Le processioni di Pasqua in Ticino sono patrimonio mondiale dell’UNESCO

Read More

Processione del “Transparenti” di Mendrisio (c) Luca Crivelli

Un’antica tradizione impressionante, la storica Processione di Pasqua a Mendrisio. Giovedi ‘, 12 dicembre 2019 l’UNESCO ha inserito le processioni della Lista del patrimonio culturale immateriale dell’Umanità. Per ogni anno il Giovedi Santo e il Venerdì Santo, che nel 2020 cade il 9 e 10 aprile.

I turisti affollano da lontano per Mendrisio per vedere Gesù che porta la croce per la città che la gente del posto orgogliosi chiamano Magnifico Borgo. Sullo sfondo degli edifici storici del luogo, con le sue facciate dipinte e chiese medievali e barocche, gli spettatori alla vista dello spettacolo in un altro tempo sente trasportati. Il clou è la mossa “La Funziun di Giüdee” al tramonto Giovedi Santo, le funzioni sotto i 270 esecutori. E ‘dedicato alle Stazioni della Croce di Cristo. I protagonisti biblici della processione provengono dai costumi della zona e di usura che sono stati acquisiti nel 1989 da La Scala. Essi incarnano i membri del Consiglio superiore, Longino, Veronika, le tre Marie, i discepoli, i due ladroni, i giocatori di dadi, Ponzio Pilato, Erode, il sommo sacerdote e gli altri personaggi storici. La processione del Venerdì Santo, invece, ha un carattere più liturgico-religioso, che risale al Medioevo. 700 delegati corto di esso con oggetti cerimoniali per le strade, accompagnati da una band.

Parte integrante delle processioni pasquali sono il “Trasparenti”, che sono distribuiti all’inizio della Settimana Santa nel centro storico di Mendrisio. Ci sono schemi sul tessuto trasparente con motivi che circondano la passione di Cristo, luce e sulla santa Giovedi con lanterne di carta dal enchant all’interno della città con una luce magica. La straordinaria tecnica di produzione di schermi e trasferire queste conoscenze di generazione in generazione era un elemento essenziale della decisione Unesco. 2017 un museo è stato allestito nella Casa Croci a Mendrisio, dove questo patrimonio artistico e storico del Mendrisiotto si può ammirare tutto l’anno. Di particolare interesse sono le opere del pittore Giovanni Battista Bagutti (1742-1823), che fino al 1792 ha creato il primo 58 trasparente la raccolta e quindi posto le basi per questa tradizione. La speciale tecnica di produzione di schermi dedicata al secondo piano della Casa Croci. la comprensione dei visitatori della complessità tecnica del lavoro artigianale utilizzando video, dichiarazioni di testimoni, fotografie dai laboratori e strumenti di lavoro. www.processionimendrisio.ch

Arte 2020: mostre esclusive in Svizzera

Read More

Olafur Eliasson al Kunsthaus di Zurigo (c) Premere Kunsthaus Kunsthaus Züric

Da stazioni di servizio improvvisamente illuminate da dipinti ad olio espressionisti fino a fotografie espressive dal Mediterraneo: Gli amanti dell’arte possono gioire musei svizzeri nel 2020 per una serie di mostre di prima classe. Una panoramica delle più importanti esposizioni delle offerte del sito www.MySwitzerland.com/events . Informazioni sui musei d’arte moderna in Svizzera sono in www.MySwitzerland.com/amos da trovare.

Fondazione Beyeler, Basilea: “Edward Hopper”

Dal 26 gennaio al 17 maggio 2020 mostra alla Fondation Beyeler opere di Edward Hopper (1882-1967), uno dei più importanti pittori americani del 20 ° secolo. Focus della mostra sono rappresentazioni iconiche della immensità del paesaggio e paesaggio urbano americano. La mostra comprende acquerelli e dipinti ad olio degli anni 1910 al 1960, consentendo un affascinante spaccato le molteplici sfaccettature della pittura Hopper’schen. www.fondationbeyeler.ch/hopper

Musée cantonali des Beaux-Arts, Losanna (Regione del Lemano): “sotto la pelle. Vienna 1900, da Klimt a Schiele e Kokoschka “

Gustav Klimt, Egon Schiele e Oskar Kokoschka creati in Vienna nel 1900 composizioni che impostano il mondo dell’arte sulla sua testa considerevolmente. Il Museo Cantonale d’Arte (MCBA) di Losanna offerte dal 14 febbraio al 24 MAGGIO 2020 un nuovo angolo per il contributo degli artisti viennesi allo sviluppo dell’arte moderna. L’esposizione supera il modo convenzionale di ricevimento del confronto tra le generazioni di Klimt e Schiele, tra il simbolismo ed espressionismo ed è la nascita di una nuova sensibilità nuovamente. www.mcba.ch

Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano (Ticino): “Shunk-Kender – Art attraverso l’occhio della telecamera (1957-1983)”

Dal 1 ° marzo al 14 giugno 2020, il MASI una mostra dedicata ai fotografi Harry Shunk (1924-2006) e Janos kender (1937-2009). Negli anni Cinquanta e Shunk Kender hanno iniziato la loro collaborazione. Il duo ha documentato soprattutto a Parigi ea New York aperture di mostre e biennali e gli artisti fotografati al lavoro nei loro studi o durante le esibizioni pubbliche. Questi includono Yves Klein e Jean Tinguely e Niki de Saint Phalle e Eva Aeppli, Jean Fautrier e Daniel Spoerri, Andy Warhol, Yayoi Kusama e Trisha Brown. Le tue foto raccontano la storia di una generazione che si occupa della liberazione dei corpi e gesti artistici. www.masilugano.ch

Kunsthaus di Zurigo: “Olafur Eliasson – vedere simbiotici”

L’artista danese-islandese Olafur Eliasson (* 1967) è noto per le sue spettacolari installazioni poetiche nei musei. Eliasson ha sviluppato in esclusiva per il Kunsthaus di Zurigo una nuova installazione e trasforma lo spazio del museo “Bührlesaal” in un’installazione immersiva totale che fa appello ai nostri sensi. www.kunsthaus.ch

Zentrum Paul Klee, Berna, “Lee Krasner. Living Color “

Il Centro Paul Klee è dal 7 febbraio al 10 MAGGIO 2020 la prima retrospettiva dell’artista americano Lee Krasner (1908-1984) in Svizzera. Il pittore dell’espressionismo astratto ha ispirato le loro opere numerosi artisti di sesso femminile del 20 ° secolo. In un periodo di più di 50 anni, Krasner reinventato ancora e ancora e messo in discussione il loro lavoro artistico, che si presenta sotto enorme energia di lavoro della loro vita versatile espresso. www.zpk.org

Musée Rath, Ginevra: “Odissea fotografiche. Fred Boissonnas et la Méditerranée “

Dal 24 aprile al 26 luglio 2020 il Musée Rath è dedicata al lavoro di Fred Boissonnas (1858-1946), nativo di Ginevra fotografo che ha coniato il photography Greco nel 20 ° secolo. I capannoni espositivi luce nei suoi viaggi nel Mediterraneo, che ha trascorso in cerca di luce, dopo la Magna Grecia e la libera l’Egitto, in base alle scene omerici e paesaggi biblici. La sua opera rappresenta una nuova interpretazione di paesaggi e la nostra storia. Http://institutions.ville-geneve.ch

Costruire un igloo in Svizzera

Read More

Un igloo è più di un posto per dormire al riparo da neve e ghiaccio. L’edificio richiede la conoscenza della natura del materiale da costruzione e la neve in fisica e statica. Soprattutto, l’edificio è molto divertente che può essere vissuta anche in un gruppo molto bene. In Svizzera, diverse aziende offrono corsi in tutto il paese.

