Un nuovo network di navigazione sui canali olandesi: scoprire l’Olanda dall’acqua

Read More

 

In Olanda esiste già da tempo una rete che comprende ben 7600 snodi ciclistici che danno la possibilità di stabilire il proprio percorso desiderato percorrendo splendidi itinerari giornalieri in modo facile e autonomo con la possibilità di modificare il percorso in qualsiasi momento. Si prende nota dell’ordine corretto dei numeri di snodo e si parte, osservando i cartelli e seguendo nell’ordine gli snodi numerati. Da uno snodo all’altro, si troverà ogni volta un cartello con il numero di snodo corrispondente.  

Lo stesso sistema è stato creato ora per le barche

Stiamo parlando della nuova rete “Sloepennetwerk”, ovvero “rete di navigazione” per piccole barche a elettriche o a motore (gli sloop) per navigare tra i canali, circondati dalla natura e dai meravigliosi paesaggi dell’Olanda. I silenziosissimi sloop sono soprattutto pensati per gite giornaliere, o di mezza giornata, non essendo dotati di alcuna cabina. Esiste comunque la possibilità di noleggiarli anche per più giorni, usufruendo delle varie opzioni di pernottamento disponibili lungo il percorso.  A seconda delle possibilità di ormeggio, si può decidere di scendere, visitare una città o un luogo interessante nei paraggi e poi risalire a bordo e continuare il proprio viaggio.

La rete è già presente in varie regioni dei Paesi Bassi ed è in continua espansione. Nuove tappe vengono infatti regolarmente aggiunte al servizio, in modo da creare sempre nuovi e diversi percorsi per scoprire “l’Olanda Terra d’Acqua”.

Grazie ad un “pianificatore di percorso” si può creare personalmente il percorso preferito e scaricare la mappa dell’itinerario dal sito web oppure tramite l’app Sloepennetwerk. Attraverso questi strumenti si può impostare e modificare la lunghezza e la durata del proprio percorso seguendo sempre la rete con gli snodi indicati sui cartelli lungo il percorso. Vengono inoltre forniti ulteriori dettagli, come indicazioni sulla profondità dell’acqua, altezze massime e informazioni su ponti e chiuse.

Sulla cartina degli snodi sono segnati diverse opzioni di alloggi e luoghi di ristoro che permettono ai viaggiatori di godersi in tranquillità la propria crociera. Sulla cartina sono inoltre segnati i vari punti delle compagnie di noleggio che si trovano lungo il percorso.  Ognuna offre diversi tipi di imbarcazione, elettriche o meno che possono ospitare dalle 5 alle 10 persone a seconda della tipologia, oltre a canoe. I prezzi di noleggio variano di compagnia in compagnia e in base al tipo di imbarcazione che si desidera.

Ma non è finita qui! A Den Helder e Andijk esistono addirittura barche sulle quali è possibile pernottare: si tratta di veri e propri alloggi sull’acqua, non però utilizzabili alla navigazione.

Le barche possono essere affittate in diversi punti, consultabili al link https://www.sloepennetwerk.nl/sloephuren

L’app e il sito sono in olandese, inglese e tedesco

Un esempio di percorso

Si può per esempio noleggiare una barca nel bellissimo paesino di De Rijp nella provincia del Noord Holland presso la compagnia De Gouw www.degouw.nu.

Da De Rijp si passa per esempio al prossimo paesino De Graft, si arriva ai bellissimi mulini Schermermolens, si attraversa la zona rurale De Beemster per fare ritorno a De Rijp.

 

Potete trovare maggiori informazioni ai seguenti link

Altre compagnie di noleggio

www.degouw.nu.

www.greenjoy.nl/alkmaar

www.alkmaarsebootjesverhuur.nl

http://www.bootensloepverhuurwaarland.nl/

 

https://www.sloepennetwerk.nl/en

 

Nel 2019 la Capitale della Cultura Gastronomica è Cracovia in Polonia

Read More
Arte, storia, cultura, patrimonio UNESCO e nel 2019 anche la destinazione top per la scoperta enogastronomica:
a Cracovia viene assegnato il titolo di Capitale Europea della Cultura Gastronomica 2019.Il titolo è stato assegnato dall’Accademia Europea della Gastronomia, istituzione di riferimento per il mondo della gastronomia e parte della rete della prestigiosa Accademia Internazionale della Gastronomia.

Antica città dei re e capoluogo della regione più ricca di prodotti tradizionali, IGP e DOP della Polonia – la Malopolska – Cracovia ha da offrire una straordinaria ricchezza del territorio che garantisce qualità, freschezza e genuinità: i formaggi DOP (il noto oscypek, la redykolka, la bryndza), le carni (come la carne d’agnello della regione di montagna, il Podhale, o la salsiccia lisiecka), le mele di Lack, le prugne di Sechna, i fagioli “Piekny Jas” e molti altri prodotti legati a questa straordinaria regione, acquisiscono una nuova identità e vengono proposti in modo innovativo, tentando anche i palati più esigenti.

