Guido Rossi pensaci tu.

Premessa extra: porca di quella troia. Erano anni che mi sentivo dire "gné gné gné i capelli lunghi son più femminili". Io li ho tagliati a 13 anni, ci ho ancora le foto della cresima coi capelli lunghi sino al didietro. Poi a settembre, dopo le prime docce causa sigiocavaacalcio decisi di tagliarli, prima sino al collo poi molto più corti. Non riesco più a pensare a farli crescere. Quindi ringrazio i Fati che finalmente si ha una missitalia col capello corto e pocopoco più bassa di me. Ecco. Son cose.

Ma parliamo di noi.
Come al solito sono arrivata dietro. In vita mia ho vinto solo alcune cose: alcune gare juniores di sci, una promozione di serie con la mia squadra di calcio, i biglietti per il concerto di Francesco Renga.

Citando lui: "Ho una sfiga che anche un tronista si commuoverebbe sentendo le mie sfighe"

Infatti mica potevo vincerla, la categoria miglior blog umoristico. E facendo emergere il mio interismo della mia vita, in pura antitesi col tifo calcistico, sono arrivata terza.
Anzi, sono arrivata al posto numero trAè.
Non è una vittoria, ma siccome ero nel girone di ferro direi che veramente ho vinto la medaglia di bronzo. Perché, a me, chi mi conosce. E quelli che mi conoscono si fermano alla meravigliosità del titolo.
Approposito, io vorrei un simpatico disegno per l’header dello sglaps. Un grissino e un tonno. Indiciamo un concorso.
Ora attendo che Guido Rossi retroceda Personalitaconfusa, tolga 30 punti a Setteincondotta e mi dia la vittoria.

Ma la cosa brutta è fare i ringraziamenti. Iddiobeato, senti il tuo cervello atrofizzare e regredire o alla velinaggine o a… mmm, ecco, ieri ero ridotta come i cari vecchi ciclisti eroici di "Ciao Mamma sono arrivato 1" sporchi di terra e stanchi come bestie da soma.

Non so, poi pensavo a Dini che diceva che il mio sglaps è bello seppure discontinuo.
Non so se è la discontinuità alla Ibrahimovic [genio e inutilità, che però tanto mi garba] oppure… ‘petta, momento… ma io non ci ho il blog umoristico. Perdio, io le cose come le racconto qui le racconto a mia mamma, e ho sviluppato a raccontarle così perché, insomma, almeno mi convinco che è tutto ganzo.

Beh, alla fine i ringraziamenti, vediamo se esco dalla forma mentis del ciclista.
Annina, che è l’arteficie di ogni cazzatella faccio perché ci piace divertirci, tevojobbene, ecco.
Wally West, che da impedito softwareleso ha fatto votare tutti.
Lo zoccolo duro carampano e la chat di #radionation, con cui abbiamo un bel rapporto, penso. Tranne Smeerch, che pensa che lo odio, ma piuttosto è lui che mi schifa.
Il newsgroup it.sport.calcio.juventus, e soprattutto il gruppo carbonaro. Una famiglia aggiuntiva.
Grazie anche a quelli che volevano votare fuori tempo utile, lo so, il sistema di votazione faceva cagare.
Ora basta che mi commuovo, e già ci ho avuto la febbre e abbondo di catarro.

0 thoughts on “Guido Rossi pensaci tu.”

  1. La categoria blog umoristico è antipatica. Perché non è che uno sta lì a farti ridere tutto il santo giorno… come Woody Allen: fa un film serio, introspettivo (Interiors, Settembre) e la critica addosso perché “non fa ridere” (ehm, si parla di qualche secolo fa).

    La categoria giusta poteva essere “blog personale”, ma in questa categoria quale criterio usi per sapere se un blog è meglio di un altro? Se ti fa più ridere, riflettere, interessare? Se riesce a fare bene tutte queste cose insieme? Se è più “costante”?

    (sinceramente a me questa di essere costante – o “non discontinuo” – sa di trappola… se vuoi essere costante lo fai con i capitoli di un libro, in un blog te ne dovresti relativamente sbattere; che poi è vero che se ne sbatte anche qualcuno che scrive libri, e li vende pure)

    In realtà un giudizio su di un blog personale implica in modo molto più stringente un giudizio sulla persona-blogger… è rischioso o_O

  2. Filo: prrr

    Stm: cavolo che bel commento. Sai che c’è, forse più che humor si dovrebbe parlare di ironia. Io ho sempre ammirato l’ironia, da Allen a Vianello. Non so, mi viene spontanea (mi autodiverto da sola, l’ho detto)

    Cmq sì, c’ha di trappola :)

  3. oh franna, ma noi qui ti si vole bene e si fa di tutto per farti felice. fosse anche il terzo posto da ai macchianera blogawards o come cazzo se chiamavano.

  4. Mah, io ho tenuto i capelli a lunghezze diverse nella mia vita. Pochi anni fa cortissimi a spazzola. Adesso lunghi fino alle spalle coi boccoloni ottocenteschi. Sabato vado dalla parrucchiera. Ti saprò dire. Mi spiace non hai vinto … :-(

  5. Con avversari del genere e nella categoria sbagliata è un po’ come riuscire a vendere milioni di automobili anche se le hai prodotte con le ruote quadrate, altroché o_O

    (giusto Fran, ironia ;) )

Rispondi