Quando i campioni di poker giocano un ruolo attivo nella rinascita della musica indie a Las Vegas

Quando campioni di poker giocano un ruolo attivo nella rinascita della musica indie Las VegasLas Vegas è stato definita come non solo come il più grande parco giochi d’azzardo del mondo, ma anche la Mecca dell’intrattenimento del pianeta. E fedele a questo titolo, la Strip negli ultimi anni ha alimentato un settore di nicchia dello spettacolo e anche una scena musicale indie piuttosto vivida. E mentre una comunità solidale di musica e stampa locale hanno giocato i loro rispettivi ruoli nel dare a questi artisti di Las Vegas la loro quota di riflettori, anche gli ospiti abituali della città dal circuito di poker hanno anche fatto si che la scena musicale indie qui avesse una storia di successo nazionale.

L’ascesa della musica indie a Las Vegas è attribuita alla riapertura del Fremont East district nel 2006, che ha aperto la strada a nuovi bar e club così che alla fine è diventato un trampolino di lancio per le carriere di molti geni musicali di Las Vegas. Durante questa prima ondata di rivitalizzazione indie, bands come Black Camaro, The Big Friendly Corporation, e la Halloween Town si sono affermati nella scena musicale locale, creandosi una forte fanbase che si diffuse ben presto in altre parti d’America. Un’altra ondata di nuove band indie è diventata nota 5 anni più tardi, e comprende gruppi come Bear with Me, Restless Suns, e Zach Ryan e i Renegades. La città ben presto ha ospitato la prima volta un festival di musica indie chiamato “Neon Reverb”, con artisti nazionali e locali, gruppi della scena indie, hip-hop e punk rock. Il festival ha avuto poi uno spin-off su radiofonico, creato dal bassista dei The Killers Mark Stoermer.

Perché hip hop e rock hanno scatenato una rinascita della musica indie a Las Vegas, i high-rolling card sharks, ossia i giocatori di poker di una certa caratura, ora hanno più motivi per amare la città che è diventata la loro seconda casa. Giocatori di poker professionisti si trovano spesso attratti dal rock elettronico e hip hop, e sono alla ricerca di modi per rilassarsi prima delle guerre mentali estenuanti che si svolgono ai tavoli da gioco. Il campione 2004 del the Green Eric Arreca, il vincitore del 2011 Caesars Palace Classic  Huy Nguyen, e il finalista del2013 del GDpoker World Poker Tour Borgata Winter Poker Open Norman Michalek, sono solo alcuni dei giocatori di poker più importanti che sono già trovato conforto e sollievo nel ritmo offerto dalla EDM e hip hop.

La cosa più interessante è però, che alcuni professionisti di poker sono passati nella scena indie di Las Vegas, come la WSOP regolare Vanessa Rousso. Cresciuto con la musica classica, Vanessa è rapidamente ascesa nella scena musicale indie unendo le forze la dj resident di Las Vegas Lisa Pittman. Ha lanciato la sua carriera musicale electro come “Lady Maverick”, ed è diventata ben presto un appuntamento fisso nei club intorno alla città, anche facendo uscire un album omonimo delle sue composizioni e remix.

In molti modi, Las Vegas è come un melting pot per chi è musicalmente incline, in modo da farli convergere e mostrare il loro talento al mondo. Artisti di musica indie e campioni di poker non fanno eccezione, e con la loro partecipazione attiva nella scena musicale locale, il marchio Las Vegas  come città di musica indie sembra un binomio di sicuro successo.


Rispondi