Non è un caso che Cracovia stia vivendo una rinascita anche dal punto di vista della ristorazione; è una delle due città polacche che vengono menzionate nelle migliori guide del settore: nella guida Michelin sono elencati 26 ristoranti della città.

Fra i vari punti del programma, spicca il congresso sull’enogastronomia (ottobre), le Slow Food Masterclass con i migliori chef e i festival dedicati alle prelibatezze locali, come l’obwarzanek (il pretzel IGP di Cracovia), i pierogi (leggi: pieroghi, i ravioloni ripieni), il pane o il vino, il format della “cucina virtuale”, dove in contemporanea verranno preparati vari piatti della tradizione culinaria di Cracovia in diversi ristoranti sparsi in tutto il mondo e l’intera iniziativa verrà trasmessa in streaming.

 

Tutte le info sul sito www.polonia.travel

7 luoghi migliori di Vienna per ottenere le vostre foto Instagrammabili

Read More

Volete sentirvi non da meno rispetto a influencer che vedete su Instagram ecco una breve carrellata su dove potete recarvi nella città austriaca per documentare ad amici il vostro weekend. Un ottimo consiglio è anziché usare la fotocamera del cellulare potete affidarvi a una fotocamera digitale di Panasonic.

 

Oltre a documentarvi su internet potete trovare anche qualche libro su amazon, come Vienna Insolita e Segreta. Dai leggendari caffè alle gallerie segrete sul terreno del palazzo di Vienna, abbiamo cercato, dopo aver fatto una cosa simile in Olanda, i 7 luoghi migliori di Vienna per ottenere le vostre foto: Vienna ha le strade acciottolate, edifici barocchi e palazzi imperiali in questa bellissima città dove Sacher Torte la cultura sono i re.

 

Dai leggendari caffè alle gallerie segrete sul terreno del palazzo di Vienna, ecco i 7 migliori luoghi Instagrammabili di Vienna.

 

  1. Vienna – Hundertwasserhaus

Un edificio di appartamenti progettato dall’architetto austriaco Friedensreich Hundertwasser è un luogo popolare di Instagram.La facciata esterna della Hundertwasser House di Vienna, decorata con colori vivaci, è ideale per le fotografie.

 

  1. Passaggio Ferstel (Freyung)

L’affascinante Freyung Passage si trova in un’elegante galleria commerciale costruita nel XIX secolo come parte del Ferstel Palace.

 

Circondato da caffè pittoreschi, questa è una bella fermata per fare alcune foto.

 

  1. Palazzo Schönbrunn

Il palazzo barocco di 1.441 stanze è uno dei monumenti architettonici, culturali e storici più importanti del paese ed è un sogno di Instagram sia all’interno che all’esterno.

 

Esplorate i giardini lussureggianti per i tunnel verdi e le viste sulla città.

 

  1. Maria am Gestade

Una delle chiese più antiche della città, insieme alla chiesa di San Pietro e alla chiesa di San Rupert, è uno dei pochi esempi di architettura gotica a Vienna. Salite sui *molti* gradini fotogenici per la migliore Insta.

 

  1. Stephansdom (Cattedrale di Santo Stefano)

Fiore all’occhiello di Vienna, questa cattedrale cattolica è bella tutto l’anno. Salite i 343 gradini della Torre Sud fino alla Türmer Stube; una volta in cima si ha una vista sui tetti di Vienna.

 

  1. Caffè centrale

Con legami storici con Freud & Trotsky, il Café Central è un punto di riferimento viennese dal 1847. Ci possono essere code all’esterno, ma ne vale la pena.

Assaporate i classici piatti viennesi, le tradizionali specialità di caffè e i dolci della pasticceria della casa.

 

  1. Palazzo di Giustizia

Il Palazzo di Giustizia – Justizpalast è uno dei luoghi da non perdere a Vienna con la sua architettura neorinascimentale e le sue imponenti scalinate.

 

Salta in ascensore fino all’ultimo piano del Justizcafe per avere una vista su tutta la città.

 

Ci siamo persi uno dei vostri posti preferiti a Vienna per scattare foto di Instagram? Fatecelo sapere nei commenti!

 

Nuovo Report del WWF su impatti palstica | WWF, 100 milioni di tonnellate ogni anno disperse in natura, bando monouso toglierebbe 40% plastica dai rifiuti a livello globale