Engstligenalp e Stockhornstrasse (Berna)

La Scuola di Alpinismo Bergfalke offre entrambe le posizioni Engstligenalp e Stockhorn nell’Oberland bernese Iglukurse per piccoli gruppi di quattro a dieci persone. Sotto la guida di esperti, i partecipanti imparano come comportarsi con la sega neve e la corretta tecnica quando neve blocca le pile. L’erezione dura quattro ore circa, allora è il capolavoro. I costi sono in due posizioni a 140 franchi (circa 128 euro) a persona, ciascuno comprendente un giro sulla funivia per Engstligenalp, rispettivamente, alla stazione intermedia Chrindi. www.bergfalke.ch

Flumserberg (Svizzera Orientale / Liechtenstein)

In Svizzera orientale, i gruppi possono costruire un igloo a un massimo di 12-30 persone che si affacciano sul frastagliato Churfirsten. Andiamo con una breve passeggiata attraverso la neve al cantiere. All’inizio dei vari compiti vengono distribuiti. Ci vuole un blocco di rottura squadra trasportatori Klotz, un Maßtruppe, i muratori e stuccatori. Poi tagliare con un aiuto professionale e impilati fino al Palazzo del ghiaccio si trova – tra cui tunnel di accesso. A completare un aperitivo con vin brulè sono serviti direttamente sul igloo e poi una fonduta in uno chalet di montagna. I costi partono da 95 franchi svizzeri (circa 87 euro) a persona. www.outivity.ch/teamevents/iglubauen

Davos (Grigioni), Gstaad (Berna) e Zermatt (Vallese)

Interi villaggi di neve e ghiaccio sono Parsenn a Davos, il Saanerslochgrat a Gstaad e al Gornergrat a Zermatt. Essi sono ricostruiti ogni anno da parte dell’operatore “Igloo Village”. Piccoli gruppi avranno l’opportunità di creare la propria casa, blocco per blocco. Una guida esperta svela trucchi e suggerimenti che sono essenziali per la coesione dei blocchi di neve. Una lezione di prova costa 290 franchi svizzeri (circa 266 euro) per quattro persone. Chi vuole trascorrere la notte nel loro igloo può farlo presso i siti a Gstaad e Zermatt. Ciò richiede una buona dose di perseveranza, perché la costruzione ci vorranno circa sei ore al stabili igloo dormire. La costruzione, sotto la guida e la sistemazione in un self-creato costi “nido d’amore” da 379 franchi svizzeri (circa 345 euro) a persona. www.iglu-dorf.com/de/events/aktivitaeten

In Europa ogni persona scatta in media 597 selfie all’anno

Read More
  • Esplosione di Selfie: le persone in Italia e Spagna scattano selfie 1,5 volte in più rispetto ai paesi europei del nord.
  • I re dei Selfie: gli uomini del Regno Unito e dei Paesi Bassi scattano più selfie delle donne.
  • #NoFilter: nel 2019 il 58% degli europei preferisce scattare selfie senza l’utilizzo di filtri.
  • Nuove categorie di Selfie: i selfie post work out, i selfie con animali o a letto con il proprio partner sono le nuove categorie del 2019.
  • Natura vs vita notturna: gli europei preferiscono 3,5 volte in più postare foto di sé stessi durante attività all’aperto rispetto a serate notturne.
  • Influenzare tramite il potere delle immagini: oltre la metà degli europei pubblica immagini sui social media di momenti importanti della loro vita: l’85% degli europei ammette di non aver mai scattato così tanti selfie come per il 2019.

 

L’Esplosione del Selfie

La selfie-mania ha preso piede nel 2013 e da quasi un decennio è divenuta una delle tendenze più popolari di sempre, tanto che, nel 2013, “selfie” è stato inserito come parola dell’anno dall’Oxford English Dictionary. Lo studio sottoposto a più di 5.750 europei ha rilevato che i selfie sono ancora apprezzati, soprattutto dagli europei di oggi che, in media, scattano 597 selfie all’anno, rilevando un bisogno nel mercato: la richiesta di smartphone con telecamere selfie dedicate e tecnologia di telecamere AI, indispensabili per questo tipo di attività. È la Spagna in vetta alla classifica che conta una media di 728 ogni anno, seguita da Italia (718), Germania (588), Paesi Bassi (520) e Regno Unito (468). Contrariamente alla credenza popolare, lo studio ha rilevato che sono proprio gli uomini nel Regno Unito e nei Paesi Bassi a scattare più selfie alla settimana rispetto alle donne (11 vs 9).

 

Esprimere sé stessi attraverso i Selfie

In tutta Europa, quali la metà (45%) delle foto scattate dagli europei sui loro smartphone sono condivise con amici e familiari sui principali social media, rivelando la nostra tendenza a condividere momenti della nostra vita quotidiana con gli altri. Agli europei bastano solo 11 secondi per trovare l’angolatura giusta per scattare, ma occorrono ben 26 minuti per riflettere su se condividere o meno il selfie sui social media, dimostrando come dietro ad un semplice scatto sono presenti decisione consapevoli su come vogliamo rappresentarci online.

 

Contenuti autentici e senza filtra in aumento

Nel 2019 il nuovo trend dei selfie è il #NoFilter. In linea con il desiderio globale di combattere gli standard di bellezza irrealistici rappresentati dai media, i selfie scattati senza l’utilizzo di particolari filtri sono in aumento, in particolare tra i giovani, dove il 63% dei ragazzi tra i 16 e i 29 anni confessa di fare più “selfie naturali” rispetto al 2014. Lo studio ha anche scoperto che la Spagna sta aprendo la strada alla tendenza #NoFilter, con il 73% delle persone che si uniscono a questo movimento, seguite dall’Italia (71%) e dalla Francia (68%).

 

Catturare il buono, il brutto e il cattivo

Con gli smartphone sempre alla mano, la tendenza crescente a scattare foto in qualsiasi momento ha portato alla nascita di nuovi generi di selfie emergenti. Gli europei sono disposti a mettersi a nudo e condividono momenti più intimi della vita quotidiana. Il selfie “post-allenamento sudato”, “coccole al mio animale domestico”, “a letto con il mio partner” e i selfie “appena scesi dal letto” hanno tutti guadagnato posizione nel 2019, evidenziando un passaggio verso la pubblicazione di momenti autentici e veri.

