L’Aia La città reale affacciata sul mare

Read More

 

Casa del famoso quadro di Vermeer “La Ragazza con l’Orecchino di Perla”, L’Aia è incredibilmente ricca di cultura e storia: da una fusione tra antichi maestri e modernità, dai negozi ai sontuosi palazzi, dalla cucina internazionale ai prodotti tipici, la città ha moltissimo da offrire. Tratto inconfondibile è il suo skyline, che combina la modernità dei nuovi edifici con i bellissimi palazzi storici del centro città. Durante il Secolo d’Oro, L’Aia fu una città importante anche per la pittura: molti maestri olandesi, come Jan van Goyen, Paulus Potter e Jan Steen abitarono e lavorarono qui. Constantijn Huygens, architetto, diplomatico e compositore, nonché uno dei più grandi poeti del periodo, fu un altro illustre cittadino. Il Museo Mauritshuis, situato nel cuore della città in prossimità degli edifici del Parlamento, ospita alcuni dei dipinti più importanti del Secolo d’Oro; Capolavori quale “Lezione di anatomia del dottor Tulp” di Rembrandt e “Veduta di Delft” di Vermeer, sono annoverati tra i pezzi della collezione permanente del museo, all’intero delle sue sontuose sale del diciassettesimo secolo.

Museo Mauritshuis

Rembrandt at the Mauritshuis, dal 31 gennaio al 15 settembre 2019

Johan Maurits: immagine e percezione, dal 4 aprile al 7 luglio del 2019

Nicolaes Maes, dal 17 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020

Il museo Mauritshuis a L’Aia possiede una delle più importanti collezioni di dipinti di Rembrandt in Olanda, seconda solo a quella del Rijksmuseum di Amsterdam. Nell’anno tematico dedicato al famoso pittore e al Secolo d’oro, dal prossimo 31 gennaio fino al 15 settembre, il museo espone i 18 dipinti acquisiti come autentici Rembrandt all’interno della mostra “Rembrandt at the Mauritshuis”. Tra questi spiccano capolavori assoluti quali “Lezione di anatomia del dottor Tulp”, “Saul e Davide” e l’ultimo Autoritratto realizzato nel 1669.

Per la prima volta da quando è stata inaugurato, il museo Mauritshuis espone l’intera collezione dei dipinti di Rembrandt e per ogni opera viene narrata la storia straordinaria della sua acquisizione da parte del museo. Da chi è stata scoperta, comprata ed esaminata la tela?

Qual è la differenza tra un Rembrandt autentico e un’imitazione? La collezione del museo Mauritshuis vanta undici dipinti incontestabilmente attribuibili alla mano del grande maestro. Dopo uno studio approfondito, rimangono ancora dubbi sul fatto che l’autore di altri due dipinti sia effettivamente Rembrandt piuttosto che un suo allievo. Visitando la mostra “Rembrandt at the Mauritshuis” si ha l’opportunità di scoprire cosa rende un Rembrandt un vero Rembrandt e comprendere come la percezione delle opere dell’autore sia cambiata enormemente con il passare del tempo.

Il museo Mauritshuis presenterà, dal 4 aprile al 7 luglio del 2019, una mostra incentrata sull’immagine e sulla vita di Johan Maurits di Nassau-Siegen (1604-1679), da cui il museo prende nome. La mostra, intitolata “Johan Maurits: immagine e percezione”, getterà luce su vari aspetti di questo personaggio storico, dalla sua reputazione come governatore del Brasile olandese nel sedicesimo secolo fino a riletture contemporanee del suo operato, invitando anche i visitatori a pensare e condividere una loro interpretazione sul tema.

Dal 17 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020 verrà invece proposta una retrospettiva sul pittore Nicolaes Maes, uno degli allievi più prominenti di Rembrandt. Questa è la prima retrospettiva su questo artista originario di Dordrecht. Maes iniziò la sua carriera di pittore dipingendo rappresentazioni dalla Bibbia, in cui l’influenza del maestro Rembrandt è chiaramente visibile. Negli anni seguenti dipinse scene più intime di vita quotidiana aventi molto spesso come protagoniste figure femminili impegnate nei lavori domestici. Dal 1660 Maes sviluppò poi uno stile ritrattistico elegante che divenne subito molto richiesto tra i suoi clienti, sia a Dordrecht che ad Amsterdam. Esponendo più di trenta dipinti, la mostra al Mauritshuis dona un’ampia prospettiva su tutti gli aspetti dell’opera di Maes.

www.mauritshuis.nl

 

Haags Historisch Museum

Golden Age in The Hague, dal 28 aprile all’8 settembre 2019

“Golden Age a L’Aia”, dal 28 aprile all’8 settembre 2019 Durante il Secolo d’oro l’Aia non rappresentava solo il centro del potere e della politica dei Paesi Bassi. Gli Orange, i reggenti dal grande potere, vivevano in questa città. Intorno al il Binnenhof, il più antico centro governativo del mondo, sorgevano sontuosi palazzi per diplomatici e ricchi cittadini. La mostra si concentra sulla società de l’Aia di quei tempi, soffermandosi sulle differenze tra la nostra immagine e la realtà. Era tutto davvero così “d’oro” come sembra?

www.haagshistorischmuseum.nl

 

Delft La città di Vermeer e della porcellana

Read More

 

Passeggiando a fianco degli antichi canali del centro storico di Delft sembra di essere trasportati nel Secolo d’Oro. In quel periodo la città fu centro di ritrovo per moltissimi artisti e studiosi: da Vermeer a Pieter de Hooch, dallo scienziato Anthony van Leeuwenhoek al giurista Hugo de Groot. Le sue famose ceramiche hanno contribuito a renderla un centro di commercio prosperoso, facendo del prodotto un marchio famoso in tutto il mondo anche oggi.