Read More
Loggerhead turtle (Caretta caretta) trapped in a drifting abandoned net, Mediterranean Sea. (Winner of the One Earth Award, WPY Competition 2010 )
C’è qualcosa di profondamente sbagliato nel modo in cui gestiamo su scala globale la plastica: i costi ambientali e sociali dell’inquinamento che essa causa ad oggi ricadono in maniera eccessiva sui consumatori e su chi ha la responsabilità della gestione dei rifiuti. La lotta all’inquinamento da plastica in natura non sarà risolutiva finchè non vi sarà l’impegno di tutti i settori coinvolti nel ciclo di vita della plastica. È l’ora di affrontare il problema con strumenti efficaci su scala internazionale perché il mare non ha confini: urge un Trattato globale vincolante e con un approccio unitario e condiviso che punti sulla responsabilità e la rendicontazione. È in sintesi il messaggio del WWF che accompagna il lancio del nuovo report Responsabilità e rendicontazione, le chiavi per risolvere l’inquinamento da plastica pubblicato al livello globale dall’associazione a meno di una settimana dall’Assemblea delle Nazioni Unite sull’Ambiente (UNEA-4) che si svolgerà a Nairobi (11 – 15 marzo). Per appoggiare tale richiesta il WWF ha anche lanciato anche una petizione a livello mondiale: oltre 250.000 cittadini del mondo hanno già chiesto l’adozione di un nuovo Trattato globale sulla plastica.
I numeri sulla plastica sono impressionanti: 396 milioni le tonnellate di plastica vergine che vengono prodotte su scala globale ogni anno, circa 100 milioni di tonnellate (pari a un terzo dei rifiuti plastici prodotti, che ammontano a 310 milioni di tonnellate) sono quelle che vengono disperse in natura al mondo per colpa della scorretta gestione della filiera della plastica (dalla produzione, al consumo, al riciclaggio, allo smaltimento). Se il contesto, rimarrà immutato entro il 2030 l’inquinamento da plastica raddoppierà rispetto all’attuale e gli oceani saranno gli habitat più colpiti poiché oggi è più economico scaricare la plastica in natura piuttosto che gestirla efficacemente fino a fine vita.
NATURA #PLASTICFREE: SI PUÒ
Lo scenario per una natura #plasticfree contenuto nel report WWF dimostra che questa generazione ha il potere di invertire la rotta: entro il 2030, con un approccio più sistemico lungo tutto il ciclo di vita della plastica, si potrebbe ridurre del 57% i rifiuti plastici (pari a 188 milioni di tonnellate di plastica in meno). Il bando della plastica monouso (quella che ‘vive’ meno di 1 anno) può ridurre la domanda di plastica del 40%. Questo, unito ad una crescita di plastica riciclata, potrebbe abbattere della metà la produzione di plastica vergine. L’eliminazione del monouso ridurrebbe il carico di plastica nei rifiuti di il 57% in meno rispetto all’attuale. Inoltre, migliorare la gestione dei rifiuti e incrementare il riutilizzo creerebbe un’economia della plastica priva di forme di inquinamento capace di creare oltre 1 milione di posti di lavoro nella filiera del riciclo e rilavorazione.
“Il modo in cui abbiamo gestito la plastica è mostruoso: la nostra civiltà ‘usa e getta’ ha fatto sì che quasi la metà di tutta la plastica diventi rifiuto in meno di 3 anni. Stiamo progressivamente soffocando il mondo e l’umanità sotto tonnellate di plastica senza assumercene la responsabilità. È bastata una generazione per creare quest’emergenza ma la buona notizia è che quella di oggi ha gli strumenti e le conoscenze per risolvere il problema. Il nostro report dimostra che si può fare: tutti i soggetti coinvolti nell’economia di questo materiale devono essere allineati all’obiettivo comune di porre fine alla dispersione in natura e risanare la catena del valore della plastica. Come cittadini europei abbiamo una grossa responsabilità: l’Europa è il secondo produttore di plastica al mondo e 2,1 milioni di tonnellate di imballaggi di plastica sono consumati ogni anno dagli italiani. Per questo domani, in un incontro con il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, chiederemo che l’Italia sia leader in Europa e nel Mediterraneo per sostenere la risoluzione che chiede di avviare il percorso per un Trattato globale vincolante sull’inquinamento marino da plastica che verrà presentata nell’ambito di UNEA-4. In quell’occasione consegneremo centinaia di migliaia di firme a sostegno delle nostre richieste su scala globale e nazionale”  dichiara Donatella Bianchi, presidente WWF Italia.
“L’attuale modo di produrre, utilizzare e smaltire la plastica è fallato. In questo sistema non vi sono responsabilità e rendicontazione: l’unica certezza è che enormi quantità di plastica finiscono in natura. Siamo nel bel mezzo di una crisi dovuta all’inquinamento da plastica. Questo materiale di per sé non è ‘cattivo’, nonostante ciò sono evidenti i danni alla vita marina e solo oggi stiamo iniziando a capire gli effetti sulla salute umana. Questa crisi la possiamo superare se ognuno saprà dare conto di come usa la plastica. Dobbiamo assumerci le nostre responsabilità condivise lungo tutta la filiera della plastica intervenendo in tutte le fasi, dalla progettazione al fine vita dei beni di consumo” aggiunge  Marco Lambertini, direttore generale del WWF Internazionale , che aggiunge: “Conosciamo le soluzioni per risolvere il problema e vanno dalla riduzione alla raccolta, dal riciclo allo sviluppo di alternative”.
Emergenza inquinamento da plastica
Il video WWF sull’emergenza plastica
P er il WWF serve un impegno solenne di tutti i Paesi del Mondo, un nuovo Trattato internazionale per fermare l’inquinamento marino da plastica, che sia legalmente vincolante e stabilisca un obiettivo globale di riduzione, target nazionali di riduzione, meccanismi di rendicontazione condivisi dei risultati conseguiti e che fornisca assistenza tecnica ed economica ai paesi più poveri.
PROBLEMA PLASTICA: MATERIALE ‘CHEAP’ E SENZA COSTI AMBIENTALI. Lo studio WWF ricorda che nei prossimi 15 anni la produzione di rifiuti potrebbe aumentare del 41% a causa dell’accelerazione della produzione di materie plastiche dovute al calo dei costi di produzione. Inoltre il recente bando cinese alle importazioni di rifiuti farà sì che, dal 2030, 111 milioni di tonnellate di rifiuti plastici dovranno essere ridistribuiti a livello globale.   In una situazione in cui su scala europea il 40% della plastica viene persa e non avviata al riciclo. In media ogni italiano produce ogni 5 giorni 1 chilo di rifiuti plastici.

