semafori che trasformano l’attraversamento di un incrocio in un momento di festa. Appena scatta il verde, gli omini del semaforo iniziano a ballare e cantare la canzone degli ABBA “Waterloo”, grazie alla quale vinsero l’Eurovision Song Contest nel 1974.

 Jeangu Macrooy immortalato in un murale dall’artista visivo Tymon de Laat

 All’artista olandese di origine surinamese Jeangu Macrooy è stato dedicato nei pressi dell’Ahoy un enorme murale “Birth of a new age“ dal titolo della canzone che Jeangu Macrooy eseguirà per conto dei Paesi Bassi il 22 maggio all’ Ahoy.

Lo sguardo speranzoso di Jeangu è focalizzato sull’orizzonte e sul futuro, con “la luce del nuovo giorno che brilla sul suo viso”, secondo De Laat. Lo sfondo è caratterizzato da molte forme vegetali, che rappresentano la diversità della società e che sono libere di crescere in qualsiasi direzione desiderino.

Il murale fa parte di un più ampio progetto di street art chiamato #UpStreet in cui diversi artisti europei lavorano insieme per creare un’opera d’arte collettiva su sei grandi container marittimi.

Artisti rivestono la città / Sing Along City

Il duo di artisti olandesi VollaersZwart ha rivestito edifici iconici e spazi pubblici della città con testi delle canzoni e i colori delle bandiere dei Paesi partecipanti all’Eurovision Per realizzare la tela sono state utilizzate vecchie bandiere nazionali e altri materiali riciclati. Il grande striscione, che parte dalla Stazione Centrale e termina ad Ahoy, è lungo 6 chilometri!

Taste of Rotterdam

Basato su storie ispirate dagli abitanti di Rotterdam, come la cantante Shirma Rouse, Tymon de Laat e Sabine Biesheuvel, Taste of Rotterdam offre una prospettiva della cucina locale e dei piatti del grande chef Terry Priem. Insieme a lui è stato creato un libro di cucina che contiene 39 piatti locali dei Paesi che partecipano all’Eurovision Song Contest

Il ricavato dalla vendita del libro sarà devoluto al ristorante Fröbel gestito da persone con disabilità. Un luogo dove hanno l’opportunità di fare davvero la differenza nella nostra società e – attraverso la formazione – possono non solo svilupparsi, ma anche fare ciò che amano con molta passione.

 Riciclo di materiali / Open Up To The Future

La Rotterdam del futuro, non può che essere senza rifiuti solidi urbani. Una ragione in più per includere il riciclo come presupposto importante nel bando di gara per i nuovi arredi della città. Uno dei risultati più sorprendenti riguarda tutte le tele usate in città durante il Festival, fatte di vecchie bandiere nazionali o di materiali riciclati. Le bandiere e gli striscioni saranno riciclati in nuovi prodotti di plastica dopo l’evento.

Inoltre stilisti olandesi hanno lavorato per trasformare le vecchie bandiere dei Paesi in articoli di moda, che verranno presentati in una sfilata al museo Boijmans Van Beuningen e successivamente esposti nel nuovo museo Depot Boijmans.

Campagna internazionale #SWINGALONG ’

Per celebrare l’Eurovision Song Contest 2021, Rotterdam Partners, in collaborazione con il Comune, presenta ‘Rotterdam. #SWINGALONG ’: campagna internazionale basata su una coreografia accattivante sulla quale poter ballare, grazie a un originale videoclip promozionale. I fan del Song Contest di tutto il mondo potranno ballare grazie a una proiezione immersiva che li porterà magicamente e a grandezza naturale sul World Port Building di Rotterdam. La campagna ha preso il via il 13 aprile ed è condivisa su Instagram, YouTube, Facebook e TikTok.

https://www.openuptorotterdam.eu/en/news

La marcia dei norvegesi – Calde vibrazioni estive nella Norvegia meridionale

Read More

Il segreto è svelato.

