Rotatorie.

Diciamolo, l’utonto medio italico non capisce una beata fava nell’affrontare una rotatoria.
Io non riesco a pronunciarla, sembro Tremonti quando pronuncia la parola Euro. Ma non procediamo in divagazioni.
 
Cari amici provvisti di un veicolo a motore, esistono tre tipi di rotatorie.
a) Rotatoria all’Italiana. Sebbene il nome suggerirebbe un uso aumma-aumma della rotatoria sappiate che con il termine si indica quella rotatoria che prevede si dia sempre la precedenza a chi viene a destra, come ai normali crocevia.
b) Rotatoria alla francese. In Francia ti mettono un "dare precedenza" grosso come l’altare della patria (o nel caso transalpino grosso come il palazzo del Trocadero) con scritto sotto "vous n’avais pas la priorité". Quindi ha la precedenza chi è già in rotatoria.
c) Rotatoria mista. Perchè in Italia siamo fantasiosi e non ci facciamo mancare nulla. Potremmo chiamarla anche rotonda del Frejus o rotonda alla Ventimiglia-Nizza.
 
Nell’indecisione nel capire se l’automobilista ogni volta si trovi nel caso a, b o c l’automobilista adotta il criterio a sboccia: ogni qualvolta che si appropinqua ad affrontare una rotatoria si comporta come si fa tutt’ora in alcune parti d’Italia alla vista del semaforo rosso. Avanza timidamente di pochi centimetri alla volta, armeggiando più di frizione che di acceleraratore, fintantochè non si trova al centro della rotatoria abbracciato al platano secolare infisso in mezzo ad essa.
 
Capitemi però, finchè, come a Viterbo, esistono 4 rotatorie in tutta la città si può digerire il tutto. A Chianciano ce ne sono mmm… due? Ecco…
A Parma la cura Vignali ha fatto moltiplicare le rotatorie un po’ come le cimici sui convogli trenitalia.
A fine settembre se ne contavano sessantacinque. Mica cavoli, 65. E altre cinque sono di prossima costruzione.
Dappertutto in pratica. Temo che anche il piacente assessore (che ho sempre visto in bici, ecco perchè… mica le affronta lui con la figosa Punto le rotatorie) ne abbia fatta costruire una nel corridoio di casa sua per smistare il traffico tra bagno, soggiorno e camera da letto.
 
L’utilissima rotatoria.
Utile se qualcuno ci sapesse andare.
Sarebbero comode anche se fossero utilizzate fuori centro urbano (perchè affrontare una rotatoria dove prima non c’era… suvvia, le vedo le persone che si rodono perchè fino all’anno prima c’era il semaforo ed era meglio, secondo loro).
 
Secondo studi francesi la rotatoria l’è utile per:
– la diminuzione delle velocità: non puoi affrontare con l’acceleratore a tavoletta una rotatoria dove ti attraversano i pedoni, hai le bici e i motorini a lato e un cretino che pensa di fare prima di te ad immettersi a sinistra che ti stringe la strada.
– La pianificazione dello spazio: beh, figo. Ti fai delle aiuole in mezzo che sono opere d’arte e per di più colleghi una autostrada a una strada della grandezza di un budello.
– La capacità: è superiore a quella di un incrocio ordinario ed è inferiore a quella degli incroci regolati da gruppi semaforici. Ma ci si imbottiglia sempre e non si sa il perchè.
– Il funzionamento: a parte la manutenzione dell’isola rotazionale (che può essere minima), la rotatoria non richiede una manutenzione specifica e non comporta costi di gestione (non può rimanere in panne come i semafori…)
– La moderazione della circolazione: nessuno può fare il riscaldamento dei motori tipo formula uno quando si aspetta lo spegnimento dei semafori rossi e tutti cercano di far sentire le differenze tra dodici cilindri. Però l’uso del clacson non è contemplato…
 
[ci avete capito ancora di meno, nevvero?]

0 thoughts on “Rotatorie.”

  1. lo sempre detto che le rotatorie sono una gran bella idea (nonostante sia trasnsalpina…) ma che non siamo in grado di usarle…

    C’entra pocho ma in una rotatoria vicino a casa mia avevano piazzato una scultura che rappresentava uno scontro frontale tra una moto e un’auto! Agghiacciante, meno male che l’han tolta…

  2. meraviglioso!

    parma è la mia città e le rotatorie stanno veramente nascendo anche sulle pareti delle case… stanno invadendo anche la provincia, forse arriveranno anche nel mio paesino di 30 anime!!! speriamo…

  3. giusto oggi sul giornale c’era un articolo del tipo: “in provincia di lecco -30% di incidenti grazie alle rotonde”

    e allora voglio lo sconto sulla rcauto,, eccheccazzo!

  4. Poco fuori dal mio paesino hanno fatto una mega-rotonda ibrida che funziona così bene, ma così bene, che ogni tanto trovi qualcuno contromano…

  5. Un giorno di qualche mese fa vidi una suora affrontare una rotonda (perché si chiama ROTONDA, come c’insegna Fred Bongusto) contromano, tra l’altro una rotonda con un’aiuola foltissima in mezzo, visibilità sulla sponda opposta quasi zero. Fu uno spettacolo meraviglioso, eccetto forse per l’automobilista che rischiò il frontale, ma le bestemmie vennero fuori con maggior vigore e intima soddisfazione. Salut. stark

  6. premesso che secondo me le rotatorie non sono _mai_ utili, e che la sola idea di rotatoria con raggio inferiore a 50 metri è un’aberrazione disperatamente idiota e incocepibilmente deficiente, volevo solo far notare che secondo il codice della strada le rotatorie non hanno nazionalità, e che il segnale di rotatoria implicitamente significa che chi è nell’anello ha sempre la precedenza. Del resto, secondo il codice non esistono nemmeno i semafori con l’accensione contemporanea di giallo e verde, il che renderebbe problematica la circolazione a milano più di quanto già non lo sia.

  7. Una rotatoria senza altra segnaletica vogliono dire automaticamente che chi c’è dentro ha la precedenza, ma esistono rotatorie con altra segnaletica (in genere orizzontale, che se un po’ sbiadita non la vedi e ti fai bestemmiare dietro credendo di aver ragione).

  8. Uff, ora devo nascondere l’arma del delitto con cui ho ucciso l’italiano… sto riacquistando cicli da persona normale e comincio a sentirmi un po’ all’olio, a quest’ora.

    Mini-patch: *Le rotatorie*.

  9. Io sono terrorizzata dalle rotatorie perchè non sai mai se le auto che arrivano insieme a te a contendersi la precedenza ne conoscono il funzionamento… e dalle mie parti il semaforo è ormai una specie estinta!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.