 

Inoltre, nella catena del valore della plastica non vengono calcolate le esternalità ambientali, i costi per le comunità umane e per gli ecosistemi: ammonta a 8 miliardi di dollari il costo annuale degli effetti negativi diretti su pesca, commercio marittimo, turismo e sugli ecosistemi marini. Al mondo sono oltre 270 le specie animali vittime dell’intrappolamento in reti da pesca abbandonate e in altri rifiuti plastici; sono 240 le specie che presentano rifiuti plastici nello stomaco. Si aggiunga che, se non vengono invertiti i trend attuali, al 2030 rischiamo che aumentino del 50% le emissioni di CO2 dovute alla plastica e triplichino quelle derivanti dal suo incenerimento.

Lelo per la Festa della Donna

Read More

Per la Festa della Donna, LELO lancia un messaggio importante a tutte le donne: basta chiedere scusa! Invitandole a celebrare la femminilità in tutte le sue forme e in tutti i suoi aspetti.

 

Iniziamo con un paio di messaggi semplici e diretti sulla parità di genere: donne e uomini dovrebbero avere le stesse opportunità, capacità, poteri e conoscenze. Ma questa è una cosa che già sappiamo, vogliamo fare un passo in avanti. Parliamo di voi donne e solo di voi, per una volta, perché l’effettiva disparità di genere attuale non dovrebbe impedirvi di godervi il vostro essere donna e tutte le cose meravigliose che questo comporta.

 

Care donne, il messaggio che vogliamo trasmettere oggi, la cosa che vogliamo sottolineare maggiormente per questa Festa della Donna, è che è il momento di smettere di chiedere scusa.

 

  • Non scusatevi per essere donne;
  • Non scusatevi perchè vi piace il sesso;
  • Non scusatevi per godervi un buon orgasmo;
  • Non scusatevi per il vostro stile di vita.

 

Le donne sentono spesso di dovere sempre qualcosa al mondo, di doversi scusare per il loro comportamento o ancora peggio di dover nascondere che amano masturbarsi e fare sesso.

 

Questo deve finire, è il momento di dire: “scusa, ma non mi vergogno!” Gridatelo forte al mondo intero. Seguite il nostro consiglio e celebrate la vostra femminilità, ogni curva del vostro corpo, ogni imperfezione e ogni anno che avete vissuto e che vi ha rese quelle che siete.

 

Ditelo forte e chiaro: “Sono una donna, mi piace fare sesso, niente mi può impedire di godermi un buon orgasmo. E lo adoro”.

 

Vogliamo celebrare le donne in tutta la loro gloria. Vogliamo sottolineare l’importanza di un buon orgasmo. Perchè un orgasmo è molto di più di una reazione a una stimolazione, una volta che avete raggiunto il controllo del vostro orgasmo e avete iniziato a comprenderlo, diventa una vera e propria espressione della vostra personalità e individualità. Il vostro orgasmo è unico e vi appartiene, proprio come il vostro modo di camminare e di parlare, e avere controllo del vostro climax significa avere anche controllo del vostro corpo. E indovina un po’, nulla vi impedisce di avere un fantastico orgasmo da sole. E non dovete vergognarvi!

 

Volete sapere una cosa curiosa? LELO ha rivelato che quasi la metà degli acquisti dei condom HEX è effettuata da donne. Le statistiche mostrano che c’è stato un grande incremento degli acquisti dei condom da parte di donne. Questo è quello che vogliamo, porre fine ai pregiudizi che etichettano le donne che portano con sé i preservativi come “donne facili”, vogliamo togliere la Lettera Scarlatta dalle donne che sono così intelligenti da comprare loro stesse i preservativi perchè questo significa che sono “brave a letto” da tutti i punti di vista – e che amano il proprio stile di vita e non se ne vergognano.