Museum Prinsenhof

Esattamente 450 anni fa iniziò la Guerra d’Indipendenza dei Paesi Bassi dagli Spagnoli (1568-1648), nota anche come “la Guerra degli ottant’anni” che portò al formale riconoscimento dell’indipendenza dei Paesi Bassi. Guglielmo d’Orange, noto anche come Guglielmo il Taciturno, nonché il “padre della patria”, si rifugiò dietro le mura della sicura Delft, precisamente nel Prinsenhof, oggi diventato il Museo Prinsenhof, dove visse e lavorò e dove diresse l’insurrezione contro gli spagnoli. Il 10 luglio 1584 il Museo fu teatro di uno degli eventi più importanti e tragici della storia dei Paesi Bassi. Fu proprio nell’attuale Museo Prinsenhof di Delft che venne ucciso Guglielmo d’Orange da Baldassarre Gerard. Lo testimoniano i fori di proiettile ancora visibili in uno dei muri del museo.

Visitando la mostra “Guglielmo d’Orange è qui”, al Museo Prinsenhof fino al 3 marzo 2019, si fa un passo indietro nel tempo seguendo le orme di questo personaggio fondamentale per i Paesi Bassi. Si vedono le stanze nelle quali ha vissuto, lavorato e preso decisioni importanti. Si comprende il ruolo fondamentale che ha giocato nella rivolta contro i governanti spagnoli durante i suoi anni a Delft e qual è stata la sua influenza per l’Olanda odierna.  Nella mostra ci si trova inoltre di fronte a una serie di tesi e ideali di Guglielmo d’Orange, la cui storia oltre ad essere molto attuale, dà anche molti spunti di riflessione.

Per la mostra, il Museo Prinsenhof ha preso in prestito svariati ritratti da diverse collezioni. Uno dei pezzi più importanti è il ritratto di Luisa Giuliana, una delle figlie di Guglielmo d’Orange e madre del Re d’inverno, Federico V del Palatinato. Per la prima volta dopo molto tempo, Luisa Giuliana si ricongiunge con sua madre e terza moglie di Guglielmo d’Orange, Carlotta di Borbone. E tutto questo avviene nel posto in cui Luisa era nata e dove entrambe avevano vissuto. I dipinti fanno parte di una serie di ritratti di famiglia creati da Daniël van den Queborn, successivamente finiti in diverse collezioni.

Il prossimo anno, dal 19 ottobre 2019 fino al 16 febbraio 2020, nel Museo Prinsenhof Delft sarà possibile visitare anche la prima retrospettiva, organizzata nei Paesi Bassi, del famoso pittore del XVII secolo Pieter de Hooch (1629 – 1684).

Il titolo della mostra è “Pieter de Hooch a Delft. Oltre l’ombra di Vermeer”. Con questa prima retrospettiva nella sua città, Pieter de Hooch riceve finalmente l’attenzione che merita, data la sua rilevanza come pittore. Dopo Johannes Vermeer, Pieter de Hooch è considerato a livello internazionale il pittore più famoso nella Delft del XVII secolo. Al centro della mostra, prevista per il 2019-2020, ci saranno i quadri che Pieter de Hooch ha realizzato a Delft (ca. 1652-1660): le opere con i cortili e gli interni più belli ritornano nella città in cui sono stati dipinti quasi 400 anni fa.

Capolavori provenienti da collezioni internazionali, mai visti finora nei Paesi Bassi Sono circa 30 i capolavori di Pieter de Hooch che arriveranno a Delft dai principali musei europei e americani. Tra questi ci sono molti dipinti famosi che non sono mai stati esposti (oppure lo sono stati molto tempo fa) nei Paesi Bassi, come “Donna e serva in un cortile” del Museo di Stato dell’Hermitage (San Pietroburgo) e “Cortile di una casa a Delft” della National Gallery (Londra). Si aggiungono inoltre opere in prestito da musei come il Museo Thyssen-Bornemisza (Madrid), la Kunsthaus di Zurigo e la National Gallery of Art (Washington). Tra queste è da segnalare il capolavoro straordinario “Giocatori di carte in un interno” dalla Royal Collection britannica. La mostra include inoltre opere in prestito dalla Mauritshuis, dal Museo Boijmans Van Beuningen, dal Museo di Amsterdam e naturalmente dal Rijksmuseum, che vanta una delle più ampie collezioni di De Hooch al mondo.

“Nel 2019 offriremo a Pieter de Hooch il podio che merita esponendo a Delft i suoi quadri più belli. Le 30 opere esposte offriranno ai visitatori un’opportunità unica per studiare nel dettaglio lo stile e il linguaggio visivo di Pieter de Hooch. È la prima volta che un simile numero di capolavori di De Hooch ritorna nella “sua” Delft, dove quasi 400 anni fa ha raffigurato i cortili e gli interni più belli della città. Diventa così possibile vivere l’atmosfera del XVII secolo tipica di Delft, con edifici e chiese straordinari”.