 

Natura vs vita notturna

Anche gli scatti ai paesaggi sono in aumento, forse guidati dal movimento globale dei millennial eco-consapevoli che hanno maggior riguardo e attenzione verso l’ambiente. Con il tempo trascorso all’aria aperta in continuo aumento, sembra che gli europei siano desiderosi di scattare foto in mezzo alla natura, all’interno di foreste, in spiagge e in mezzo all’oceano. Lo studio ha anche rilevato che i giovani europei sono più propensi a pubblicare una foto di sé stessi nei grandi spazi aperti rispetto che all’’interno di locali notturno (il 62% scatta più foto oggi all’aperto rispetto a cinque anni fa, solo il 16% scatta selfi in discoteca), indicando un passaggio verso la documentazione di stili di vita più sani, perfetti per l’equilibrio e il benessere personale. Questa necessità ha portato di conseguenza alla nascita di fotocamere a triplo obiettivo negli smartphone come nell’HONOR 9X, che include la tecnologia di obiettivi super grandangolari, rendendo gli scatti più semplici e perfetti.

 

Influenzare gli altri attraverso il potere delle immagini

In un periodo di grandi cambiamenti sociali, la ricerca ha anche rilevato che gli europei di oggi usano le immagini per esprimere idee e modellare opinioni su cause sociali come i cambiamenti climatici. In tutta Europa, il 61% delle persone ammette di pubblicare foto sui social media per spargere la voce su questioni che sono importanti per loro e sulle cause in cui credono. Oltre la metà (55%) rivela di essere arrivata al punto di cambiare idea su un importante questione sociale dopo essere stata esposta a un’immagine, mentre un ulteriore 55% ritiene che le immagini sui social media forniscano una rappresentazione più accurata dei problemi sociali in questi giorni, rispetto ad altre forme di media come TV e giornali.

 

2020 e oltre

Lo dice anche il detto famoso: un’immagine dice più di mille parole. Sembra che la condivisione delle immagini sia qui per rimanere nel 2020 e anche negli anni successivi. Lo studio ha scoperto che i giovani dai 16 ai 29 anni scattano il 16% in più di foto sui loro smartphone rispetto a quelli di età superiore ai 30 anni, suggerendo che è probabile che la prossima generazione continui a pubblicare attraverso le immagini, usando i social media per ispirare e coinvolgere il proprio pubblico. Più di un terzo degli europei (35%) si spinge fino a dire che potrebbe immaginare di comunicare solo attraverso le immagini in futuro.

 

 

Ricerca Condotta da GingerComms per conto di HONOR su 2.053 adulti del Regno Unito e 750 adulti in Francia, Germania, Spagna, Italia e Paesi Bassi tra il 14 e il 18 novembre 2019.

 

I migliori festival in UK per la birra, il vino e i liquori

Read More

La Gran Bretagna è rinomata per le sue birre artigianali, i suoi liquori raffinati e la mixology sempre all’avanguardia e la crescita della sua industria vinicola continua ad accelerare. Con la fine di “Dry January”, coloro che desiderano assaggiare degli alcolici made in Britain potranno approfittare di numerosi festival dedicati a birra, vino e alcolici per tutto il 2020, con ampie opportunità per scoprire proposte innovative e forse anche qualche nuova bevanda da assaggiare…
Great British Gin Festival

Il Great British Gin Festival continuerà il suo tour in Gran Bretagna nel 2020, portando 100 diversi gin da tutto il mondo in una serie di varie location britanniche. Con dimostrazioni di cocktail e presentazioni dei produttori del settore, le tue papille gustative avranno ghiotte occasioni di assaggiare prodotti d’alta qualità, il tutto con un sottofondo di musica dal vivo.

Quando? Date da confermare per le città di Portsmouth, Ipswich, Northamptonshire, Bristol, Hastings ed Edimburgo.
BrewLDN

Stuzzica le tue papille gustative alla The Old Truman Brewery a Brick Lane, mentre il team dietro l’enorme successo Craft Beer Rising lancia l’evento BrewLDN , riunendo oltre un centinaio dei migliori birrai artigianali e produttori di sidro. I visitatori potranno assaggiare una vasta gamma di deliziosi cibi di strada, snack e ascoltare musica dal vivo in tutti e tre i giorni dell’evento.

Quando? 27-29 febbraio

The Wine and Spirits Show

Ad aprile, The Wine and Spirits Show torna a One Whitehall Place, parte dell’iconico hotel The Royal Horseguards a Westminster. Partecipa alle masterclass sui principali marchi di vini e liquori, incontra i produttori vinicoli e scopri di più sulla fantastica storia dello Champagne. Dirigiti verso la Global Masters Zone per saperne di più sugli iscritti alle prestigiose alle competizioni Global Masters, assaggia una vasta gamma di birre provenienti da tutti i continenti nella Global Beer Tour Zone o visita la Spirits Hall, dove troverai il meglio di vodka, whisky, tequila, bourbon e altro ancora.

Quando? 24-25 aprile
The London Whisky and Spirits Weekender

Dopo aver consolidato il suo posto come uno dei principali festival dedicati al whisky, il London Whisky and Spirits Weekender amplia la sua proposta per il 2020, aggiungendo la presenza di altri tipi di spiriti e liquori. Prova una gamma dei migliori whisky scozzesi, insieme a marchi provenienti da tutti gli angoli del globo, così come una selezione di rum, brandy, gin e mescal. Ci saranno sessioni a numero chiuso al Kia Oval per assicurae ai partecipanti che le cose non diventino troppo affollate. Assaggia i migliori whisky che India, Giappone, Stati Uiti e Taiwan (tra molti altri) hanno da offrire o acquista i tuoi ” under the counter dram token” per assaggiare qualcosa di più raro ed esclusivo.

Quando? 15-17 maggio
Fyne Fest    

La celebrazione annuale della birra, del cibo e della musica nella tenuta del birrificio Fyne Ales a Cairndow, Argyll, segna il suo undicesimo anno nel 2020. Avendo vinto l’evento Beer of the Year agli Scottish Beer Awards 2018, il festival, adatto anche alle famiglie, accoglie persone di ogni età e offre molto spazio ai visitatori per montare tende o parcheggiare camper e roulotte. Fyne Fest  metterà in mostra centinaia di birre provenienti da oltre 50 birrifici del Regno Unito e due bar internazionali, oltre a una vasta gamma di sidri, cocktail, vini e liquori. Ci saranno anche tre palchi per ospitare musica dal vivo mentre una miriade di produttori locali e prepareranno delizioso cibo per tutti.

Quando? 5-8 giugno
Festival of Wine 

Nato a Glasgow nel 2002, il famoso festival dell’esperto di vini Tom Cannavan si è ampliato fino a includere ben tre città della Gran Bretagna. Il Festival of Wine offre degustazioni e masterclass nelle location del centro città con i migliori produttori di vino, rivenditori e importatori, permettendo ai visitatori di scoprire grandi vini e di imparare le storie dietro la loro produzione.