 

Lo sapevate che proprio le donne possono essere le prime a criticare le altre donne? Basta doversi scusare l’una con l’altra, basta giudicarsi l’una con l’altra e semplicemente celebrate la vostra femminilità in tutte le sue forme. Ogni donna conta per sé.

 

Per supportare e celebrare tutte le donne – per le donne che amano il sesso e si godono un buon orgasmo, per le donne che non si vergognano, LELO ha pensato a uno sconto del 20% su alcuni prodotti selezionati*… per il vostro piacere.

 

Ecco i prodotti che LELO ha pensato per te per celebrare al meglio la Festa della Donna

 

INA Wave, si ispira alla carezza delle dita di un amante, combinando massaggio e vibrazioni per il massimo piacere. Prezzo promozionale consigliato al pubblico 143,20 euro.

 

GIGI 2, la caratteristica punta curva e appiattita, raggiunge con precisione il punto G, offrendo un appagamento straordinario. Prezzo promozionale consigliato al pubblico 111,20 euro.

 

LILY 2, potente e discreto, LILY 2 è stato creato per entrare nel palmo di una mano ed è arricchito da una delicata fragranza per soddisfare tutti i sensi. Prezzo promozionale consigliato al pubblico 111,20 euro.

 

ORA 2, il simulatore di sesso orale più premiato al mondo, grazie alla tecnologia LELO SenseTouch™ è in grado di rispondere con vibrazioni più intense quando si applica maggiore pressione. Prezzo promozionale consigliato al pubblico 135,20 euro.

 

SORAYA, unisce bellezza, design e piacere. Le curve fluenti del prodotto si adattano il tuo corpo e le vibrazioni potenti ma discrete, esalteranno l’intensità del tuo piacere. Prezzo promozionale consigliato al pubblico 175,20 euro.

 

SONA, un sex toy rivoluzionario, utilizza onde sonore e impulsi          invece delle vibrazioni tradizionali, per stimolare l’intera clitoride, raggiungendone anche la struttura interna. Prezzo promozionale consigliato al pubblico 69,00 euro.

 

*lo sconto è valido dal 01.03.2019 al 10.03.2019

 

Scopri il mondo LELO su >> https://www.lelo.com/it

>> https://www.instagram.com/lelo_official/

>> https://www.facebook.com/LELO.Official/

 

As Consulting, accreditata dalla Regione Toscana, che offre corsi e attività di formazione per disoccupati, inoccupati, neodiplomati.

Read More

Potrebbe interessarvi una piattaforma di corsi online gratuiti per disoccupati e imprese sostenute dal Fondo Sociale Europeo, se siete alla ricerca di una formazione professionale conviene affidarsi all’agenzia As Consulting, accreditata dalla Regione Toscana, che offre corsi e attività di formazione per disoccupati, inoccupati, neodiplomati.
As Consulting ha festeggiato il 5 dicembre, ben 15 anni di attività con un numero di 50.000 studenti che hanno scelto di partecipare alla formazione della azienda, l’80% degli iscritti ha trovato lavoro entro un mese dalla fine dei corsi di formazione.

L’agenzia nasce nel 2007 promuovendo servizi alle imprese e continua ancora oggi ad erogare consulenza imprenditoriale e finanziaria. Sostenuta dal fondo Formatemp, dedicato alla formazione e il sostegno al reddito dei lavoratori in somministrazione, organizza ogni anno corsi per far crescere conoscenze e capacità professionale, offrire a disoccupati e inoccupati nuove possibilità di ricollocamento nel mondo del lavoro.

Collaborando con il Fondo Sociale Europeo e altre istituzioni che consentono l’attivazione di formazioni gratuite o agevolate, opera nella progettazione, organizzazione ed erogazione di attività formative riconosciute, finanziate e a libero mercato sia per occupati che inoccupati, sia per imprenditori e manager d’impresa. A.S. Consulting ha ottenuto la certificazione ISO 9001:2008. Grazie al Fondo Sociale Europeo, Ascolsunting riesce ad offrire ogni anno diverse opportunità di formazione gratuita individuale o aziendale. I corsi vengono erogati con riferimento agli “Assi prioritari di intervento” grazie a dei buoni di finanziamento sotto forma di voucer che permettono l’accesso ad interventi formativi specifici, scelti autonomamente e in base alle proprie esigenze e prospettive professionali. I voucher finanziati dal Fondo Sociale Europeo sono assegnati mediante avvisi pubblici emanati dalla Provincia di Firenze e sono messi a disposizioni per diplomati, giovani, adulti occupati in cerca di miglioramento economico, disoccupati, donne, soggetti svantaggiati (in mobilità lavorativa-Cigo-Cigs), imprese.

Tutti gli studenti che rientreranno nei progetti formativi riceveranno la carta prepagata ILA, che riceverà dal FSE il credito necessario per sostenere il percorso formativo scelto. Questo strumento, sostenuto da importanti istituzioni pubbliche e private, incentiva l‘indipendenza e la responsabilità individuale dello studente e si collega ad una politica attiva del lavoro per persone prive di un proprio progetto formativo come neodiplomati in cerca di specializzazioni professionali o disoccupati e inoccupati di lungo tempo che perdono fiducia nelle proprie capacità di ricerca e approccio al mercato.

