Maratona di New York.

Qulla roba lì che si corre oggi, con l’onnipresente telecronaca del funambolico Bragagna, sarebbe il mio obiettivo al compimento dei 30 anni e mezzo.

Arrivare in fondo in tutti i modi….

Io, il cemento, la fatica, la disidratazione, l’accumulo di ioni idrogeno nel tessuto muscolare… Marò.

Boh, penso che si debba vivere di obiettivi. Io senza non riesco ad andare avanti, sennò tendo ad annoiarmi…

[[on air: Dalida – Bang bang]


0 thoughts on “Maratona di New York.”

  1. Non e’ mai troppo tardi^_-
    Un vecchio amico di mio padre,ha corso la maratona nei senior alla gloriosa eta’ di 82 anni (arrivando in fondo!).Per lui era una questione di principio,erano anni che partecipava e ha continuato a farlo fino a che ha potuto :)
    JunoLoire

  2. John: da qui alla mia laurea Bragagna commenta ancora? Se sì mi metto anche un cartellone in testa con scritto “Bragagna sei figo”.

    Shinysushi: beh, a Parma non ho sputato i polmoni… di qui a dieci anni, ce la faro… (no?)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.