Quando? 13 giugno (Glasgow), date da confermare (Londra ed Edimburgo)

 

Sussex Gin Fest

L’acclamato Sussex Gin Fest  torna a Borde Hill Garden a luglio, celebrando i distillatori del Sussex, quelli britannici e i produttori di gin di tutto il mondo. Il tutto si svolgerà in un parco di oltre 200 acri. Accanto a dimostrazioni accattivanti e spettacoli dal vivo, potrai scoprire molti cibi internazionali per accompagnare la gamma di gin offerti.

Quando? 11 luglio
Great British Beer Festival

Organizzato dal movimento Campaign for the Real Ale (CAMRA), il Great British Beer Festival darà spazio a oltre 900 birre artigianali da tutto il mondo, metà delle quali provengono proprio dal Regno Unito. Attivo da oltre 40 anni, il festival è gestito da centinaia di volontari e vedrà la presenza anche di una serie di sidri, vini pregiati, perries e gin da oltre 30 bar. Le sessioni guidate di degustazione ti riveleranno di più sulle birre in mostra. Ogni birrificio concorre per ottenere anche per il prestigioso titolo di Champion Beer of Britain del 2020.

Quando? Date da confermare
Indy Man Beer Con

Ospitato nei gloriosi dintorni dei Victoria Baths a Manchester, Independent Manchester Beer Convention tornerà per il suo nono anno ad ottobre. Accogliendo birrifici provenienti da tutta la Gran Bretagna e una manciata di quelli provenienti da altre parti del mondo, l’evento presenta un mix eclettico di sessioni di degustazione e un villaggio gastronomico ricco di prelibatezze provenienti da tutta la regione.

Quando? 1-4 ottobre
RumFest

Con rum provenienti da tutto il mondo, RumFest torna al centro conferenze ILEC a Earls Court, Londra, nel 2020. Aspettati seminari intimi tenuti dai principali esperti del settore, una serie di deliziose degustazioni di cibo, musica dal vivo e omaggi in un’esperienza simile a un carnevale.

Quando? 16-18 ottobre
Craft Beer Calling 

Riunendo una moltitudine di birrifici artigianali sotto lo stesso tetto, la Wylam Brewery di Newcastle ospiterà Craft Beer Calling. Oltre a visitare un Gin Palace e una cantina di sidro artigianale, i visitatori potranno avere la possibilità di parlare con lo staff del birrificio per scoprire di più sulla produzione prima di dedicarsi a gustare il magnifico cibo di strada prodotto in loco.

Quando? Date da confermare
The Wine Festival 

Con centinaia di produttori di vino inglesi e alcuni di altri paesi, Winchester Guildhall ospita The Wine Festival, dove troverai degustazioni, corsi di perfezionamento, street food e merchandising. I presentatori di Masters of Wine e TV, Susie Barry e Peter Richards, saranno ospiti dell’evento, trasmettendo le loro conoscenze mentre i visitatori scoprono nuovi entusiasmanti vini

Quando? 28-29 novembre

I migliori consigli per esplorare il sud-ovest dell’Inghilterra

Read More

Il sud-ovest dell’Inghilterra è famoso per i suoi pittoreschi villaggi e le sue coste spettacolari e ospita anche alcuni dei pub più storici ed eccitanti del paese, birrerie e festival imperdibili.
TUTTI A BORDO

Unisci lo scenario unico del Devon e della Cornovaglia con alcune delle sue migliori birre, facendo una gita di un giorno sul Great Scenic Railways’ Rail Ale Trails. Con sette percorsi autonomi e auto-guidati tra cui scegliere, questi percorsi conducono i visitatori attraverso valli lussureggianti e città rurali tradizionali esplorando anche splendidi sentieri costieri. Ogni fermata include un elenco di pub raggiungibili a piedi: scendi dal treno e goditi una pinta prima di continuare verso la prossima destinazione.
IN MEZZO ALLE VITI

Se il vino è la tua bevanda preferita, organizza una visita a Quoins, un vigneto biologico a conduzione familiare nel Wiltshire, vicino alla città di Bath, patrimonio mondiale dell’UNESCO. Quoins produce quattro vini a varietà singola, che possono essere acquistati direttamente in loco. I tour sono disponibili da metà agosto. È possibile visitare il vigneto nei giorni di degustazioni aperte, che si svolgono durante tutto l’anno.

UN CONSIGLIO PER AMANTI DEL SIDRO

Con 180 acri di frutteti, Somerset Cider Brandy Company and Burrow Hill Cider produce il sidro di mele da oltre 200 anni. Nel 1989, la società iniziò a mettere da parte metà della sua produzione per produrre il brandy di sidro di mele, un liquore molto popolare 300 anni fa e che, da un po’, non era più il favorito dai bevitori inglesi. Ora sta vivendo un moderno ritorno. Passeggia nei frutteti, visita la casa del sidro e la distilleria e termina con una degustazione.

 

UNA SPLENDIDA FERMATA TRA LE VIGNE

Una fermata in cantina, con tanto di divertimento. Al Three Choirs Vineyard nel Gloucestershire, puoi pernottare in una stanza che si affaccia sulle ordinate file di viti, o addirittura in un lodge proprio nel mezzo di esse. Organizza il tuo soggiorno in occasione di uno dei loro eventi regolari come cene e degustazioni di vini e persino spettacoli d’opera.

 

PER UNA SERATA… SHAKERATA!

Crea il tuo drink personale con un tutorial per la preparazione di cocktail al The Milk Thistle, un fantastico bar di Bristol in stile speakeasy degli anni ’30 e completo di una porta d’ingresso non contrassegnata. Passa l’ingresso segreto e incontra i mixologist che ti insegneranno alcuni trucchi del mestiere.

 

SOUTH WEST SPIRITS

La Colwith Farm Distillery in Cornovaglia apre le sue porte ai visitatori e ai tour. Originariamente era una fattoria per la coltivazione delle patate creata per aiutare a nutrire la nazione durante la Seconda guerra mondiale. Qui venne prodotta la prima vodka di patate della contea, Aval Dor, nel 2014. L’anno seguente, il Gin Stafford fu creato dalla vodka e dalle erbe raccolte nella fattoria. La distilleria sta lavorando a un whisky della Cornovaglia di alta qualità.

 

48 ore a Inverness e Loch Ness

Read More

Inverness ,la “capitale delle Highlands” nel nord della Scozia, è una città viva e vibrante che ha recentemente accolto nuove attrazioni e ristoranti. Si trova anche in una posizione invidiabile vicino ad alcuni dei paesaggi più seducenti della Scozia e alla tranquilla campagna del nord della Gran Bretagna. Un viaggio a Inverness ti consentirà di godere di tutti gli elementi attraenti della vita della città vicina alla migliore natura che la Scozia ha da offrire.