La cosa più positiva è l’uso della piattaforma e-learning: formazione online flessibile con cui donne, madri e padri di famiglia ma anche lavoratori che vogliono migliorare la propria formazione grazie anche ai corsi online dentro una piattaforma di e-learning, permette di essere in classe grazie ad Internet o seguire le lezioni da casa o dal proprio negozio. Anche le aziende beneficiano dei servizi di formazione continua finanziati anche da P.A o Fondi Interprofessionali.

Asconsulting aiuta le aziende a crescere, presenta corsi di formazione e aggiornamento per manager e dirigenti, sostiene importanti settori dell’economia quali la ristorazione, l’ambito della sicurezza e HACCP, contabilità e sostegno all’imprenditoria artigianale.
Tutti i corsi A.S Consulting sono riconosciuti dalla Provincia di Firenze e garantiscono il posto lavorativo entro un mese dall’uscita della formazione.

Cosa succede al nostro corpo quando ci innamoriamo?

Read More

 La primavera è alle porte e con il risveglio della natura anche il nostro organismo rinasce e “si riattiva”. La primavera è, infatti, la stagione degli amori e di tutte quelle strane sensazioni che proviamo quando ci innamoriamo. Ma che cosa succede realmente al nostro corpo quando sentiamo le farfalle nello stomaco?

L’adrenalina, ormone stimolante dello stress, è la principale responsabile dei cambiamenti all’interno del nostro corpo. Questo ormone provoca un aumento del consumo di ossigeno che, a sua volta, stimola unaumento del battito cardiacosudorazione delle mani e pupille dilatate. Inoltre, ha un impatto sullo stomaco, l’organo più sensibile del corpo, che a causa dei cambiamenti ormonali formicola, facendo percepire le classiche farfalle nello stomaco.

La dopamina o ormone della felicità, poi genera una forte euforia e un incremento dell’energia e insonnia. Ed è questo uno dei motivi per cui gli innamorati non riescono a fare a meno di pensare alla propria anima gemella giorno e notte!

Infine, l’oxitocina, l’ormone delle coccole, promuove le interazioni sociali, spingendo le persone innamorate a ricercare costantemente il contatto fisico. Anche un altro ormone, la vasopressina è responsabile di reazioni simili, poiché provoca un aumento della pressione dei vasi sanguigni con conseguente arrossamento del viso e aumento del desiderio sessuale.

Le parate dei fiori più belle nei Paesi Bassi: gli eventi da non perdere per i prossimi mesi

Read More

Oltre al bellissimo parco floreale Keukenhof aperto tra marzo e maggio, in Olanda si tengono spettacolari parate di fiori che iniziano in primavera e terminano a fine estate. Durante questi eventi si potranno ammirare sfilate di carri magnificamente decorati e ricoperti da centinaia e migliaia di fiori di diverso tipo. Di seguito un elenco delle più belle sfilate floreali del Paese, ciascuna con il suo tema e il suo particolare fascino.

Flower parade Haarlem – 13 aprile 2019

L’annuale Parata dei Fiori è una festa di colori magnifici e profumi deliziosi. Enormi carri allegorici sontuosamente addobbati percorrono un itinerario di 42 chilometri da Noordwijk a Haarlem. Ogni anno centinaia di migliaia di spettatori provenienti dall’Olanda e dall’estero partecipano a questo spettacolo floreale. È consigliato arrivare in anticipo per trovare il miglior posto per assistere al passaggio della parata! La domenica successiva i carri potranno essere ammirati anche ad Haarlem.

Festival dei fiori di Aalsmeer – 15 e 16 giugno 2019

Se si è amanti dei fiori, il 15 e il 16 giugno 2019, il Flower Festival di Aalsmeer, cuore pulsante della regione dei fiori, è l’occasione perfetta per scoprire l’affascinante mondo della floricoltura ornamentale.
Questo Festival offre un colorato weekend interamente dedicato a fiori, piante, arte, musica, cibo e bevande.

Sfilata sull’acqua del Westland – dal 2 al 4 agosto 2019

La Sfilata sull’acqua del Westland è uno spettacolo festoso che si svolge il primo fine settimana di agosto. Decine di barche vengono decorate con fiori e ortaggi, in base a un tema diverso ogni anno. Le imbarcazioni formano insieme un variopinto corteo galleggiante che naviga attraverso la regione del Westland per tre giorni. Si tratta di un evento unico che attira annualmente oltre 500.000 spettatori.

Il corteo composto da barche splendidamente addobbate tocca tra l’altro Naaldwijk, Maassluis, L’Aia e Delft. Lungo l’itinerario della Sfilata sull’acqua del Westland vengono organizzate varie attività, come fiere e spettacoli musicali. Inoltre, si può seguire il percorso delle barche spostandosi in bici; l’organizzazione predispone ogni anno diversi itinerari percorribili in bicicletta.

