Boh.

Sai quando passi quei periodi e hai quel migliaio di cose da fare e da spiegare?
Ecco quelli.
Peccato durino anni. A riprese ma anni.
Troppe cose che vorresti fare e troppe che dovresti fare. Un infame equilibrio che non riesci a pareggiare.
Intanto nel vorticoso giro di sms che riesci a scambiare, ringraziando le promozioni, alcuni ti emozionano, altri ti servono, altri non sai se lanciare il telefono o no.
 
Per dire:
"ho mangiato casa farmaceutica maiale prosciutto di cinta senese, crostini olio nuovo, pappa al pomodoro"
"ah, buono. Non mangio il prosciutto di cinta… mmm, l’ho mangiato?"
"maiale nero con zampe anteriori bianche e bianco anche anche il dorso sopra le due zampe anteriori per cui una cintura bianca. di forme quasi quadrate rpima in toscana era la razza per eccelenza ma abbndonata perche troppo grassa furono preferite le razze inglesi piu magre. Ora viene allevata allo stato brado maiale di indole buona per niente sul selvatico. Da domani si ricomincia solito tran tran"
Che gli rispondo? Ah, si. Da come capite dalla prosa non dissimile alla mia l’autore del primo e terzo messaggio è papà. Lancio il samsung?
Lo ammetto. Altri sms sono meglio. E possono anche migliorare. Forse.

0 thoughts on “Boh.”

Rispondi