Dove dormire

C’è sempre un posto perfetto dove dormire in questa parte della Scozia, sia che tu rimanga nel cuore di Inverness o sulle rive del Loch Ness. Il lago più famoso di Scozia si raggiunge facilmente in un’ora, mentre il centro di Inverness dista circa 20 minuti dall’aeroporto. Ti aspetta una bella scelta di alloggi che comprendono B&B, hotel eleganti o lussuosi lodge. Nella stessa Inverness, sulle rive alberate del fiume Ness, si trovano il boutique hotel a quattro stelle come il Glenmoriston Town House Hotel e Inverness Palace Hotel & Spa a tre stelle. A dieci minuti dalla città si trova il Kingsmills Hotel & Spa, un hotel a quattro stelle in stile contemporaneo con una straordinaria architettura del XVIII secolo. Un po’ più lontano, troverai il lussuoso Achnagairn Castle, con il suo centro benessere e ristorante, mentre vicino alla punta meridionale di Loch Ness, si trova il The Lovat Loch Nessun hotel indipendente con 30 camere da letto che combina sostenibilità con interni eleganti e una cucina raffinata con ben 3 rosette AA.
GIORNO UNO

09:00 PASSEGGIA ALLA SCOPERTA DEL PASSATO DELLA CITTÀ

Un ottimo posto per approfondire e comprendere la storia, il patrimonio e l’arte delle Highlands è l’Inverness Museum & Art Gallery. Con un programma di mostre temporanee in continua evoluzione, il museo comprende una serie di affascinanti collezioni, tra le quali troverai armi e costumi delle Highland.
11:00 ESPLORA UN PARADISO LOCALE
Gemma meravigliosa nel cuore della città, i Inverness Botanic Gardens sono meravigliosi da esplorare in qualsiasi momento dell’anno, con una grande varietà di piante che sbocciano ogni nuova stagione. Esplora le serre dove troverai le piante da deserto e foreste pluviali tropicali. Qui ti attendono centinaia di specie di cactus e una cascata circondata da orchidee e bouganville.
13:00 PRANZA DOVE SI È FATTA LA STORIA DELLA MUSICA

Fermati a mangiare un boccone al Rendezvous Café, IL bizzarro caffè del cinema vintage che è anche il sito in cui i Beatles – conosciuti allora come Silver Beetles – hanno suonato nel loro primo tour in assoluto (come band di supporto) nel 1960. Qui troverai zuppe fatte in casa, gustose baguette e generose porzioni di budino al caramello o torta al cioccolato fondente.
15:00 OSSERVA LA CITTÀ DALL’ALTO

Vicino al bar troverai una delle visite imperdibili della città: la più recente attrazione di Inverness, Castle Viewpoint. Non solo imparerai a conoscere l’affascinante passato di Inverness, ma sarai stupito quando raggiungerai la parte superiore della piattaforma panoramica con una vista in stile “bird-eye”.

 

17:00 GODITI UN COCKTAIL PRIMA DI CENA

The White House è un bar nel centro della città e dà vita a ottime creazioni. Assaggia un Breakfast Martini, realizzato con gin Rock Rose, Cointreau, con liquore ai fiori di sambuco, marmellata di arance e sciroppo di rosmarino fatto in casa – così come i classici, tutti realizzati con ingredienti freschi.
20:00 UNA CLASSICA CENA IN STILE HIGHLANDS

Assicurati di avere un buon appetito quando ti siederai alla tavola del nuovo arrivato a Inverness, Prime, che serve succose bistecche di provenienza locale e succulenti frutti di mare. Prova i suoi grandi piatti di carne cotta su carbone da condividere con più commensali o singoli piatti come il coniglio selvatico delle Highland. Termina il tutto con un classico scozzese: clootie (torta di frutta calda, cotta al vapore) servita con gelato al cranachan e miele scozzese
GIORNO DUE

07:00 SUL FIUME, ATTENDENDO L’ALBA

Dirigiti per 30 minuti fuori da Inverness per un safari in canoa al mattino presto in compagnia In Your Element. Immerso nella natura, attenderai il sorgere del sole mentre caprioli, tassi e lontre si mostrano lungo il fiume Beauly e attraverso la gola di Aigas.

OPPURE

07:00 CAMMINA ATTORNO AL FAMOSO LOCH NESS

Lo sapevi che ora si può camminare lungo tutto il perimetro del Loch Ness su di un sentiero ininterrotto? Si chiama Loch Ness 360°. Questo nuovo percorso completo, aperto nell’estate 2018, si snoda attorno all’intera circonferenza del famoso lago. Anche se non avrai il tempo di fare tutto in un giorno, puoi coprire una buona distanza in 6-7 ora. In alternativa puoi prenotare per rimanere più a lungo di 48 ore e passare qualche giorno in zona per completare il percorso.
12:00 FAI UN PICNIC CON DEI PRODOTTI LOCALI

Se opterai per la canoa mattutina, avrai sicuramente un grande appetito. Pranzo al sacco con le proposte do Corner on the Square, una deliziosa gastronomia e caffetteria che si trova nello storico villaggio di Beauly.
13:00 FAI UNA CROCIERA SUL LOCH NESS

Salpa sulle acque profonde di Loch Ness su una barca di Jacobite Cruises e ammira le gloriose foreste e glens circostanti (presta attenzione all’avvistamento di Nessie ovviamente), prima di fermarti ad esplorare Urquhart Castle, che si affaccia sul misterioso lago. Mille anni di storia ti aspettano mentre esplori le sue rovine e scopri manufatti inestimabili e mostre interattive nel centro visite.
16:00 PROVA AD AVVISARE I DELFINI

Se non avvisti Nessie, sappi che potrai avere la possibilità di avvistare magnifici delfini tursiopi! Sali a bordo di una delle barche gestite da Dolphin Spirit, che ti porterà nel Inner Moray Firth per possibili avvistamenti.
19:00 BEVI QUALCOSA IN UN LUOGO SPECIALE

Torna a Inverness per provare le ottime birre del MacGregors Bar’s. Ogni ordine è impostato in modo tale che ogni birra sia complementare a quella successiva nel suo profilo aromatico. Tutta la selezione proviene da birrifici scozzesi.
20:00 CENA IN UNA EX CHIESA

Situato all’interno di una chiesa sconsacrata, The Mustard Seed  ha conservato molte delle caratteristiche originali della chiesa e vanta un soffitto a doppia altezza e un bellissimo camino a legna. La sua terrazza all’ultimo piano è perfetta per avere una vista pittoresca sul fiume Ness. Oltre un menù à la carte, lo chef produce offre sempre una specialità del giorno, con prelibatezze del calibro di filetto di manzo scottato delle Highland servito con salsa di whisky e salsa al malto.
22:00 SALUTA LA CITTÀ CON UN PARTY

La città è piena di brillanti opzioni per ascoltare musica dal vivo e, se lo desideri, per continuare la serata dopo cena. Johnny Foxes & The Den è un pub tradizionale scozzese con musica dal vivo ogni sera e con un suo wine bar e nightclub, The Den, che offre musica dal vivo insieme a DJ e balli fino alle 3 del mattino. Il pluripremiato Hootananny è il luogo ideale dove andare per un tradizionale programma di musica folk scozzese e ceilidh settimanali (al piano superiore c’è il locale gemello Mad Hatters, specializzato in musica rock dal vivo). In alternativa, il The Market Bar ospita anche musica folk dal vivo e il Gellions Bar offre alcune dei Ceilidh più consolidati del centro di Inverness.