Janelle Moerman, direttrice del Museo Prinsenhof Delft

Dal 2017, in preparazione alla mostra, sono state realizzate diverse ricerche combinate: ricerche di tipo storico-artistico, sulle tecniche e sui materiali e sugli aspetti topografici dell’opera di Pieter de Hooch, una ricerca in archivio e infine una ricerca storica sulla rivalutazione del pittore. Per queste ricerche il Museo Prinsenhof Delft collabora con il Rijksmuseum, con l’Università TU di Delft, con un archivista e storico dell’arte e uno storico dell’architettura. Nella mostra saranno presentati i risultati delle diverse ricerche, con una descrizione dettagliata nel catalogo dell’esposizione.

La ricerca in ambito tecnico e sui materiali condotta da restauratori e ricercatori del Rijksmuseum si concentra su sei dipinti di Pieter de Hooch provenienti dalla collezione del museo, opere che risalgono al periodo compreso tra il 1650 e il 1670 circa. Per ampliare il gruppo di quadri oggetto della ricerca, sono in fase di studio anche i dipinti del Museo Boijmans Van Beuningen, della Gemäldegalerie der Academie der Bildenden Künste (Vienna), della Staatliche Kunsthalle di Karlsruhe e di una collezione privata. La ricerca promette di fornire nuovi spunti in ambito storico-artistico, in ambito tecnico e sui materiali dell’opera del pittore di Delft.

http://prinsenhof-delft.nl/en-english

Amsterdam La capitale del Secolo d’Oro

Read More

 

Amsterdam non è solo la capitale dei Paesi Bassi, ma anche quella del Secolo d’oro nel 1600.

Edifici che si affacciano sui canali, musei pieni di tesori inestimabili, questa è l’essenza della città. Il Diciassettesimo secolo vide Amsterdam emergere come uno dei centri economici e commerciali più prosperosi del mondo. Con il fiorente commercio arrivò anche un maggiore benessere, e di conseguenza fiorirono le arti e le scienze. Amsterdam diventò in breve tempo un vibrante centro di cultura che ancora oggi non ha perso questo fascino. Molti dei risultati di questa fiorente rivoluzione artistica sono proprio i dipinti dei maestri olandesi: la bellezza e la profondità dei ritratti di scene di vita e di persone ammirati ancora oggi.

Rijksmuseum, Amsterdam

Tutti i Rembrandt”, dal 15 febbraio al 10 giugno 2019

“Rembrandt-Velázquezdall’11 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020

350 anni dopo la sua morte il Rijksmuseum di Amsterdam celebra Rembrandt con grandi mostre; Si potrà visitare la più grande collezione di dipinti del pittore in una sola mostra e scoprire perché Rembrandt è ancora oggi uno dei più grandi artisti al mondo durante l’anno tematico Rembrandt e il Secolo d’oro.

Durante la prima metà dell’anno il Rijksmuseum inizia in grande stile con la mostra “Tutti i Rembrandt”, dal 15 febbraio al 10 giugno 2019. Per la prima volta in assoluto il museo mostra contemporaneamente e in una sola mostra tutte le opere di Rembrandt presenti nella sua collezione. Ben 22 dipinti, 60 disegni e 300 stampe da ammirare. Il Rijksmuseum ha la più grande e importante collezione di Rembrandt al mondo. Per questo motivo la mostra “Tutti i Rembrandt” è un’occasione unica per ammirare al contempo i suoi autoritratti intimi, le grandiose scene e straordinari schizzi e per scoprire perché ancora oggi Rembrandt è uno dei maggiori artisti al mondo.

Nell’autunno 2019, dall’11 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020 si avrà la possibilità di ammirare le grandi opere dei maestri olandesi e spagnoli del Secolo d’oro durante la mostra “Rembrandt-Velázquez”. Grazie ad una collaborazione unica con il Museo del Prado di Madrid, si potranno vedere per la prima volta dipinti di maestri spagnoli come Velázquez, Murillo e Ribera al fianco dei maestri olandesi Rembrandt, Vermeer e Hals e comprendere le differenze di pensiero tra Spagna e Olanda in ambito di religione, bellezza ed emozioni. Un vero must per gli amanti dell’arte del Secolo d’oro!

www.rijksmuseum.nl

 

Casa Museo di Rembrandt, Amsterdam

“Rembrandt in Paris” fino al 6 gennaio 2019

Ispirati da Rembrandt7 giugno al 1° settembre 2019

“LABoratory Rembrandt” 21 settembre 2019 a febbraio del 2020

Tra le mostre che la Casa Museo Rembrandt propone in occasione dell’anno tematico, ci sarà l’esposizione “Rembrandt in Paris” in corso fino al 6 gennaio 2019, che illustra l’influenza che il maestro olandese ebbe sui pittori francesi dell’avant-garde e dell’Impressionismo.