La Sfilata sull’acqua presenta i prodotti provenienti dalla regione del Westland in un modo assolutamente spettacolare. Questo territorio è noto per l’attività agricola praticata in serra e qui gli orticoltori producono milioni di ortaggi, frutti, piante e fiori. Ogni barca è addobbata in modo originale ed è ricoperta da centinaia di fiori, piante e frutti.

Flower Parade Rijnsburg – 10 agosto 2019

Ogni secondo sabato di agosto, i carri della Flower Parade sfilano per le strade di Rijnsburg, Katwijk e Noordwijk. Alla parata partecipano 12 carri allegorici, carri musicali, automobili addobbate con fiori e diverse fanfare. A dare vita alla sfilata e ai temi rappresentati ci sono oltre 100 figuranti.

Il venerdì sera, ovvero la vigilia della parata, è possibile ammirare i carri durante la cerimonia di apertura della Flower Parade presso la sede dell’asta dei fiori Royal Flora Holland di Rijnsburg. La domenica i carri vengono esposti al pubblico lungo il Koningin Wilhelmina Boulevard di Noordwijk.

La Flower Parade, la cui prima edizione ebbe luogo a Rijnsburg nel 1946, è una delle parate di fiori più antiche d’Olanda. Decoratori floreali professionisti utilizzano centinaia di tipi di fiori diversi per realizzare le raffigurazioni del tema corrente, che cambia ogni anno.

Sfilata dei fiori di Zundert – 1 e 2 settembre 2019

La più grande parata di fiori del mondo si tiene la prima domenica di settembre a Zundert, una tradizione iniziata nel lontano 1936.

I bellissimi carri che partecipano alla sfilata dei fiori di Zundert, decorati esclusivamente con dalie, vengono creati dai venti rioni cittadini durante un lungo anno di preparazione e attraggono migliaia di turisti ogni anno.

Durante la Sfilata di fiori di Zundert la città si addobba a festa. La domenica e il lunedì vengono organizzati eventi musicali e teatrali di ogni genere, mentre bar e ristoranti locali promuovono offerte speciali e varie attività. Zundert si trova al confine con il Belgio e la sfilata di fiori è diventata quindi una piacevole escursione sia per gli olandesi che per i belgi.

 

https://www.holland.com/it/turismo/storie-dolanda/fiori.htm

I posti migliori in Olanda per scattare le tue foto su Instagram

Read More

Dalle case cubiche di Rotterdam ai canali olandesi

I pittori del Secolo dell’Oro avevano già capito come l’Olanda fosse un luogo ideale da tramandare ai posteri. La luce straordinaria e le vedute ineguagliabili che hanno immortalato nelle loro opere possono essere contemplate in svariati musei del mondo. Ritrarre luoghi stupendi continua a essere un interesse comune a tanti, non più solo sulla tela ma utilizzando i nuovi device digitali.

 

Rotterdam

Rotterdam merita ovviamente un posto di rilievo in questa panoramica. La città sembra fatta apposta per Instagram. Grazie all’aspetto industriale, al porto dinamico e all’architettura innovativa, molti angoli si prestano per realizzare una storia su Instagram. Basta fare una passeggiata fino a Hofbogen, nel quartiere Rotterdam-Noord. Le arcate sotto il vecchio viadotto ferroviario ospitano negozi trendy e ristoranti di tendenza. Basta lasciarsi affascinare dalla straordinaria vista sulla città che si gode dal tetto più lungo dell’Olanda al Luchtpark.

 

Le case cubiche sono da tempo un’icona dell’architettura di Rotterdam. Questo bosco astratto è costituito da case inclinate di 45 gradi, sorrette da pali di cemento, che offrono una veduta surrealista. In una casa cubica è possibile addirittura pernottare.

 

Il primo e più grande mercato coperto d’Olanda è il Markthal Rotterdam, che occupa una superficie delle dimensioni di un campo da calcio, mentre nella copertura a forma di ferro di cavallo sono stati ricavati appartamenti. L’area adibita a mercato ospita 100 bancarelle, 15 negozi di gastronomia e 8 ristoranti. Il Markthal merita sicuramente di essere visitato, comunque.

 

Un elemento distintivo dello skyline di Rotterdam è il ponte Erasmusbrug, una perla architettonica che raggiunge 139 metri di altezza: realizzato in acciaio, collega lo storico porto Delfshaven con il futuristico quartiere Kop van Zuid. E’ possibile fotografarlo da una certa distanza o realizzare un’affascinante immagine del collo di cigno dal ponte stesso.

 

Leida

Con i suoi canali Leida è un’autentica città d’acqua. In primavera e in estate i canali sono solcati da numerose barche e dai battelli turistici. Si può salire a bordo e scoprire la bellezza di Leida vista dall’acqua. Leida offre molte altre opportunità di realizzare scatti stupendi, ad esempio nel magnifico Hortus, il più antico giardino botanico d’Olanda, oppure negli interni, nei numerosi musei che la città vanta sono esposti manufatti unici che meritano sicuramente di essere immortalati. D’altronde chi non desidera farsi un selfie accanto a un vero T-Rex?