Come arrivare: Inverness ha il suo aeroporto internazionale; Ci sono voli diretti giornalieri da Heathrow e voli disponibili tutto l’anno da Londra Gatwick, Londra Luton, Manchester, Birmingham, Bristol e Belfast. La stazione di Inverness è raggiungibile con treni diretti e veloci da Glasgow Queen St, Edimburgo Waverley (entrambe le tre ore e mezza) e Londra Euston (11,5 ore sul servizio notturno Caledonian Sleeper, prenotabile con un anticipo di 12 mesi).

Love is in the air: fughe romantiche da fare in Gran Bretagna per San Valentino 2020

Read More

Un’occasione per coppie, sposi e giovani famiglie per dire “Ti amo” in un ambiente indimenticabile, San Valentino è un momento dell’anno che merita una romantica fuga in Gran Bretagna. Dalle grandi case immerse in rigogliosi boschi ai boutique hotel ricchi di charme, in Gran Bretagna c’è sempre qualcosa per riscaldare il cuore di ogni coppia. Ecco alcuni dei luoghi più suggestivi in ​​cui soggiornare, bere e cenare per il prossimo San Valentino.

 

Sfarzo, glam e case sugli alberi: Londra e il sud dell’Inghilterra

The Ritz, Londra

Conosciuto in tutto il mondo come il massimo della classe e della raffinatezza, un soggiorno al Ritz potrebbe essere un gesto di altissimo romanticismo per rendere unico un viaggio a Londra. Passeggia attraverso 112 anni di storia, dormi in un letto degno della famiglia reale e regala o regalati un massaggio a cinque stelle o un trattamento di bellezza. Cerchi qualcosa di più economico? Prenota un afternoon tea tradizionale in questo hotel di fama mondiale.

Prezzi: I prezzi per una stanza il 14 febbraio 2020 variano a seconda della tipologia di stanza. Consulta The Ritz per i dettagli’ Afternoon tea parte da £60. (nell’originale era 58£ ma sul sito il prezzo è aggiornato alle tariffe del 2020)
The Rosewood, Londra

Per un assaggio di design moderno e deliziosi cocktail, opta per un soggiorno al Rosewood. Oltre a riposare nel comfort moderno in una delle camere o suite contemporanee, qui potrai gustare un cocktail o due allo Scarfes Bar. Questo locale interno all’hotel è illuminato da luci romantiche e si completa con un caldo fuoco scoppiettante, poltrone di velluto avvolgenti e un’impressionante collezione di libri antichi rendere ancora più calda e accogliente la sala. Rendi speciale il tuo viaggio di San Valentino a Londra: lasciati conquistare da luoghi accoglienti dove coccolarti e goditi una vasta gamma di bevande e musica dal vivo. Il Rosewood e lo Scarfes Bar sapranno rendere speciale un viaggio di San Valentino a Londra.

Prezzi: Le stanze per il 14 febbraio 2020 variano, controlla sul sito ufficiale del Rosewood per dettagli.
Tinkers Treehouse, East Sussex

Situata a Downash Wood, al confine con l’East Sussex, la Tinkers Treehouse offre un balcone con una bella vista, una doccia a cascata e la possibilità di fare un bel falò per scaldare le notti sotto le stelle. Aggiungi a tutto questo The Bull Inn, un pub del XIII secolo, a pochi passi di distanza, e la possibilità di avvistare tassi, gufi e tanti altri animali nel bosco. Questa fuga sugli alberi ha tutti gli ingredienti necessari regalarti bellezza e tanto amore.
Prezzi: I prezzi per il 14 febbraio partono da £665 (minimo tre notti).

 

Cliveden House, Berkshire

Un tempo dimora di duchi e principi, Cliveden House è una maestosa dimora signorile di campagna trasformatasi in un hotel a cinque stelle. Immerse in oltre 350 anni di storia, le camere e le suite sono splendidamente decorate in stile regale. L’hotel offre anche camere con vasca idromassaggio, una Mansion House e un Spring Cottage separato, un’opzione più adatta alle famiglie che può ospitare fino a sei persone. Vuoi aggiungere un pizzico di romanticismo al lusso di questo luogo? Sali sulla barca e goditi un pic-nic da fare in riva al lago. Con tanto di champagne, ovviamente.

Prezzi: I prezzi delle stanze possono variare. Esiste un’offerta “tre notti al prezzo di due”, che parte da 890£. C’è anche un “pacchetto fidanzamento”, che parte da 325£ per persona.

 

Ispirazioni letterarie e romantici alloggi tra i boschi: il sud-ovest dell’Inghilterra

The Royal Crescent Hotel & Spa, Bath

Quale momento migliore di San Valentino per soggiornare presso The Royal Crescent Hotel & Spa, vicino l’ex casa di Jane Austen a Bath? Di epoca georgiana, la struttura offre un’architettura del XVIII secolo integrata da lusso moderno. Scegli tra le stravaganti suite e camere eleganti, tutte dotate di bagni in marmo, accappatoi e pantofole. Concediti un po’ di relax termale e assapora la cucina raffinata nel Dower House Restaurant, molto conosciuto per il suo tradizionale tè pomeridiano.

Prezzi: I prezzi per San Valentino variano a seconda del tipo di stanza. Consulta The Royal Crescent Hotel & Spa per dettagli. I trattamenti alla Spa partono da £30. L’Afternoon tea parte da £37.50 per persona.
Summerhouse Cottage on Tyntesfield Estate, Somerset

Nascosto in un verdeggiante bosco, questo ex capanno da caccia si trova accanto a una splendida proprietà del National Trust del XIX secolo e offre una casa estiva con angolo cottura, all’interno della sua imponente tenuta. Con accogliente spazio all’aperto privato, un tradizionale camino a carbone e l’accesso serale ai giardini formali della struttura, Summerhouse Cottage è un’incantevole delizia per San Valentino.

Prezzi: £452 per due notti nel periodo di San Valentino (14-16 febbraio 2020)

 

Ottima cucina e panorami costieri da togliere il fiato: Il Galles

The Grove, Galles

AA Hotel of the Year for Wales 2019/20, The Grove a Narbeth è il posto giusto per godere di un “caloroso benvenuto gallese”. Svegliati in una delle camere dallo stile unico, passeggia nei suoi giardini eclettici e cena in uno dei migliori ristoranti del paese, il Fernery Restaurant, con ben 2 AA Rosette. Situato vicino al Pembrokeshire Coastal National Park e ad alcune delle spiagge più belle del Galles, The Grove costituisce una base imbattibile per una romantica fuga in campagna in Galles.

Prezzo: I prezzi per soggiornare nel periodo di San Valentino variano: consulta The Grove per maggiori dettagli. Una cena di tre portate parte da 69£.

 

Poeti romantici e laghi spettacolari: Il nord dell’Inghilterra

The Wordsworth Hotel & Spa, Lake District

Il 2020 segna il 250 ° anniversario della nascita di William Wordsworth, quindi perché non rendere questo un giorno di San Valentino speciale circondandolo da poesie e romantiche atmosfere? Il The Wordsworth Hotel & Spa è un hotel che si trova a Grasmere e che si presenta con la firma del poeta sulla sua porta. Situata nel cuore del Lake District, la regione che ha ispirato molte delle più grandi opere di Wordsworth, la proprietà è una scelta popolare tra gli amanti della letteratura. E con una cucina raffinata e una spa olistica, è un ottimo posto per festeggiare questo San Valentino.