La rete sociale di Rembrandt, 1 febbraio – 19 maggio 2019

Altra iniziativa del 2019 dedicata a Rembrandt e al Secolo d’oro è la mostra incentrata sulla rete sociale del pittore. In questa esposizione, l’attenzione è rivolta ai contatti dell’artista e al ruolo che svolgevano nell’ambito della sua vita e del suo lavoro. Oltre allo spiccato talento artistico, infatti, Rembrandt possedeva la capacità di mantenere solide relazioni sociali.

Come si addice a chi sa gestire sapientemente numerose conoscenze interpersonali, Rembrandt sfruttò in modo consapevole le sue relazioni sociali allo scopo di trarne vantaggi a livello sia finanziario che artistico.

Grazie alla mostra sarà possibile addentrarsi nella vita sociale di Rembrandt attraverso alcuni ritratti dei suoi conoscenti, come ad esempio l’amico di gioventù Jan Lievens e l’intenditore d’arte Jan Six. Un aspetto sorprendente è lo stile informale dei dipinti, dei disegni e delle stampe, tra cui vi sono opere di Rembrandt raramente o mai esposte prima d’ora in Olanda.   

Dal 7 giugno al 1° settembre 2019 la mostra “Ispirati da Rembrandt” metterà in mostra alcuni dei pezzi più importanti della collezione del museo, tra cui dipinti del maestro olandese e di altri pittori da lui influenzati, come Degas e Picasso.

“LABoratory Rembrandt” si terrà invece dal 21 settembre 2019 a febbraio del 2020 e trasformerà l’atelier dell’artista in un workshop, dove nuovi spunti e studi verranno rivelati riguardo alle sue opere.

https://www.rembrandthuis.nl/en/

 

Archivi Civici Amsterdam

Rembrandt Privé, dal 7 dicembre 2018 – 7 aprile 2019

Chi era l’uomo dietro l’artista? Visitando la mostra Rembrandt Privé, allestita presso l’Archivio Civico di Amsterdam, si possono scoprire aspetti della vita personale del grande maestro della pittura fino ad oggi ancora sconosciuti. Nell’ambito di questa straordinaria esposizione vengono presentati documenti originali del diciassettesimo secolo grazie all’impiego di tecnologie all’avanguardia.

Storie personali di Rembrandt

Rembrandt ha vissuto gran parte della sua vita ad Amsterdam e, oltre a meravigliose opere d’arte, ha lasciato molte tracce negli archivi. Numerosi documenti originali del diciassettesimo secolo sono conservati presso l’Archivio Civico di Amsterdam. Notizie riguardanti il lavoro e i committenti dell’artista, i suoi figli, le donne della sua vita, fino ai problemi economici sono reperibili negli archivi. Si tratta di un vero e proprio tesoro di informazioni che, grazie alle tecnologie moderne, puó finalmente essere condiviso con il pubblico.

Documenti straordinari portati alla luce

I documenti risalenti all’epoca di Rembrandt sono spesso difficili da leggere e da interpretare. Tuttavia, grazie alla tecnologia della realtà aumentata, tali documenti vengono fatti rivivere con l’ausilio di immagini, suoni e opere d’arte provenienti, tra l’altro, dal Rijksmuseum e dalla Casa Museo di Rembrandt. Viene data voce alle persone che raccontano le storie custodite nei documenti. In questo modo la mostra Rembrandt Privé presenta un quadro molto intimo della vita di Rembrandt e illustra fatti tratti dagli archivi, fino ad ora sconosciuti.

www.amsterdam.nl/

 

Museo Nazionale Marittimo

Per tutto il 2019 al Museo Marittimo di Amsterdam si terrà la mostra ‘Dare to Discover’, un’esperienza di realtà virtuale che trasporta i visitatori nella Amsterdam navale del Diciassettesimo secolo, quando i Paesi Bassi erano un’indiscussa potenza mondiale dei mari.

www.hetscheepvaartmuseum.com

Leeuwarden La capitale della Frisia e l’amore nel Secolo d’Oro

Read More

Friesmuseum

Quali erano le usanze in fatto di corteggiamento e matrimonio durante il Secolo d’oro? La mostra “Rembrandt e Saskia: amore e matrimonio nel Secolo d’oro“, allestita presso il Fries Museum di Leeuwarden, dal 24 novembre 2018 fino al 7 marzo 2019, è incentrata sulle usanze legate al matrimonio in uso nel diciassettesimo secolo, dal corteggiamento fino al periodo successivo allo sposalizio. Il filo conduttore dell’esposizione è la storia d’amore tra Rembrandt e la moglie frisona Saskia.

Rembrandt convolò a nozze nel 1634 con Saskia van Uylenburgh, l’amore della sua vita, nella parrocchia di Sant’Anna in Frisia. Probabilmente si trattò di uno sposalizio molto sfarzoso. Gli straordinari oggetti esposti lasciano intuire come si svolgeva un matrimonio dell’alta società nel Secolo d’oro. Ritratti e oggetti personali, quali guanti da sposa, fedi nuziali e un letto del diciassettesimo secolo, raccontano una storia tangibile e personale. La mostra dedica inoltre particolare attenzione alla Frisa, terra natale di Saskia.

