Comparazione tra guide turistiche: uno, Parigi.

Poi ci scrivo un post. Sembrano pressoché uguali, codesti due libri, ed entrambe promettono un po’ la stessa cosa. L’insolito. E il turista che bazzica un po’ sempre per piacere o per autolesionismo la stessa zona alla fine cerchi di differenziare un po’. Perché, diciamocelo, quando a Parigi già hai visto la Torre Eiffel due volte o anche già il Moulin Rouge una volta, può anche bastare, nella vita.
Poi uno dice vabbè, ognuno ci ha i suoi gusti. Io ad esempio al Louvre ci ritornerei, ma non credo che qualcuno mi riaccompagni e pazienti star lì un giorno intero. Ma io son un topo da museo, ne son conscia.
Allora uno, che poi sarei io, gli viene da comprare delle guide, diverse dalle solite che ti propongono le solite cose trite e ritrite. Perché quando conosci un posto e la tua memoria fotografica lo mappa anche tombino per tombino tipo street view della grande G, insomma, ecco, c’è da sapere qualcosa in più. Poi è bello andare in giro e vedere anche le cose strane, o bullarsene. In fin dei conti il turismo è questo, la cultura è un’altra roba.

Per questo ho comprato ‘ste guide qui sopra.
Con somma soddisfazione la guida Parigi insolita e segreta ha tutto quello che io concepisco in una guida: divisione in arrondissement, piantina coi numeretti, spiegazione con foto della roba. Qualche errore di traduzione francofono, ma sepo’sopportà.
L’altra evidenzia soltanto il meno ovvio. E’ solo divisa per arrondissement, ma neanche così bene, perché per stamparla han messo tutte le cose una dietro l’altra senza evidenziarle più di tanto. Tipo come se io l’avessi scritta su word, per dire. Non c’è nulla di particolare, ma anzi c’è quella noiosa tendenza italiana a metterti hotel e ristoranti consigliati.

Ah, sì, dimendicavo. Quella a sinistra credo che in Italia non si trovi più.


0 thoughts on “Comparazione tra guide turistiche: uno, Parigi.”

  1. ma i tre librucci di augias su londra, parigi e new york? non sono proprio guide guide ma sono molto piacevoli.

    io sono una fedelissima della guide routard che finora non mi ha mai deluso!

    Nicole

  2. Ehi, ma io a Parigi ci son stato un sacco di volte, e non ho mai visto Moulin Rouge, mai entrato al Louvre e mai salito sulla Tour Eiffel. In compenso ho speso molti soldi a Crocodisc…

Rispondi