Per decenni i norvegesi si sono riversati nella destinazione estiva per eccellenza del paese: Sørlandet, o Norvegia meridionale . Sørlandet viene spesso definita la riviera norvegese, principalmente a causa del clima caldo e soleggiato, delle belle spiagge e delle città e dei villaggi affascinanti. Sørlandet è la parte più meridionale della Norvegia e si estende dalle zone costiere con le sue numerose isole rocciose e skerries, attraverso una cintura interna con foreste, laghi e fiumi, molti dei quali eccellenti fiumi di salmone, fino alle montagne della valle di Setesdal, la più meridionale delle l’altopiano di Hardangervidda, famoso per l’escursionismo e lo sci.

Ecco un elenco di cose da vedere e da fare nella Norvegia meridionale.

Semplicemente non fare nulla
La Norvegia meridionale significa semplicemente godersi il momento. Puoi passeggiare per strade strette tra case bianche di legno. Vai a osservare la gente in una delle tante incantevoli città costiere come Risør, Grimstad, Mandal o Lillesand. Goditi il ​​sole e rilassati in una delle bellissime spiagge o piazze cittadine.
Le città della Norvegia meridionale – come perle su un filo

Esplora in barca o vai in barca a vela
L’intera costa della Norvegia meridionale è piena di scogliere, isole e baie appartate e puoi navigare per giorni. Da Risør a est al Flekkefjord a ovest puoi trovare porti per gli ospiti con tutti i comfort in più di 10 città e villaggi. Oppure puoi anche cercare il tuo rifugio privato.
Esplora l’arcipelago nel sud della Norvegia

Trova la tua avventura personale
La regione offre tutti i tipi di attività per i visitatori più avventurosi. Nell’entroterra di Evje, a solo un’ora da Kristiansand, puoi fare rafting, surf sul fiume, andare in bicicletta, arrampicata su roccia, kayak e canoa e andare in bicicletta con le attività di Troll Aktiv , e la maggior parte delle attività sono adatte ai bambini. Hanno anche il loro parco avventura. Lungo tutta la costa è possibile praticare SUP, surf, immersioni, nuoto, pesca e mountain bike.
Le migliori attività nella Norvegia meridionale

Festeggiamenti in abbondanza
Come il resto della Norvegia, Sørlandet offre i propri festival unici nella regione. Poiché la regione è così collegata all’acqua e all’oceano, ogni estate troverai feste locali che hanno radici nella nautica e, naturalmente, nei frutti di mare. Ci sono diversi festival delle barche in legno, il più noto è il Risør Wooden Boat Festival e festival gastronomici come il Festival dei crostacei a Mandal, il Festival delle alghe a Kristiansand. Inoltre ci sono anche grandi festival musicali come il Risør International Chamber Music Festival, Canal Street a Mandal, Palmesus e Måkeskrik a Kristiansand. Lillesand ha anche il suo festival SUP & Stup (Diving).
Festival nella Norvegia meridionale

Delizie culinarie
Assaggia il cibo locale, la frutta, i frutti di mare, i frutti di bosco e le verdure. Molti ristoranti e caffè servono cibo e bevande di produzione locale, e perché non provare la birra prodotta localmente da Nøgne Ø o Lindesnes Brygghus. Visita il pescivendolo locale per acquistare gamberi freschi e altre prelibatezze del mare e mangiali da un sacchetto di carta, alla maniera norvegese. Ma Sørlandet non è solo pesce, cerca il cartello “SpisSørlandet” (EatSørlandet), dove puoi acquistare salsicce locali, prosciutto, marmellata e “lefse”. E non dimenticare che a Lindesnes trovi il primo e unico ristorante subacqueo d’Europa “Under”.
Assapora la Norvegia meridionale

Cultura e storia
Ogni città e villaggio nel sud della Norvegia offre una moltitudine di musei, gallerie d’arte, luoghi di concerti, siti storici e persino siti vichinghi. E per gli appassionati di storia ci sono vecchie linee ferroviarie ancora in funzione e diversi centri storici della seconda guerra mondiale. Solo per citarne alcuni; Il Museo Ibsen a Grimstad, il Museo del cannone di Kristiansand, il centro vichingo di Tingvatn, la collezione d’arte Bomuldsfabrikken ad Arendal, il Museo Kristiansand (museo all’aperto) e nel 2022 un nuovo museo d’arte nordica, Kunstsilo, apriranno a Kristiansand.
Le principali attrazioni della Norvegia meridionale