Per la mostra il Fries Museum ha appositamente commissionato il restauro di alcuni ritratti di matrimonio, per mettere nuovamente in risalto alcuni dettagli, come ad esempio le fedi nuziali. In quell’epoca, chi se lo poteva permettere, incaricava artisti di dipingere scene del matrimonio come una sorta di reportage. Nell’ambito della mostra è possibile osservare anche alcuni di questi dipinti, dai quali si evince che i matrimoni del diciassettesimo secolo non erano poi molto diversi da quelli odierni.

La vita coniugale del pittore e dell’adorata consorte viene raccontata attraverso disegni che raffigurano momenti di intimità, acqueforti e dipinti di Rembrandt dal contenuto personale. La felicità di Rembrandt e Saskia durò solo dieci anni. Saskia morì infatti di malattia poco prima del suo trentesimo compleanno. Dei quattro figli avuti dalla coppia solo Titus sopravvisse, mentre gli altri morirono poco dopo la nascita, un fatto purtroppo piuttosto normale nel diciassettesimo secolo. La mostra dedica spazio anche a questo tragico aspetto della vita dei due sposi. Lettere, epitaffi e poesie testimoniano in modo commovente il dolore arrecato da tali eventi.

www.friesmuseum.nl

Hoorn & Enkhuizen: Due perle del Secolo d’Oro

Read More

I meravigliosi porticcioli storici di Hoorn ed Enkhuizen sono delle vere e proprie perle, situati a soli quaranta minuti da Amsterdam. In passato erano entrambi porti di appoggio della Compagnia delle Indie Orientali (VOC), la più potente compagnia di commercio del diciassettesimo secolo. I 2 porti erano inoltre importanti centri di commercio internazionale che attrassero numerosi esploratori, inventori, scienziati e artisti che poi decisero di stabilirsi in queste cittadine così piene di ricchezza e fascino. Oggi questo ricco patrimonio è ancora visibile ovunque, rendendo una visita a Hoorn ed Enkhuizen una tappa fondamentale per gli amanti della cultura. Le città con i loro magnifici porti sono ricche di fascino e atmosfera, di storia, monumenti, bellissimi musei e di ottimi ristoranti.

Westfries Museum, Hoorn

Cool Waters, dal 26 ottobre 2019  al 26 gennaio 2020

I Paesi Bassi si trovano nel delta più basso del mondo. I grandi fiumi, la posizione vicino al mare e gli oltre 18,000 chilometri di dighe che mantengono il controllo del livello dell’acqua, hanno segnato da secoli il paesaggio olandese. L’acqua è sempre stata per il popolo olandese sia una fonte di ricchezza che un nemico, da cui guadagnare terreno ma anche da cui proteggersi e combattere contro la sua forza distruttrice. Nel corso dei secoli i pittori hanno dipinto l’acqua in molti modi diversi. Ecco che dal 26 ottobre 2019 al 26 gennaio 2020 si terrà presso il Westfries Museum di Hoorn la mostra “Cool waters”, una selezione di 40 dipinti provenienti dalla collezione del Rijksmuseum di Amsterdam sul tema acqua sia come amica che come nemica. Una mostra che fa capire chiaramente il rapporto tra l’acqua e il popolo olandese.

 

www.westfriesmuseum.info

 

Haarlem: Il punto d’inizio di un nuovo stile pittorico

Read More

Verso la fine del Sedicesimo secolo, moltissimi abitati delle regioni a sud dei Paesi Bassi, decisero di trasferirsi al nord, sia per ragioni economiche che per la minaccia dell’inquisizione.

Molti di loro scelsero di stabilirsi ad Haarlem e tra questi ci furono anche moltissimi artisti, come il pittore Frans Hals, che divenne uno dei più importanti maestri olandesi. Mentre la popolazione della città si triplicava, aumentò anche la richiesta per dipinti e quadri, unitamente alla crescita economica. Fu proprio ad Haarlem dove il desiderio di emergere dei pittori diede luce a un clima di grande innovazione artistica, con lo sviluppo di stili unici e l’emergere di nuovi tipi di generi e soggetti. Questo rivoluzionario cambiamento è ciò che caratterizzò la grandiosità del periodo pittorico del Secolo d’oro e viene splendidamente rappresentato dalla collezione di opere raccolte nel Frans Hals Museum, in grado di offrire ai visitatori un ampio spettro di pezzi unici risalenti al sedicesimo e diciassettesimo secolo.

Frans Hals Museum

Il rinnovato Frans Hals Museum di Haarlem riapre con una mostra di alto profilo e di eccezionale livello: “Frans Hals e i Moderni”, dal 13 ottobre 2018 fino al 10 febbraio 2019. Sono passati esattamente 150 anni da quando Frans Hals è stato riscoperto a cominciare dai pittori del 19° secolo come Manet, Liebermann, Singer Sargent e Van Gogh. Con circa 80 prestiti da musei di tutto il mondo, l’esposizione mostra l’enorme impatto che Frans Hals ebbe su questi pittori moderni. Per la prima volta, i suoi dipinti sono posti accanto ai commenti fatti ai suoi capolavori dai pittori della fine del 19° secolo, parole che rivelano quanto Frans Hals fosse considerato progressista: “Frans Hals, c’est un moderne”.