Prezzi: I prezzi per il periodo di San Valentino variano, consulta The Wordsworth Hotel & Spa per avere maggiori dettagli.

 

Glamour e cene a lume di candela: la Scozia

Prestonfield House, Edimburgo

Sei alla ricerca di una fuga romantica ricca di opulenza di fascia alta? Perché non festeggiare questo San Valentino in grande stile alla Prestonfield House a Edimburgo. Situato accanto all’Arthur’s Seat, l’ambiente dell’hotel è caratterizzato da un design di interni molto teatrale. Aspettati camere e suite arredate con colori che richiamano lo scintillio dei gioielli, tessuti pregiati e grandi mobili antichi. Qui potrai trovare un prato da croquet, un campo da golf a 18 buche e una pista per l’elicottero.

Gli innamorati con un budget limitato possono trovare un’atmosfera unica nel ristorante Rhubarb . Progettata dal creatore di The Witchery by the Castle, questa struttura affascinante offre una raffinata cucina scozzese realizzata con prodotti di provenienza locale, in un ambiente illuminato a lume di candela, perfetto per San Valentino.

Sette attività alcool-free per vivere un vero Dry January a Londra

Read More

Con una grande quantità di flute di champagne tintinnanti, cocktail fantasiosi e birra artigianale, la vivace scena delle feste di Londra ha qualcosa da offrire a tutti, ma ci sono anche esperienze totalmente senza alcool, ottime opzioni per chi vuole attuare un po’ di detox e vivere alla grande il Dry January in stile britannico. Dal brunch con drag queen glamour allo yoga in discoteca, queste serate o giornate piene di divertimento offrono situazioni vivaci e deliziose opzioni analcoliche per eliminare qualsiasi FOMO – acronimo inglese per fear of missing out – per i visitatori che saranno a Londra nel mese di gennaio.

Drag Brunch

A due passi dall’Oxford Circus di Londra, il Loop Bar offre ai visitatori un pomeriggio di drink, balli e drag queen al Drag Brunch. A partire da mezzogiorno, gli ospiti saranno accolti con una scelta di cocktail e mocktail, prima di concedersi pizza e bevande senza limiti, accompagnati da 90 minuti di intrattenimento da alcuni dei migliori spettacoli teatrali del Regno Unito.

Il brunch si tiene ogni sabato e offre alcune fantastiche opzioni analcoliche, tra cui virgin mojito, gin analcolici e birra tonica e analcolica.

Prezzo: £35 per persona

Disco Yoga

Ottimo per l’anima e per il corpo, il Disco Yoga è un evento seguito da cocktail di frutta e un brunch di tre portate, perfetto per il Dry January. Combinando la natura edificante di una lezione di yoga con la presenza di un DJ dal vivo pronto a far girare musica ad alta energia, questa attività lascerà i visitatori rivitalizzati e coperti di glitter. Bevande come It’s Raining Melon Hallelujah, Blame it on The Blueberry e The Disco Inferno sono solo alcune delle deliziose proposte in offerta. I visitatori potranno lasciarsi viziare da questo brunch Disco Yoga coperto di glitter al Boulevard Theatre, Soho.

Prezzo: £40 per un’ora di disco yoga per persona, mocktail/cocktail e brunch, 11 gennaio alle 10.15.

 

Lezioni di Cocktail Making

I visitatori che amano le proposte in stile Dry January potranno sicuramente dare sfogo al loro barista interiore con una lezione di cocktail o mocktail. Tenute in una stanza appositamente progettata a Shoreditch, le lezioni completamente interattive si svolgono sotto la guida di esperti mixologist, consentendo ai visitatori di creare e assaggiare quattro proposte innovative. Gli studenti dell’arte del mocktail saranno quindi coinvolti in una competizione a livello di classe, in cui far fluire la propria creatività combinando i diversi sapori per produrre il loro mocktail esclusivo.

Prezzo: le lezioni si tengono ogni venerdì e sabato. Il prezzo è £70 per persona. L’accesso Massimo è di 4-5 persone per lezione.

 

 

The Book Club

Con un flusso costante di fantastici eventi serali pronti per essere accompagnati da gustosi mocktail, The Book Club  a Shoreditch si rivolge sia ai bevitori che ai non bevitori. Offrendo ai visitatori un proprio menu di bevande detox, il menù “Lo & No” di The Book Club include Nojitos, Sage-in e The Lous svedesi, mescolando sapori ben bilanciati con uno “spirito” analcolico chiamato Seedlip. I visitatori potranno anche ballare tutta la notte in uno degli eccentrici eventi after-dark, tra cui una serata pop anni ’90, una sessione di ascolto in vinile e uno speciale hip-hop. Ci sarà spazio anche per la creatività con un heads and bodies drawing party.

Price: I mocktails costano £6-6.50.
Sherlock Official Live Experience

I visitatori potranno mettersi nei panni del detective di fama mondiale, Sherlock Holmes, nel nuovo Sherlock Official Live Experience, un nuovo escape game davvero coinvolgente. A partire da un ottico ignaro, i vari passaggi guidano i giocatori attraverso sale e ambienti ricreati appositamente, mentre viene risolto un mistero in perfetto stile Sherlock. Una collaborazione tra gli autori della serie, Steven Moffat e Mark Gatiss e Time Run, con pionieri della scena delle escape room, questa esperienza di cento minuti spingerà i visitatori ai loro limiti nella risoluzione dei problemi. In linea con il tema di Sherlock, i visitatori potranno concludere la serata al The Mind Palace, un cocktail bar in stile semplice nei pressi della escape. Il personale del bar sarà in grado di creare molti cocktail su richiesta, incluso un Negroni analcolico, rendendo questo luogo post-mistero ottimo per anche per i non bevitori.

Prezzo: La Sherlock experience è adatta a gruppi da 4-6 people, costa £32 per persona, £30 per chi ha diritto al biglietto ridotto.
Vortex Jazz Club

Portando un po’ del jazz migliore e più sperimentale nella capitale, il Vortex Jazz Club di Dalston consente ai visitatori in pieno spirito detox di immergersi nella magia del jazz dal vivo, sorseggiando una vasta gamma cose buone tra cui birra analcolica prodotta da BrewDog. Un’occasione per ascoltare i molti gruppi e cantanti jazz di Londra ogni sera durante la settimana, The Vortex organizza anche un evento ‘Late Night’” il primo venerdì del mese. In cartellone troverai grande musica ispirata al genere, dai classici del jazz alla fusion e ai suoni sperimentali.

Prezzo: l’entrata cambia a seconda del concerto, così come gli eventi Late Night: gli eventi JazzInc costano £6 per persona, £5 per i biglietti ridotti.
Brunch to the Beat

Per mangiare, bere e divertirsi sarà all’ordine del giorno all’evento The Piano Works del Brunch to the Beat di Farringdon. I non bevitori potranno concedersi cocktail (analcolici) senza limiti e una vasta gamma di piatti per il brunch, mentre si ascolta la musica dal vivo in sottofondo. L’evento si tiene ogni sabato fino alle 16:00, il flusso infinito di bevande culmina con l’esibizione di una band, che sale sul palco dopo le 13:30 e suona un set interamente a richiesta.