 

Maastricht

Nella città più meridionale d’Olanda a volte sembra di essere in un paese straniero. Adagiata sulle rive del fiume Mosa, circondata da dolci colline e ricca di edifici antichi, Maastricht è caratterizzata da un’atmosfera unica. La libreria Boekhandel Dominicanen o il Kruisherenhotel sono location ideali per uno scatto. La libreria è ospitata in una ex chiesa e viene considerata come la più bella al mondo. L’albergo Kruisherenhotel è ricavato in un ex monastero ed è un luogo unico, in termini di design all’interno di mura antiche. L’ingresso in rame merita già da solo di essere fotografato.

 

Otto ristoranti stellati per la Norvegia

Read More

Fagn / Photo credit: ©Jarle Hagen

È stata presentata ieri la Guida Michelin 2019 dedicata ai Paesi Nordici. Anche quest’anno la Norvegia ha ottenuto grandi soddisfazioni, con otto ristoranti annoverati, contro i sei dello scorso anno.

Per la prima volta Trondheim ha fatto il suo debutto nella prestigiosa guida, con due ristoranti premiati con una stella: Credo e Fagn. Niente male per una città di soli 180.000 abitanti!

Credo, guidato da Heidi Bjerkan – prima chef donna norvegese ad aver ottenuto una stella Michelin –, propone un menù interamente basato sulle materie prime locali di terra e di mare, provenienti della regione del Trøndelag. La particolare attenzione alla sostenibilità, unita all’impegno a promuovere prodotti di qualità, sono valsi a Credo anche il nuovo riconoscimento Michelin Nordic Guide Sustainability Award 2019.
Info: www.restaurantcredo.no

Da Fagn lo chef Jonas André Nåvik gioca con la tradizione. I ricordi d’infanzia ispirano molti dei suoi piatti, cucinati con tecniche moderne e principi tradizionali.
Info: www.fagn.no

Altra buona notizia, tutti i ristoranti inseriti nella Guida dello scorso anno si sono visti riconfermare le stelle guadagnate.

I due ristoranti di Stavanger, Ree-na e Sami Omakase hanno mantenuto una stella.

Ree-na, ideato dal rinomato chef norvegese Sven Erik Renaa, è un ristorante dall’atmosfera elegante e rilassata, caratterizzato da piatti innovativi e da una particolare attenzione ai sapori autentici e alla qualità dei prodotti, selezionati dai migliori fornitori locali. I clienti hanno la possibilità di interagire direttamente con gli chef e partecipare a particolari serate culinarie.
Info: www.restaurantrenaa.no

Sabi Omakase, è il più esclusivo ristorante di sushi della Norvegia, con soli 10 posti. I commensali, seduti al bancone, possono assistere alla preparazione e spiegazione dei piatti da parte dello chef Asakil Joya. Il tutto accompagnato da vino o sake.
Info: www.omakase.no

Anche Oslo ha ottenuto risultati eccellenti, emergendo sempre più come importante hub della cucina nordica. L’edizione 2019 conferma le tre stelle a Maeemo; la stella a StatholdergaardenKontrast e Galt; e il riconoscimento Bib Gourmand a Smalhans, per i suoi piatti eccezionali a prezzi contenuti.

Maaemo, il cui nome significa “Madre Terra”, è il primo ristorante della Norvegia che serve solo cibo a base di materie prime biologiche e ingredienti naturali. Il ristorante ha un’atmosfera unica e una cucina innovativa. Offre il meglio della carne, pesce, pollame, erbe aromatiche, frutti di bosco e ortaggi allevati e coltivati dai produttori norvegesi. I piatti, che possono avere anche una preparazione di alcuni giorni, sono completati dagli chef direttamente al tavolo.
Info: www.maaemo.no

Statholdergaarden, situato in un edificio del 1600 nel cuore di Oslo, è un ristorante dal design unico e l’atmosfera affascinante. Presenta ogni giorno un menù che varia a seconda delle stagioni, utilizzando i migliori prodotti di provenienza norvegese.
Info: www.statholdergaarden.no

Kontrast è un moderno ristorante scandinavo con un focus sull’utilizzo delle migliori materie prime locali e di stagione. L’obiettivo del ristorante è di offrire ingredienti norvegesi di primordine, biologici e di provenienza eticamente sostenibile, mettendo in luce i contadini che li producono.
Info: www.restaurant-kontrast.no

Galt, aperto a Oslo nell’autunno 2017. A guidarlo è lo chef svedese Björn Svensson. Qui si fondono cucina gourmet e prodotti nordici tradizionali. Il ristorante è intimo e accogliante, con un tocco rustico. Propone un equilibrato menù di sei portate.
Info: www.galt.no