L’anniversario dei 150 anni passati da questa riscoperta, è divenuta l’occasione unica per organizzare questa mostra sul grande maestro del ritratto. La mostra “Frans Hals e i Moderni. Hals incontra Manet, Singer Sargent, Van Gogh” rivela l’impatto di Hals sui pittori della seconda metà del 19° secolo. Frans Hals fu ammirato, addirittura adorato dagli artisti dell’epoca, come Edouard Manet, Max Liebermann, John Singer Sargent, James Ensor, Mary Cassatt, Gustave Courbet, McNeill Whistler, William Merritt Chase, Henri Fantin-Latour e Vincent van Gogh. Tutti impressionati dal suo tocco leggero e dal suo stile pittorico poco dettagliato che loro definirono “impressionista”. Per la prima volta, i dipinti di Frans Hals saranno collocati accanto ad opere ed artisti che lui stesso aveva ispirato.

La riscoperta di Frans Hals

Hals era stato ignorato dai critici d’arte per la maggior parte del 18° secolo e la prima metà del 19°, in quanto il suo stile pittorico estremamente innovativo non si adattava allo stile accademico dell’epoca. Questo stile di pittura particolarmente libero era associato al suo modo di vivere “frivolo” e presentato come un cattivo esempio.

Thoré-Bürger (che portò anche alla riscoperta di Vermeer) presentò il lavoro di Frans Hals in varie pubblicazioni che ebbero un grande impatto sul pubblico, in particolare scrisse due articoli elogiativi sull’influente rivista d’arte La Gazette des Beaux-Arts. In questi articoli, Thoré-Bürger poneva in luce il virtuosismo di Hals e la sua audace pennellata come esempio per gli artisti moderni. Gli articoli costituirono il punto di partenza per un rinnovato interesse per le opere di Hals e per una rivalutazione del suo stile pittorico tra gli artisti di quel tempo. I prezzi delle sue opere aumentarono rapidamente e tutti i musei e collezionisti importanti divennero ansiosi di acquistare un Hals. Ad Haarlem, il Museo Civico aperto nel 1862 e dedicato a Frans Hals divenne un vero e proprio luogo di pellegrinaggio per gli artisti ammiratori del pittore seicentesco.

www.franshalsmuseum.nl

Leida: La città natale di Rembrandt

Read More

Rembrandt è senza dubbio il pittore più famoso del Secolo d’oro olandese e fu proprio a Leida, sua città natale, dove mosse i primi passi nella pittura e dove produsse i suoi primi capolavori. Anche altri importanti contemporanei, come Jan Lievens, Jan Steen, Jan van Goyen e Gerrit Dou, furono attivi e lavorarono in questa città, facendo di Leida un vero centro artistico del periodo. A quel tempo la città era infatti una delle più grandi in Olanda dopo Amsterdam e prosperava grazie al commercio fiorente e alla sua tolleranza verso stranieri provenienti da altri paesi, che contribuirono a stimolare l’espansione della città. Nell’orto botanico della città vennero coltivati i primi tulipani e l’Università di Leida, la più antica dei Paesi Bassi, fondata nel 1575, contribuì allo sviluppo della città. Leida vanta oltre tremila monumenti storici, grazie ai quali ancora oggi è possibile respirare l’atmosfera del passato, mentre si passeggia lungo i suoi canali.

Museum De Lakenhal

“Il Giovane Rembrandt”, dal 3 novembre 2019 all’ 8 febbraio 2020

Dal 3 novembre 2019 all’ 8 febbraio 2020 il Museo De Lakenhal ospiterà la mostra “Il Giovane Rembrandt”, un’immersione nei primi anni del maestro olandese, per scoprire di più come il suo innato talento artistico si sviluppò nella sua città natale tra il 1624 e il 1634. Alcune opere verranno riportate a Leida dopo oltre 400 anni, grazie ai prestiti da collezioni di musei nazionali e internazionali. La mostra, realizzata in collaborazione con il Museo Ashmolean di Oxford, sarà inaugurata in occasione della riapertura del rinnovato Museum De Lakenhal e chiuderà la serie di eventi organizzati per l’anno tematico nazionale “Rembrandt e il Secolo d’oro”.

www.lakenhal.nl

Rembrandt e il Secolo d’oro Anno tematico 2019

Read More

Nel 2019 ricorrono 350 anni dalla scomparsa di Rembrandt van Rijn.  L’opera del grande maestro e il periodo di enorme ricchezza e progresso in cui visse, il cosiddetto Secolo d’oro, vengono commemorati durante tutto il 2019, all’interno dell’anno tematico Rembrandt e Il Secolo d’oro, con mostre speciali in tutta Olanda, che presenteranno vari aspetti della vita e del lavoro di questo grande maestro olandese e dei suoi più rappresentativi contemporanei.

 

Mostre in tutto il paese

Per la ricorrenza dei 350 anni dalla morte di Rembrandt, mostre esclusive ad Amsterdam, Delft, Dordrecht, Haarlem, Hoorn ed Enkhuizen, Leida, Middelburg e L’Aia presenteranno vari aspetti della vita e del lavoro di questo formidabile maestro olandese, di alcuni suoi contemporanei (tra cui Pieter de Hooch al Museum Prinsenhof di Delft , Frans Hals al Frans Hals Museum di Haarlem e Nicolaes Maes al Museo Mauritshuis de l’Aia), oltre a diverse opere realizzate nel ricco e fiorente periodo denominato Secolo d’oro.