Prezzo: £50 a persona per il Brunch Dining, che include un menu di due portate, and £35 per il Brunch Drinking. Il Prezzo scende a £25 per chi acquista in anticipo.

Viaggio alla scoperta del magnifico Barocco di Dientzenhofer

Read More

Nel XVII secolo la passione per lo sfarzo contagiò l’intero territorio ceco, oggi sconfinato museo sotto il cielo di uno stile ispirato ai grandi architetti e artisti italiani, ma reinterpretato in modo unico. Soprattutto da Killian Ignaz Dientzenhofer, “archistar” dell’epoca, che lasciò in eredità alla Cechia ben 200 edifici d’autore.

Si parla tanto di scuola italiana all’estero, quando ad andare in scena è il Barocco. Se c’è però un caso in cui l’interpretazione autoctona ha avuto il sopravvento è sicuramente quello del Barocco boemo, assurto a puro splendore grazie all’apporto e al talento degli artisti locali. Che, riadattando materiali e motivi, alimentarono una corrente unica, capace di tirare a lustro un’intera nazione, ridisegnandone il volto ma anche l’anima. Tra questi maestri, spicca l’architetto Killian Ignaz Dientzenhofer, di stirpe tedesca ma nato -330 anni fa- a Praga e riconosciuto come genio ceco del XVII secolo.

Di generazione in generazione
Alle origini del barocco boemo c’è proprio la famiglia Dientzenhofer, originaria dell’Alta Baviera (Germania). Padre, figli e nipoti furono tutti mastri artigiani e architetti. Praticamente un team completo, in grado di progettare, costruire, decorare opere d’arte dall’inizio alla fine. La loro opera cominciò a essere richiesta anche oltreconfine, a cominciare proprio da Praga e dintorni. Nato nella capitale ceca il 1° settembre 1689, Kilian Ignac Dientzenhofer era il quinto figlio del costruttore Krystof Dientzenhofer. Studiò filosofia e matematica al ginnasio di Mala Strana. Successivamente, studiò edilizia con il padre, che in seguito gli concesse un viaggio di studio all’estero di addirittura otto anni, in Europa. Fu allora che ebbe l‘occasione di ammirare gli edifici dei grandi maestri del barocco: a Vienna, Venezia, Milano, Firenze, Roma e Napoli. Nel 1715 fece rientro a Praga, dove cominciò a collaborare con il padre a una serie di progetti per poi arrivare a completare in autonomia diversi edifici. Sposato due volte e padre di ben diciotto figli, negli ultimi anni di vita collaborò con il genero Anselmo Lurago. Fu proprio lui a prendersi carico del completamento degli edifici del suocero, quando questo morì, il 12 dicembre 1751.
Un talento „mistico“
Nella capitale, l’edificio più famoso di Kilian Ignac Dientzenhofer è la Chiesa di San Nicola a Mala Strana, frutto di un progetto lunghissimo e impegnativo. Iniziò a lavorarci durante l‘apprendistato, quando la chiesa era l’edificio principale del padre, e ci si dedicò anche più tardi, dopo gli anni trascorsi in viaggio. Si tratta di uno degli edifici barocchi più importanti d’Europa e certamente il più bello del barocco ceco. La sua cupola imponente e la torre snella sono tratti distintivi del panorama del Castello di Praga. Particolarmente suggestiva la salita al campanile, che offre una vista meravigliosa sui tetti rossi di Praga e sulle anse della Moldava. Una curiosità: l’organo di San Nicola fu suonato anche da Wolfgang Amadeus Mozart. In città, comunque, sono numerosi gli edifici religiosi a firma di Kilian Ignac. Tra i tanti, la Chiesa di San Giovanni Nepomuceno nell’Abbazia delle Orsoline, la sua prima opera indipendente, la Chiesa di San Nicola nella piazza della Città Vecchia, la Chiesa di nostra Signora a Bila Hora e la Chiesa di Santa Margherita nell’Abbazia di Brevnov. Accanto a queste, anche opere civili come Villa Amerika, Palazzo Sylva-Taroucca e Palazzo Kinsky.

Non solo Praga
Dientzenhofer ebbe modo di specializzarsi nelle architetture religiose e non solo nella capitale. L’ordine benedettino nel corso degli anni gli affidò infatti diverse opere monumentali. E così anche altri ordini religiosi. Si occupò, tra gli altri, della ricostruzione in toto del Monastero di Broumov, in Boemia orientale, e di altri lavori nel vicino Monastero di Police nad Metuji. Sempre nei dintorni di Broumov, cominciò poi a costruire ex novo o ristrutturare chiese nei villaggi: a Bozanov, Hermankovice, Viznov, Janovicky e nei borghi circostanti. Ogni chiesa è diversa: si dice che Kilian Ignac non si sia mai ripetuto e non abbia replicato i vecchi modelli collaudati. Ogni chiesa ha una pianta leggermente diversa, a stella o a croce greca. A Prestice, una piccola città vicino a Pilsen, in Boemia occidentale, la soluzione architettonica della chiesa, la sua decorazione artistica interna e la sua posizione ne fanno uno dei principali monumenti barocchi cechi al di fuori di Praga. Poco lontano, ecco il villaggio di Plasy, con l’ex monastero cistercense. Alla costruzione si alternarono diversi architetti e a completarlo fu proprio Dientzenhofer, che gli conferì l’aspetto finale. Tra le particolarità, il fatto che l’intero edificio sorge su un terreno paludoso, sorretto da secoli da palafitte di querce il cui equilibrio è garantito da una piscina barocca che non deve mai prosciugarsi. Sempre in Boemia occidentale, altra grande opera di Dientznehofer è il Monastero di Kladruby, favoloso complesso tardobarocco che abbraccia anche l’originale basilica di Jan Santini Aichl, altro genio dell’epoca. A Kutna Hora, in Boemia centrale, Dientzenhofer creò un altro gioiello: un monastero con chiesa per l’ordine delle Orsoline. Oggi, il complesso funge da ginnasio episcopale. Restando in Boemia centrale, le sue orme conducono infine a Sazava, in uno dei più antichi complessi religiosi della Repubblica Ceca. A Dientzenhofer fu affidata la ricostruzione del convento dell’ex monastero benedettino.

Un tocco bucolico
Tra le particolarità dell’opera grandiosa di Dientznenhofer, il fatto di includere, accanto a palazzi ed edifici religiosi dai ridondanti decori, anche architetture rurali. Tanto da fare scuola… Fino al XIX secolo, infatti, gli artisti popolari di campagna trasferiranno nelle proprie opere gli elementi più importanti dei lavori di Dientzenhofer, dando vita al barocco rurale, peculiarità ceca di cui è emblema assoluto il villaggio di Holasovice, in Boemia meridionale, iscritto nella Lista dell’Unesco.