Avere un grosso vittimismo e un grosso problema di comunicazione.

Una settimana buona fa chiamammo la sede di via dell’Umiltà. Anzi, ora è una settimana che non chiamiamo via dell’Umiltà. Quasi mi verrebbe voglia di farlo adesso, però questo è un po’ un orario che secondo me non risponde nessuno.

Una settimana fa c’erano le elezioni quelle europee, mica come ora che ci sono i referendum e non fregano nessuno. C’erano le europee, i nostri rappresentanti, eh. Poi non sappiamo a che cazzo serva il parlamento europeo: per quello che han fatto trapelare nei primi giorni è un po’ come una sorta di blogbabel di quando funzionava. Ossia che partito ce l’ha più lungo, sì da mettere il topolanek sbandierante all’aria dicendo che uno ce l’ha duro. Sembra, eh.
Fatto è che abbiamo fatto sta trionfante diretta elettorale. Cinque ore. Lunghe. Con dei fuori onda dove la sottoscritta rideva per similpanico. O per altre cose. Abbiamo avuto un po’ tutti tranne che esponenti de la Destra e del Partito comunista dei lavoratori.
Ad esempio ci ha risposto anche la Lega, e Salvini. Salvini una settimana fa era su Radionation1 a commentare il voto alle due di notte e oggi invece era a portaaporta per parlare di Silvio e il fattore d’abbronzatura. Cioè, gli abbiam portato anche bene.

Poi certo, un po’ ti viene la ridarola scema quando la Lega ti mette come musica d’attesa il Va Pensiero. Anche perché prima da Via dell’Umiltà ci aveva cortesemente congedato: chiedendoci se fossimo – il suo ufficio stampa, che ci ha risposto dopo minuti d’attesa- una radio nazionale o meno prima ci ha detto di attendere in linea. Poi ci ha congedati dicendo che no, erano tutti di sopra.
Certo, che col papigate il sintagma tutti-di-sopra ci ha aperto nuovi scenari. Ti credo che dopo sentendo il va-ti-posa-sui-clivi-sui-colli inizi a ridere.
Poi abbiam provato a richiamare. Ormai ci avevano sgamato, presumo. Però ci siamo presentati alla centralinista come gente (ehi! abbiam cambiato la voce sempre) di RPR RadioParma. Ci ha passato l’ufficio stampa che ha detto "non può venire nessuno, sono di sopra con le televisioni".
Alla fine ci ha provato la sottoscritta, dicendo che era di Radio Svizzera Italiana. La centralinista "sono tutti di sopra" e mi ha attaccato in faccia prima che le chiedessi quando allora potessi trovare qualcuno con cui scambiare dei pareri, anche sul judo o sul pilates, non so.
Vi pare sia il modo per trattare noi parmigiani e noi svizzeri? In fin dei conti Radionation venne congedata meglio.

Che un po’, presentarsi ai piccoli media in questo modo, è come fare un grosso casino e incolpare gli altri facendo poi la vittima mostrandosi nello stesso posto ove gli altri stanno.
[e poi pensavo, prima, bene o male il poeta che faceva arringhe e adunate sotto il fascismo, sebbene lui fascio non fosse ma molto paraculo, era D’Annunzio. Ora invece c’è Bondi. Cioè. L’altro per dirvi, pur di trombare cascava dalle finestre eh. E Bondi.]
Ci hanno un lider che si mostra ovunque, anche alla sagra della ceramica e non hanno uno stagista di merda che può rispondere. Mah.
Un momento, Noemi non era una stagista?

[chiamiamo la sede della PdL durante la diretta dei Radioincontri, vero?]


0 thoughts on “Avere un grosso vittimismo e un grosso problema di comunicazione.”

  1. certo che sì.

    ah, e se volete, essendo ora skype e cuffiadotato, posso darvi qualche voce dal cuore duro della padania settentrionale :)

    la verità è che i grandi partiti non cagano i piccoli media: dovevate paracularvi con qualche maggiorente locale. a me una volta – eran bei dì – un pinocchietto di qui mi ha messo in contatto nientepopodimenoché con vincenzo vita, pds, augusto relatore della legge sulle tv. ma era il pds, secoli fa: non so nemmeno se poi vita si sia riciclato in qualchemmodo. era per dire

  2. la soluzione sarebbe mettere le elezioni durante la settimana e non nel weekend quando tutti vanno al mare/matrimoni/cresime & co.

    se poi aggiungessero anche un mini rinfresco x chi vota (tipo la cioccolata e il succo x i donatori di sangue) sarebbe il massimo di quorum

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.