Il programma, che copre un intero anno, offre un’opportunità straordinaria per visitare l’Olanda e conoscere le sue bellissime cittadine storiche in parte ancora poco conosciute.  Saranno visibili dipinti concessi in prestito mai esposti prima. Queste mostre consentono di approfondire la conoscenza di Rembrandt e dell’epoca fiorente in cui visse l’artista.

 

Scoprire il Secolo d’oro olandese

Fiorenti commerci sia in Europa che in terre lontane, sviluppi scientifici che hanno cambiato il mondo, un esercito potente e numerose imprese in campo artistico, la Repubblica olandese era una forza da non sottovalutare. Il notevole potere marittimo ed economico e il contributo dato all’arte nel 17° secolo sono i temi centrali di un intero anno di celebrazioni che si svolgeranno nelle principali città olandesi del Secolo d’oro durante tutto il 2019 per esplorare il retaggio che tale periodo prosperoso ha lasciato all’Olanda. Proprio in quell’epoca venne fondata la Compagnia olandese delle Indie orientali (la prima società al mondo ufficialmente quotata in borsa), si diffusero nuovi generi e soggetti in ambito pittorico e furono realizzati importanti progressi tecnici.

 

Il tocco magistrale di Rembrandt sotto i riflettori

Nato a Leida nel 1606, Rembrandt dedicò gli anni della formazione all’apprendimento dell’arte e della pittura. Nel 1624 istituì un proprio atelier prima di trasferirsi ad Amsterdam nel 1631. Rembrandt si distinse per l’ampio ventaglio di soggetti raffigurati, comprendente ritratti, autoritratti, paesaggi, scene allegoriche e storiche, temi biblici e mitologici, fino agli studi sugli animali. Nonostante subisse l’influenza dei maestri italiani, Rembrandt non abbandonò mai l’allora Repubblica olandese, ricca e altamente acclamata per i progressi in ambito commerciale, scientifico, militare e artistico. Oggi i visitatori di tutto il mondo affollano i musei olandesi per contemplare da vicino le opere più celebri di Rembrandt.

Cinque alloggi sostenibili nei Paesi Bassi: dall’albergo più green a un ostello in ex container

Read More

Sempre più viaggiatori fanno attenzione al rispetto dell’ambiente anche nei luoghi in cui soggiornano. L’Olanda è un paese che si distingue per la sua sostenibilità in molte aree, una di queste è il turismo. Abbiamo selezionato cinque alloggi che rispettano rispettosi in modo particolare l’ambiente.

 

Rebel rebel hostel

Questo ostello, situato alla periferia di Groningen, è innovativo già dal nome. È la prima sistemazione turistica nella città costruita riutilizzando ex container e sfruttando l’ambiente di una ex fabbrica dello zucchero per costruire questo ostello unico. Dispone di 27 posti letto suddivisi in camere singole e condivise, con un soggiorno destinato esclusivamente alle ragazze e un altro doppio per le coppie che cercano più privacy. Una delle principali iniziative sostenibili dell’albergo è il risparmio idrico, ottenuto attraverso l’uso di speciali soffioni e il riutilizzo dell’acqua della doccia per pulire i bagni. Esso genera inoltre acqua calda grazie a un riscaldatore a pellet, un combustibile rinnovabile al 100% prodotto da scarti vegetali, producendo basse emissioni di CO2.

 

http://rebelrebelhostel.com/

 

Hotel Mary K

Questo hotel accogliente è una scommessa sicura per i viaggiatori che vogliono godersi un soggiorno pieno di fascino a Utrecht. Situato vicino a uno dei suoi canali, ha camere per tutti i gusti, progettato per le persone che viaggiano da sole, coppie o famiglie. Mary K sostiene l’ambiente grazie a numerose misure come l’implementazione di vari sistemi che garantiscono il risparmio di luce e acqua, l’uso di materiali ecocompatibili e mobili di seconda mano, il riciclaggio di tutti i rifiuti e l’uso di carta riciclata nei loro uffici. Inoltre, il cibo e le bevande offerti in hotel sono biologici e provengono tutti da produttori locali. Sia la biancheria da letto che gli asciugamani sono fatti di materiali organici che provengono dal commercio equo e solidale. Le stanze più speciali e spaziose: Studio Suite e Grand Deluxe, dove gli ospiti possono fare un bagno rilassante nel centro della stanza o godersi la vasca idromassaggio.

https://www.marykhotel.com/?lang=en

 

Hotel Court Garden

Situato in una delle zone più alla moda de l’Aia, il Zeeheldenkwartier, questo hotel è stato il primo a ricevere il riconoscimento per la sua sostenibilità dal Ministero dell’Ambiente olandese; E’ stato progettato in modo totalmente ecologico, riducendo al minimo l’impatto sull’ambiente. Tra le molteplici misure adottate per raggiungere questo obiettivo: l’uso di energia pulita in tutto l’hotel e l’utilizzo di materiali che garantiscono l’isolamento totale dell’edificio, risparmiando così sull’aria condizionata. Vengono inoltre adottate misure che consentono il risparmio di luce e acqua, come l’utilizzo di lampadine a LED, sensori di movimento e una pompa di riscaldamento a gas. Infine, il suo ristorante offre prodotti esclusivamente biologici e del commercio equo e solidale. Il Court Garden è anche impegnato nella mobilità sostenibile, con un servizio di noleggio biciclette per i suoi ospiti.