Divertimento in famiglia
Bambini felici equivalgono a genitori felici e la Norvegia meridionale offre una vasta gamma di attività e attrazioni per famiglie.
Una delle attrazioni per famiglie più famose della Norvegia è lo zoo e il parco divertimenti di Kristiansand , un complesso che offre animali amichevoli, giostre divertenti, un grande mondo acquatico e pernottamenti nell’Abra Harbour Pirate Village o nello Zoo Safari Camp.
Le famiglie possono trovare diversi centri di arrampicata come il parco avventura a Evje e il centro di arrampicata Sørlandet a Kristiansand e il rafting sia a Evje che a Mandal. Elgtun a Landskogen offre incontri ravvicinati con le alci e la ferrovia di Flekkefjord tenta con la bicicletta su rotaia.
Norvegia meridionale per bambini: attività per famiglie

Alloggi unici
Lungo tutta la costa troverai cabine in affitto e, oltre a tutti i tipi di hotel, la Norvegia meridionale offre ai visitatori anche esperienze incredibili e divertenti per chi cerca quel qualcosa in più. Una nuova tendenza in Norvegia è quella di cercare riparo sugli alberi, ea Sørlandet puoi trovare diverse case e capanne sugli alberi, come il Trehyttene a Gjerstad . Inoltre puoi trovare diversi campi glamping, yurte, fari storici e hotel affascinanti con atmosfera e storia, come Boen Manor fuori Kristiansand.
Un pernottamento unico nel sud della Norvegia

Visit Norway è l’ente ufficiale del turismo della Norvegia.

La Norvegia è il posto giusto per vivere la magica aurora boreale e il sole di mezzanotte sopra il Circolo Polare Artico o fiordi famosi in tutto il mondo circondati da montagne e ghiacciai spettacolari. In mezzo a uno scenario mozzafiato, i viaggiatori possono gustare il cibo e la cultura locale in città vivaci come Oslo, Bergen, Trondheim, Stavanger e Tromsø.

Per i migliori consigli sulla Norvegia, fare clic su www.visitnorway.com .

40 consigli di viaggio in svedese dalla guida all’esperienza appena lanciata di Visit Sweden

Read More

L’interesse per la scoperta della Svezia è grande e sta crescendo. Quasi il 40% degli svedesi sta attualmente programmando un viaggio in Svezia quest’estate, mostra una nuova misurazione della temperatura effettuata da Visit Sweden.

Per soddisfare la domanda di ispirazione per il prossimo viaggio di vacanza, sono ora disponibili oltre 600 suggerimenti per destinazioni e attività nella guida all’esperienza appena lanciata dall’azienda su www.visitsweden.se .

Con l’aiuto della guida dell’esperienza svedese , svedesi possono spostarsi rapidamente da ispirazione per suggerimenti concreti e di prenotazione.

– Siamo sopraffatti dalla risposta positiva che ha portato più di 12.000 persone a visitare il sito www.visitsweden.se in poco più di una settimana, afferma Angelica Månsson-Gerde, responsabile dell’iniziativa Svemester e Head of New Business di Visit Sweden.

La guida all’esperienza è stata sviluppata in collaborazione con organizzazioni turistiche regionali, destinazioni e società di ospitalità per mostrare l’enorme ampiezza che la Svezia offre. Il focus è stato quello di evidenziare esperienze forse non le più famose, diffuse su tutto il territorio nazionale e visitabili anche al di fuori dell’alta stagione.

Ecco come funziona la guida all’esperienza: rispondendo a tre semplici domande se desideri ardentemente la città o la campagna, se senti un battito cardiaco o un rilassamento e se viaggi con o senza bambini, vengono generati 5 consigli su cosa puoi vivere in la tua vicinanza a dove ti trovi (puoi cambiare entro la distanza che desideri suggerimenti). Quindi puoi cliccare su per saperne di più e direttamente in azienda se vuoi fare una prenotazione o avere maggiori informazioni.

Di seguito sono riportati 40 degli oltre 600 suggerimenti nella guida all’esperienza. Una selezione di immagini per i suggerimenti può essere trovata nell’archivio delle immagini e sono contrassegnate come guida all’esperienza della Svezia.

Rimanere

Mangiare

Fare