Schadenfreude.

Io capisco che sono cose anche così di moda, che voi andate là da Zara e da H&M e prendete su quel che capita. Lo farei anche io se avessi delle esigenze. Cioè andrei lì e prenderei su quelle cose brutte che la moda cerca di farti indossare. Io invece compro quello che mi piace soltanto, e a volte significa solo un capo all’anno. Ma fortunatamente e non so come mai, mah saranno i lavaggi, la roba mi dura, e quindi se non ingrasso come un maiale posso dire che mi vanno sempre le cose degli anni precedenti.
Tipo questi pantaloni che ho su sono neri e li ho uhm, credo dalla terza liceo.
[l’anno scorso non mi andavano, però]

Io vi capisco, vi trovate senza nulla e andate a comprare tutte le cose nere e marroni disponibili. Perché neppure fossimo non so, in Africa equatoriale, nel nostro mondo va il bianco d’estate e il nero d’inverno. Però abbiamo i condizionatori e il termosifone. Non è come la cosa della tenda nerazzurra e le zanzare.

Però, cortesemente, cazzo, non so, mettetevi delle lucine sul fondoschiena quando andate in bici. O quando attraversate la strada. Perché siete tutti neri, tutti intabarrati, e io non vedo un cazzo. Almeno le scarpe, non so. Almeno un triang… uhm, no, quello no. Una cosa catarifrangente. Perché per voi è come se per me in auto guidassi a fari spenti nella notte per vedere se è così facile fare un frontale.

Poi vi lamentate se il mio parco giacconi invernali è rosso catarifrangente e azzurro catarifrangente.
E vi lamentate degli azzoppamenti.


0 thoughts on “Schadenfreude.”

  1. Applausi a scena aperta!!!

    A volte questi tizi vestiti di nero li schivo per un pelo, poi mi viene voglia di tornare indietro e percuoterli violentemente :)

  2. Vanno bene anche le scarpe blu puffo coi catarifrangenti?
    E i guanti monopola verde fosfo tipo Kermit(quelli scuri ero stufa di perderne/farmene fregare 3 paia a stagione)?

    Lilith

Rispondi