 

https://www.hotelcourtgarden.nl/en/

 

Hotel Jakarta

Sia il suo nome che la sua decorazione interna evocano l’era degli scambi tra l’Indonesia e l’Olanda. L’Hotel Jakarta è un’oasi nel centro di Amsterdam e si trova proprio nel luogo in cui le navi olandesi partivano per le Indie Orientali. Proclamato come il più verde degli hotel olandesi, grazie alla collaborazione con il giardino botanico di Amsterdam (Hortus Botanicus), dispone infatti di un cortile interno popolato da piante provenienti dall’Asia. Inoltre, l’edificio genera autonomamente tutta l’energia di cui ha bisogno attraverso varie fonti all’interno e intorno all’edificio. L’hotel è stato costruito principalmente con legno naturale e vetro, materiali che per la maggior parte possono essere smantellati e riciclati. Esso dispone inoltre di numerose misure di risparmio energetico, utilizzando l’acqua piovana per irrigare il giardino interno e pannelli fotovoltaici per generare energia elettrica. Infine, lo staff dell’hotel indossa le uniformi disegnate da By Rockland | HACKED realizzate con materiali esclusivamente ecologici.

 

https://hoteljakarta.amsterdam/en/

 

Hotel New York

Stare all’Hotel New York di Rotterdam è come fare un viaggio nella storia, essendo stato la sede dell’ex ufficio della Holland America Line. Proprio da qui partirono molti emigranti per il Nord America all’inizio del XX secolo alla ricerca di una vita migliore. L’hotel, situata nella zona Kop van Zuid, dispone di 72 camere, due delle quali situate nelle torri dell’edificio e un’altra sul tetto dell’hotel che include una terrazza privata. Tutte con vista sul fiume Mosa o sul molo Wilheminapier. Ma questo storico hotel garantisce non solo una delle migliori viste della città di Rotterdam, ma anche un’attività che rispetta l’ambiente. Infatti, è stato premiato con la “chiave verde”, uno dei premi di sostenibilità più apprezzati per le strutture turistiche. Tra le altre misure, l’Hotel New York dispone di punti di ricarica per auto elettriche, sistemi speciali per risparmiare acqua nelle docce e un piano di illuminazione personalizzato che riduce il consumo di elettricità. L’hotel dispone anche di un programma di stampa di documenti sostenibili.

 

https://hotelnewyork.nl/

Le terrazze più cool sui tetti delle città olandesi: i posti migliori per godersi panorami strepitosi

Read More

WT Urban Kitchen | Utrecht

 

Per pranzare o cenare ad alto livello (in tutti i sensi) si può optare per la Watertoren Urban Kitchen di Utrecht. Un’antica torre dell’acqua alta 37 metri che risale all’inizio del secolo scorso. Dalla singolare forma di una mazza da baseball, oggi ospita uno dei più rinomati e panoramici ristoranti della città, il “WT Urban Kitchen”. Non appena il cibo ordinato arriverà sulla tavola si porrà la scelta più difficile: dare più attenzione al cibo o alla vista straordinaria?

 

Maggiori informazioni https://wturbankitchen.nl/

 

The Suicide Club | Rotterdam

 

Anche dalla terrazza del The Suicide Club si può godere una bellissima vista fino alle prime ore del mattino. Questa volta su Rotterdam. La terrazza, chiamata Cloud 8, è accogliente e il bar offre ottimi cocktail, con la possibilità del barbecue e di tanti salottini appartati. Sicuramente uno dei luoghi più interessanti di Rotterdam!

Maggiori informazioni http://www.thesuicideclub.nl/

 

VANE | Eindhoven

Il nuovo NH Collection-Hotel all’interno della Torre Groene Toren di Eindhoven è stato inaugurato il 1° settembre. All’ultimo piano si trova il cocktail bar VANE, dove lo chef Casimir Evens e la regina dei cocktail Tess Posthumus detengono lo scettro. Il nome VANE deriva da “banderuola”, per via della costante “brezza” al 14 esimo piano.

Maggiori informazioni https://www.vane-eindhoven.nl/

 

Op de dak | Rotterdam

 

Molto probabilmente questo è il tetto più green dei Paesi Bassi. Il menù che il ristorante Op de Dak serve è composto da ingredienti provenienti da agricoltori locali e da fattorie urbane e soprattutto dal proprio orto che si trova sullo stesso tetto della terrazza in cui vi trovate. Veramente chilometro zero! Posto trendy, cibo buono e personale cortese. Cos’altro si può volere?

 

Maggiori informazioni http://ophetdak.com/

 

The Penthouse | L’Aia

 

Con i suoi 135 metri di altezza, The Penthouse è più alto del ristorante della Torre Eiffel, e naturalmente il più alto dei Paesi Bassi! Questa torre de L’Aia si ispira a Manhattan e ha una vista di tutto rispetto. Stappa una bottiglia di champagne nello Sky Bar di questo ristorante e goditi i metri da alta quota.

 

Maggiori informazioni: https://www.thepenthouse.nl/